COSI NON VAR – TORNANO LE SOLITE POLEMICHE: MA QUANDO PUO' INTERVENIRE? - LE REGOLE D’INGAGGIO PER L’INTERVENTO DEL VAR SONO DUE: “CHIARO ED EVIDENTE ERRORE” E “GRAVE ED EVIDENTE EPISODIO NON VISTO” – NEL CASO DEL RIGORE CONCESSO ALL’ATLETICO MADRID, IL VAR AVREBBE DOVUTO CHIAMARE CAKIR, MENTRE PER IL MANCATO PENALTY A ZANIOLO…

-

Condividi questo articolo


arbitro al var 1 arbitro al var 1

Guido De Carolis per il “Corriere della Sera”

 

La Var ha cambiato il calcio, aiuta e fa discutere. L'ultima decisione spetta sempre all'arbitro in campo, il video assistente arbitrale può consigliare, decide solo in caso di errore evidente (un rigore fischiato con un fallo fuori area). 

 

In quattro casi chi sta al monitor può intervenire: 1) rete segnata - non segnata; 2) calcio di rigore - non calcio di rigore; 3) espulsione diretta (non seconda ammonizione); 4) scambio d'identità (se l'arbitro ammonisce o espelle il calciatore sbagliato). Queste sono le basi. Le regole d'ingaggio sono due per l'intervento della Var: «Chiaro ed evidente errore» e «grave ed evidente episodio non visto». 

 

arbitro al var 2 arbitro al var 2

1 Può l'addetto alla Var obbligare l'arbitro ad andare a rivedere un episodio al monitor in campo? 

No. La decisione spetta sempre all'arbitro in campo. L'uomo alla Var consiglia una revisione in campo ( on field review ) quando scova un chiaro ed evidente errore oppure un episodio non visto. 

milan atletico madrid 3 milan atletico madrid 3

 

2 Perché in Milan-Atletico Madrid l'arbitro non è andato a rivedere l'episodio del rigore? 

L'arbitro turco Cakir concede un rigore agli spagnoli per un pallone che schizza fra Kalulu e Lemar. Non c'è penalty perché Lemar tocca volontariamente il pallone, lo spinge avanti portandolo a sbattere su Kalulu. Non è rigore. 

 

Ma perché il Var, il turco Bitigen, non chiama l'arbitro a rivedere l'azione al monitor nonostante riguardi l'azione per oltre 2 minuti? La risposta è una: il Var interviene quando dispone di immagini conclusive, deve avere delle evidenze. Può farlo su un chiaro errore, se lo scova dice all'arbitro vai a rivederla e giudicala. Qui il Var Bitigen non ha visto immagini pulite, ha sbagliato perché nel dubbio avrebbe dovuto invitare Cakir al video. 

milan atletico madrid 1 milan atletico madrid 1

 

3 Chi chiama chi? È il Var ad avvisare o l'arbitro a chiedere aiuto? 

Non c'è un ordine gerarchico. Arbitro e Var sono collegati via auricolare. Il direttore di gara prende una decisione (un rigore) e spiega quello che ha visto. II Var controlla e a quel punto conferma o gli consiglia di andare a rivedere. 

arbitro al var 3 arbitro al var 3

 

4 Quanti sono alla Var? 

Due. Il Var (Video assistente arbitrale) e l'Avar (assistente del video assistente arbitrale). Il Var segue la partita su un monitor e se nota una situazione poco chiara rivede le immagini su un secondo video che ha 3-4 secondi di ritardo. A cosa serve l'Avar? Se il Var è impegnato in una decisione l'Avar deve controllare cosa accade in campo. Con loro ci sono due tecnici. 

ERRORI ARBITRALI PER IL MANCATO USO DEL VAR ERRORI ARBITRALI PER IL MANCATO USO DEL VAR

 

5 Che immagini vedono? 

Ci sono un minimo di 12 telecamere più quelle delle emittenti. I tecnici mostrano le migliori a disposizione. 

 

6 Cosa succede a un arbitro che sbaglia? 

Non c'è un libro delle punizioni. Se l'errore è evidente l'arbitro può essere fermato per uno o più turni. Capita che certi arbitri non dirigano una squadra per molto tempo: Orsato non ha arbitrato l'Inter per più di tre anni. 

lazio roma zaniolo lazio roma zaniolo

 

7 Il rigore non dato a Zaniolo nel derby ha fatto infuriare Mourinho, perché l'arbitro Guida non l'ha rivisto in campo? 

Il laziale Hysaj fa sentire il fisico a Zaniolo. L'arbitro Guida è in controllo, vede l'azione è solo lui a poter valutare l'intensità: non la ritiene da rigore. Il Var non può intervenire.

 

Condividi questo articolo

media e tv

“IL MIO CULO? È TALMENTE MALLEABILE CHE POSSO FARCI ENTRARE E USCIRE QUEL CHE VOGLIO” – E’ IL MANTRA DI CHLOE CHERRY, PORNOSTAR DIVENUTA NOTA AL GRANDE PUBBLICO PER LA PARTE NELLA SERIE TV “EUPHORIA” – BARBARA COSTA: “È NATA E CRESCIUTA IN PENNSYLVANIA, ED È STATA ALLEVATA IN UNA COMUNITÀ AMISH, DOVE LA GENTE È UN PO’ ALL’ANTICA SUL SESSO. E’ STATA EDUCATA CON IL DIVIETO DEL SESSO PRIMA DEL MATRIMONIO, CHE DEVE ESSERE UNO SOLO E DURARE TUTTA LA VITA. MANCO CI VOGLIO PENSARE, A COME LA SUA GENTE VALUTI IL PORNO, FATTO STA CHE CHLOE, RAGGIUNTA LA MAGGIORE ETÀ, DA LÌ È SCAPPATA…”

politica

business

LONDON CRAC! – ALLA FACCIA DELLA RETORICA BELLICISTICA DI BORIS JOHNSON, I CITTADINI SONO ALLE PRESE CON GLI EFFETTI PRATICI DELLA GUERRA IN UCRAINA: PREZZI CHE SCHIZZANO E RECESSIONE ALLE PORTE – L’ALLARME SUI RINCARI “APOCALITTICI” DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D’INGHILTERRA RISUONA FORTE NEL PAESE, MENTRE LE PERSONE INIZIANO A RAZIONARE IL CIBO. E A METTERE IN DISCUSSIONE LA BREXIT. IL RISCHIO È CHE L'ISOLATISSIMO REGNO UNITO DIVENTI UN PARADISO FISCALE PER RICCHI ELUSORI FISCALI, CHE LASCIA I POVERI MORIRE DI FAME...

cronache

sport

VAI PAOLINO! IL RITORNO DI MALDINI DECISIVO PER RESUSCITARE IL MILAN – MOLTO PIU’ DI UN SEMPLICE DIRETTORE DELL’AREA TECNICA, IL VECCHIO "CUORE DI DRAGO" ROSSONERO E’ STATO QUELLO CHE HA TRASFERITO ALLA SQUADRA E AL CLUB IL DNA VINCENTE DEL MILAN BERLUSCONIANO – LA CONFERMA DI PIOLI (QUANDO GAZIDIS SI ERA INVAGHITO DI RANGNICK), GLI ACQUISTI MIRATI, IL FUTURO (PAOLINO HA IL CONTRATTO IN SCADENZA A FINE GIUGNO) - I MALDINI SONO LA PRIMA FAMIGLIA ITALIANA A VINCERE UNO SCUDETTO CON TRE GENERAZIONI DIVERSE 

cafonal

viaggi

salute

CONTRORDINE! LA CARNE ROSSA ALLUNGA LA VITA! - UNA RICERCA DIMOSTRA CHE NEI PAESI DOVE SE NE MANGIA POCA, A VANTAGGIO PER ESEMPIO DI CEREALI E TUBERI, SI CAMPA DI MENO - LE BISTECCHE NON FAREBBERO VENIRE IL CANCRO: IL RISCHIO DI TUMORE AL COLON, SEMMAI, CRESCE SOPRATTUTTO IN CHI HA UNA DIETA PARTICOLARMENTE RICCA DI FIBRE GREZZE E NON RAFFINATE - IL PROFESSOR GIUSEPPE PULINA, PRESIDENTE DI "CARNI SOSTENIBILI": “PER DUE MILIONI DI ANNI ABBIAMO MANGIATO PROTEINE E GRASSI CON POCHISSIMI CARBOIDRATI, MENTRE ORA…”