IL CALCIO MODERNO? BENE MA NON BENITEZ - L'EX ALLENATORE DEL NAPOLI E LIVERPOOL SCATENATO: "L'OSSESSIONE PER LA COSTRUZIONE DA DIETRO È RIDICOLA. VEDI ERRORI INCREDIBILI CHE COSTANO AI CLUB MILIONI DI SCONFITTE" -  "MEGLIO IL MIO LIVERPOOL O QUELLO DI KLOPP? IO AVEVO UN BUDGET DI 20 MILIONI. LORO PRENDONO GIOCATORI DA 40 MILIONI PER LA PANCHINA" - "IL PROBLEMA CON IL CALCIO È LA COPERTURA MEDIATICA, CI SONO TANTI ALLENATORI CHE HANNO TANTI FOLLOWER, MA QUANDO SI TRATTA DI PRENDERE DECISIONI…" 

-

Condividi questo articolo


Da www.ilnapolista.it

rafa benitez 8 rafa benitez 8

 

Sul lungomare del fiume Mersey, di fronte alle quattro statue dei Beatles, c’è un club sociale del Liverpool. Sulla sua facciata ci sono due murales, uno con l’immagine di Jürgen Klopp che alza la Champions League 2019, un altro con quella di Rafa Benítez e Steven Gerard, Anfield 2004. Benitez vice ancora lì, in una villa vittoriana a West Kirby, e guarda la costa di Galés dalle finestre del soggiorno. Diario As lo ha intervistato in vista della finale di Champions, ma l’ex allenatore del Napoli ha parlato di tutto.

 

rafa benitez 7 rafa benitez 7

Dice, Benitez, che ancora oggi la sua giornata è scandita dall’analisi del gioco: “Al mattino guardo i video. Ora sto analizzando l’uscita da dietro. Tutte le squadre giocano corto, rischiando molto. Passo molto tempo a parlare con le persone che giocano a calcio, a guardare le partite nel pomeriggio e sto con la mia famiglia. Ora con i big data devi essere costantemente aggiornato. Incontro spesso un professore universitario di matematica che usa molto i big data. I numeri hanno bisogno di un esperto per leggerli, e quell’esperto di solito è un allenatore. Ti danno numeri e tu, con la tua esperienza, li interpreti e li valorizzi. Ad esempio si parla di possesso palla, ma cambia molto se è nel tuo campo o in quello del rivale”.

rafa benitez 4 rafa benitez 4

 

E’ un nerd, Benitez: “Ho iniziato 35 anni fa con un Commodore 64. Ricordo che quando ero nelle giovanili del Real Madrid, la mia squadra aveva segnato 117 gol e ne aveva subiti solo 19. E qualcuno mi disse: “Il computer non segna”. Lo so, ma aiuta a gestire le informazioni. Devi usare la tecnologia per trarre conclusioni, ma l’esperienza è ciò che ti aiuta a prendere decisioni e fare meno errori.

rafa benitez 2 rafa benitez 2

 

 Oggi molti giocatori vengono scelti con i big data. In molti casi anche sbagliando, perché ci sono fattori esterni che i numeri non controllano. Ho ingaggiato un grande giocatore per il Liverpool, un centravanti. Le sue caratteristiche e le sue statistiche erano perfette… ma sua moglie non si è adattata e dopo sei mesi ha dovuto essere ceduto. Con i numeri alla mano, non è stato un errore ingaggiarlo, ma l’ambiente familiare lo ha colpito”.

 

rafa benitez 11 rafa benitez 11

La costruzione da dietro, si diceva… “Vedi errori incredibili all’inizio che costano ai club milioni di sconfitte. E tutto perché è di moda giocare da dietro. L’esperienza e l’analisi ti fanno valutare quando devi giocare da dietro, quando devi spingere, aspettare… la chiave è sapere quali strumenti hai, quali giocatori sono ai tuoi comandi. Giocare bene significa fare del tuo meglio per vincere con gli strumenti che hai. E dipende anche dalla cultura di ogni posto. L’ossessione per il possesso non ha senso, perché per quello serve tanta qualità, dal portiere all’attaccante, e poche squadre ce l’hanno”.

 

rafa benitez 3 rafa benitez 3

“Non puoi sempre voler giocare da dietro e perdere le partite, questa è una sciocchezza. Ho visto partite di Champions in cui il portiere la passa al difensore centrale, quest’ultimo al lato e inizia a giocare vicino la bandiera del suo corner. Non voglio dare 17 passaggi alla mia difesa, perché non ne verrà fuori nulla. Le statistiche sono utili lì, perché un’alta percentuale di quelle azioni finiscono nel nulla”.

 

“Ho visto finali di Champions League in cui una squadra ha tirato in porta 29 volte e l’avversario una volta e ha vinto. I fan non lo ricordano. Ne ho parlato con un giocatore che mi ha detto: ‘Che brutta finale abbiamo vinto, ma chi se lo ricorda?’. Ma non puoi nemmeno cadere nel risultatismo, perché questo è un altro errore. Tutte le ossessioni sono un errore. Nel calcio puoi raggiungere la vittoria in molti modi”.

 

rafa benitez 5 rafa benitez 5

In un match immaginario tra il Liverpool di Benítez e quello di Klopp, cosa accadrebbe? “Se analizzi il mio Liverpool, quando siamo arrivati nel 2004, chi erano i migliori? Gerrard, che era un ragazzino che giocava in ruoli diversi… e non c’era molto altro in termini di giocatori di livello mondiale. Ora ti parlano di Xabi Alonso, ma poi era in prestito all’Eibar; Luis García era un giocatore a cui il Barcellona stava rinunciando… Tra i migliori dopo c’è Fernando Torres, che ha segnato 15 o 20 gol in Spagna e con noi ne ha fatti 33.

 

rafa benitez 6 rafa benitez 6

Abbiamo fatto crescere Mascherano, che era un sostituto al West Ham; Lucas Leiva, che in seguito ha trascorso 10 anni nel club; Agger, che costava 6 milioni… La gente ricorda quella squadra, Reina per esempio, ma la paragona a un Liverpool che ha speso 1.000 milioni, spesi benissimo, è vero, ma con giocatori che valgono 40 milioni sul banco degli imputati. Ecco perché non puoi confrontare il mio Liverpool e quello di Klopp, perché devi analizzare i contesti. Avevo un budget di 20 milioni, 20! Dimmi ora con 20 milioni quello che il Liverpool può ingaggiare… nessuno. Prendono giocatori da 40 milioni per la panchina”.

 

rafa benitez 10 rafa benitez 10

In Spagna il campionato è stato vinto da Ancelotti, che ha 62 anni… “Sono un allenatore migliore ora rispetto a 20 anni fa. Ho più esperienza, perché ho vissuto tante situazioni e questo ti aiuta a fare meno errori. Adesso ci sono tanti allenatori ‘mediatici’, che hanno tanti followers, ma quando si tratta di prendere decisioni… Pellegrini, a 68 anni, ha più ragione che torto. Allenatori esperti ti danno garanzia e stabilità. Abbiamo l’esperienza di averlo fatto in altri luoghi, dove nel tempo abbiamo migliorato la struttura, come è successo a noi a Napoli“.

 

Il problema con il calcio è la copertura mediatica, e gli ex giocatori hanno una maggiore presenza nella mente dei tifosi. E questo dà loro un vantaggio. Ma quel vantaggio dura tre mesi. Allora devi dimostrare di essere più di un nome. Non si tratta di essere giovani o famosi. Ma è un trend che circola da anni e che ora i social stanno promuovendo: è giovane, ex giocatore, è bravo. Ma non è sempre così”.

 

rafa benitez 1 rafa benitez 1

“Ho giocato a calcio per tutta la vita, nelle categorie inferiori del Real Madrid fino a quando mi sono infortunato al ginocchio. Molte persone dicono che non ho giocato a calcio eppure ci ho giocato fino a 26 anni, poi ho dovuto ritirarmi. E durante quel periodo, quando ho visto che non sarei diventato il calciatore d’élite che volevo diventare, quello che ho fatto è stato allenarmi, andare all’università, studiare calcio. Era la mia ossessione.

 

rafa benitez rafa benitez

Mi sono formato con le mie esperienze da calciatore, più le informazioni dell’università, i miei primi passi come Del Bosque o assistente di Antic, sono andato in Italia per vedere Ranieri alla Fiorentina, Maturana a Valladolid… Gli allenatori che insegnano meglio hanno una metodologia. Quegli allenatori si preparano costantemente al successo, e il successo a volte significa essere al centro della classifica, perché le loro squadre puntano solo a quello”.

 

BENITEZ BENITEZ

“Ho lavorato a lungo con un direttore sportivo in Spagna e in Italia. Poi vieni in Inghilterra e ti fanno diventare un manager. Lì vedi la complessità di una squadra di calcio. La prima cosa che il Liverpool mi ha chiesto è stato un business plan. Non mi è mai nemmeno venuto in mente di pensarci in Estremadura o al Valencia. Lì devi iniziare a pensare in modo diverso e ora ho una visione di come migliorare un club a tutti i livelli che prima non avevo. Quando lascio le squadre, di solito, ci sono sempre calciatori che hanno un valore più alto, che sono cresciuti”.

BENITEZ BENITEZ BENITEZ HOMER SIMPSON BENITEZ HOMER SIMPSON BENITEZ MOURINHO BENITEZ MOURINHO BENITEZ BENITEZ BENITEZ ZIDANE BENITEZ ZIDANE

  •  

BENITEZ-HIGUAIN BENITEZ-HIGUAIN ATALANTA NAPOLI BENITEZ ATALANTA NAPOLI BENITEZ RAFA BENITEZ RAFA BENITEZ KLOPP BENITEZ KLOPP BENITEZ rafa benitez rafa benitez HIGUAIN E BENITEZ HIGUAIN E BENITEZ benitez benitez BENZEMA BENITEZ BENZEMA BENITEZ

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

"DAVID PARENZO, MORALISTA PER FINTA E SERVILE PER DAVVERO" – IL RITRATTO AL VELENO BY LUIGI MASCHERONI – "IL MEZZOBUSTO, COMICO PER INTERO E TELEPROVOCATORE PERFETTO. HAI PRESENTE IL COMPAGNO DEL LICEO LECCACULO, SPIONE, RUFFIANO AL QUALE SPALMAVI LA SEDIA CON LA COLLA?" - "UNA VOLTA UN TASSISTA DI ROMA GLI DISSE: AHÒ, MA LEI NON È QUER COJONE COMUNISTA DE PARENZO? SCENDA SUBITO!" – L'INCONTRO CON NATHANIA ZEVI, LE INTEMERATE A "LA ZANZARA" (DA QUI IL DETTO: "PARENZO LO STRENZO") E QUELLA VOLTA CHE RIMASE CHIUSO AD AUSCHWITZ…

politica

È STATA LA MANO DI CRISTINA – TERREMOTO IN ARGENTINA: SI È DIMESSO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA MARTÍN GUZMÁN, AFFONDATO DAI CONTINUI ATTACCHI DELLA VICEPRESIDENTE, LA PLURIINDAGATA PER CORRUZIONE CRISTINA KIRCHNER, CHE PUNTA A TORNARE AL POTERE – ORA IL PAESE RISCHIA UN DEFAULT PEGGIORE DI QUELLO DEL 2001: IN QUESTI GIORNI L'ORMAI EX MINISTRO GUZMÁN AVEVA UN APPUNTAMENTO PER RINEGOZIARE CON IL FMI UN PRESTITO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI – LA TERZA ECONOMIA DELL'AMERICA LATINA HA IL SECONDO TASSO DI INFLAZIONE PIÙ ALTO TRA LE GRANDI ECONOMIE, PARI AL 60%, IN CONTINUA CRESCITA…

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute