BANANE E LAMPONI? E’ DOPING – NEL CICLISMO SI STA SVILUPPANDO UN FEROCE DIBATTITO SULL’USO DEI CHETONI ASSUNTI MEDIANTE DEGLI INTEGRATORI, SPESSO A BASE DI SUCCO DI LAMPONE, MIRTILLO E CILIEGIA. LA JUMBO VISMA (LA SQUADRA DI ROGLIC, DUMOULIN) SI RIFIUTA DI TOGLIERLE DALLA DIETA. NESSUNO SA SE I CHETONI SERVANO REALMENTE ALL’ORGANISMO (GLI STUDI DANNO RISULTATI PARZIALISSIMI) O A RIMPINGUARE SOLO LE CASSE DI CHI LI VENDE…

-

Condividi questo articolo


Marco Bonarrigo per corriere.it

 

Nel ciclismo professionistico — dove l’allerta sul doping farmacologico e meccanico è sempre alta — si sta sviluppando un feroce dibattito sul possibile divieto di uso di un prodotto all’apparenza del tutto naturale: l’estratto di lamponi.

CICLISMO CHETONI 19 CICLISMO CHETONI 19

 

Durante i recenti Mondiali in Belgio, il board dell’Unione Ciclistica Internazionale ha diffuso un comunicato in cui spiega che «nonostante l’assenza di prove scientifiche sul miglioramento delle prestazioni prodotte dai chetoni e come parte dell’impegno dell’Uci per uno sport onesto e credibile, il Comitato direttivo dell’Uci ha lanciato un nuovo studio scientifico per chiarire la questione. In attesa dei risultati, l’Uci raccomanda ai corridori di astenersi dall’utilizzare questa sostanza».

 

CICLISMO CHETONI 19 CICLISMO CHETONI 19

A stretto giro di posta, Merijn Zeeman, capo allenatore di Jumbo Visma, la squadra che divide con la Ineos i gradi di team più forte del pianeta (grazie a corridori come Roglic, Dumoulin e tanti altri) ha fatto sapere che di rinunciare ai chetoni per i loro atleti gli olandesi non ci pensano proprio: «Il professor Asker Jeukendrup, autorità mondiale in questo campo scientifico — ha spiegato Zeeman — ci consiglia di utilizzare i chetoni in casi specifici come parte di una sofisticata strategia nutrizionale ovviamente nei limiti di quanto consentito. Sappiamo da numerosi studi che i chetoni da soli non determinano la differenza tra vincere e perdere, ma facciamo anche ricerche su come possiamo sfruttare i vantaggi marginali. Non appena l’Uci vieterà l’uso di chetoni, ovviamente smetteremo immediatamente di usare questa sostanza».

 

Contro la Jumbo-Visma e contro i chetoni si sono scagliate molte squadre World Tour con in prima linea la Dsm di Romain Bardet: si narra che dietro la rottura del contratto del talento svizzero Marc Hirschi ci sia stata proprio la volontà dell’atleta di continuare a usare i chetoni vietati dal regolamento interno della squadra.

CICLISMO CHETONI CICLISMO CHETONI

 

Ma cosa sono questi benedetti chetoni e come funzionano? I chetoni sono composti organici prodotti (in quantità limitata) dai reni in caso di deficit di carboidrati e che alcuni ricercatori (contestati) considerano una forma di alimento diversa dalle tre convenzionali, ovvero carboidrati, grassi e proteine e in grado di «regalare» energia supplementare in caso di bisogno. Nessuno sa se i chetoni servano realmente all’organismo (gli studi danno risultati parzialissimi) o a rimpinguare solo le casse di chi li vende. Il fatto è che la maggior parte degli integratori a base di chetoni contengono semplice estratto di lampone, ciliegia o mirtillo con un pizzico di caffeina, succo di mela e, a volte, zenzero. Difficile immaginare che possano far male alla salute. Perché allora i lamponi fanno così paura al governo del ciclismo?

ciclismo ciclismo

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute