COSI NON VAR – TORNANO LE SOLITE POLEMICHE: MA QUANDO PUO' INTERVENIRE? - LE REGOLE D’INGAGGIO PER L’INTERVENTO DEL VAR SONO DUE: “CHIARO ED EVIDENTE ERRORE” E “GRAVE ED EVIDENTE EPISODIO NON VISTO” – NEL CASO DEL RIGORE CONCESSO ALL’ATLETICO MADRID, IL VAR AVREBBE DOVUTO CHIAMARE CAKIR, MENTRE PER IL MANCATO PENALTY A ZANIOLO…

-

Condividi questo articolo


arbitro al var 1 arbitro al var 1

Guido De Carolis per il “Corriere della Sera”

 

La Var ha cambiato il calcio, aiuta e fa discutere. L'ultima decisione spetta sempre all'arbitro in campo, il video assistente arbitrale può consigliare, decide solo in caso di errore evidente (un rigore fischiato con un fallo fuori area). 

 

In quattro casi chi sta al monitor può intervenire: 1) rete segnata - non segnata; 2) calcio di rigore - non calcio di rigore; 3) espulsione diretta (non seconda ammonizione); 4) scambio d'identità (se l'arbitro ammonisce o espelle il calciatore sbagliato). Queste sono le basi. Le regole d'ingaggio sono due per l'intervento della Var: «Chiaro ed evidente errore» e «grave ed evidente episodio non visto». 

 

arbitro al var 2 arbitro al var 2

1 Può l'addetto alla Var obbligare l'arbitro ad andare a rivedere un episodio al monitor in campo? 

No. La decisione spetta sempre all'arbitro in campo. L'uomo alla Var consiglia una revisione in campo ( on field review ) quando scova un chiaro ed evidente errore oppure un episodio non visto. 

milan atletico madrid 3 milan atletico madrid 3

 

2 Perché in Milan-Atletico Madrid l'arbitro non è andato a rivedere l'episodio del rigore? 

L'arbitro turco Cakir concede un rigore agli spagnoli per un pallone che schizza fra Kalulu e Lemar. Non c'è penalty perché Lemar tocca volontariamente il pallone, lo spinge avanti portandolo a sbattere su Kalulu. Non è rigore. 

 

Ma perché il Var, il turco Bitigen, non chiama l'arbitro a rivedere l'azione al monitor nonostante riguardi l'azione per oltre 2 minuti? La risposta è una: il Var interviene quando dispone di immagini conclusive, deve avere delle evidenze. Può farlo su un chiaro errore, se lo scova dice all'arbitro vai a rivederla e giudicala. Qui il Var Bitigen non ha visto immagini pulite, ha sbagliato perché nel dubbio avrebbe dovuto invitare Cakir al video. 

milan atletico madrid 1 milan atletico madrid 1

 

3 Chi chiama chi? È il Var ad avvisare o l'arbitro a chiedere aiuto? 

Non c'è un ordine gerarchico. Arbitro e Var sono collegati via auricolare. Il direttore di gara prende una decisione (un rigore) e spiega quello che ha visto. II Var controlla e a quel punto conferma o gli consiglia di andare a rivedere. 

arbitro al var 3 arbitro al var 3

 

4 Quanti sono alla Var? 

Due. Il Var (Video assistente arbitrale) e l'Avar (assistente del video assistente arbitrale). Il Var segue la partita su un monitor e se nota una situazione poco chiara rivede le immagini su un secondo video che ha 3-4 secondi di ritardo. A cosa serve l'Avar? Se il Var è impegnato in una decisione l'Avar deve controllare cosa accade in campo. Con loro ci sono due tecnici. 

ERRORI ARBITRALI PER IL MANCATO USO DEL VAR ERRORI ARBITRALI PER IL MANCATO USO DEL VAR

 

5 Che immagini vedono? 

Ci sono un minimo di 12 telecamere più quelle delle emittenti. I tecnici mostrano le migliori a disposizione. 

 

6 Cosa succede a un arbitro che sbaglia? 

Non c'è un libro delle punizioni. Se l'errore è evidente l'arbitro può essere fermato per uno o più turni. Capita che certi arbitri non dirigano una squadra per molto tempo: Orsato non ha arbitrato l'Inter per più di tre anni. 

lazio roma zaniolo lazio roma zaniolo

 

7 Il rigore non dato a Zaniolo nel derby ha fatto infuriare Mourinho, perché l'arbitro Guida non l'ha rivisto in campo? 

Il laziale Hysaj fa sentire il fisico a Zaniolo. L'arbitro Guida è in controllo, vede l'azione è solo lui a poter valutare l'intensità: non la ritiene da rigore. Il Var non può intervenire.

 

Condividi questo articolo

media e tv

UBI MAJOR, JALISSE CESSANT! ECCO COSA C’E’ DIETRO LA 25ESIMA ESCLUSIONE AL FESTIVAL DELLA COPPIA – “SIAMO NATI INDIPENDENTI, ABBIAMO APERTO LA NOSTRA PICCOLA CASA DISCOGRAFICA NEL 1992, QUANDO LE MAJOR NON ERANO INTERESSATE. ABBIAMO VINTO E SONO VENUTI TUTTI A BUSSARE ALLA NOSTRA PORTA, NOI PERÒ ABBIAMO SEMPRE VOLUTO MANTENERE IL NOSTRO PROFILO INDIPENDENTE E ANCHE QUEST'ANNO È STATO COSÌ. NON VOGLIO PENSARE PERÒ CHE SIA PER QUESTO, PERCHÉ…" - L'AUTO-IRONIA DEL PIDDINO GIANNI CUPERLO CHE SI PARAGONA AI JALISSE

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute