CR7 E IL GIOCO DELLE TRE CARTE – "IL FATTO QUOTIDIANO": LE SCRITTURE PRIVATE RELATIVE AI 20 MILIONI DI RONALDO SONO 3 – QUESTE CARTE GARANTISCONO AL PORTOGHESE IL RECUPERO DEL TAGLIO STIPENDIO (19,5 MILIONI DI EURO), SIA CHE FOSSE RIMASTO ALLA JUVE O CHE FOSSE ANDATO VIA. QUEI SOLDI, CHE NON SONO A BILANCIO, ORA VENGONO RECLAMATI DA CR7 – DELL’ACCORDO TRA I DIRIGENTI JUVE E RONALDO GLI AZIONISTI NON SANNO NULLA, VISTO CHE…

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

 

cristiano ronaldo e andrea agnelli 3 cristiano ronaldo e andrea agnelli 3

La famosa carta Ronaldo non è una sola, ma tre. Lo scrive Il Fatto Quotidiano. Ci sono tre scritture private che garantiscono al portoghese il pagamento dei 19,5 milioni di stipendio tagliati sia nel caso che resti alla Juventus sia nel caso vada via prima del 2021. Soldi che ovviamente non sono contabilizzati a bilancio e mai avrebbero potuto esserlo. Soldi che ora Ronaldo reclama.

 

Il Fatto scrive:

"Per la precisione le “carte” scoperte dalla Guardia di Finanza e dalla Procura di Torino sono tre. E sono proprio queste a mettere la Juventus in un angolo”.

 

Il Fatto ricostruisce la questione relativa agli stipendi. Tra il 2020 e il 2021, 17 giocatori della Juventus accettano una riduzione dello stipendio che il club mette a bilancio, registrando così una riduzione dei costi. Nel 2020 alcuni calciatori si riducono lo stipendio di quattro mensilità salvo poi recuperarle in seguito. La trattativa sindacale fu condotta, all’epoca, da Chiellini. Nell’ambito di questo accordo con il club rientra la carta Ronaldo. Anzi, le carte Ronaldo. Simile agli accordi con gli altri giocatori.

cristiano ronaldo e andrea agnelli 2 cristiano ronaldo e andrea agnelli 2

 

Il Fatto scrive di aver visto i tre documenti. Parla della prima carta, firmata da Paratici, allora direttore sportivo.

“Egregio Dos Santos Aveiro Cristiano Ronaldo” esordisce la prima, di poche righe, che nel classico linguaggio burocratico spiega in sostanza: “Con la presente le consegniamo” i successivi due documenti. E precisa che il loro contenuto sarà “ritrascritto” sui moduli federali della Federcalcio indicando una data: luglio. Stando alla prima scrittura privata, quindi, Ronaldo dichiara di ricevere le altre due e viene informato che a luglio sarà tutto depositato in Figc. Non è un dettaglio neutro. Depositare tutto prima, cioè a maggio, avrebbe comportato l’obbligo di segnalare tutto in bilancio. Invece tutto slitta al successivo”.

 

Il quotidiano passa ad esaminare la seconda carta.

cristiano ronaldo e andrea agnelli 1 cristiano ronaldo e andrea agnelli 1

“Qui non c’è alcun “egregio” e si va al sodo. Il “sodo” è una “condizione”: potremmo chiamarla un premio fedeltà. O una “integrazione salariale” legata al “caso in cui” Ronaldo nel luglio 2021 sia ancora “tesserato con la Juventus Football club Spa”. Bene: cosa accade se questa condizione si realizza? Ronaldo riceve un premio. A rate. Nella scrittura il premio viene scaglionato in più mensilità, a partire da luglio, che moltiplicate danno questa cifra: 19,5

milioni lordi.

 

Esattamente la riduzione di stipendio che Ronaldo aveva pattuito. Se nel luglio 2021 Ronaldo è ancora bianconero, quindi, “all’avveramento della condizione” recupera tutto. E se invece va via? Qui entra in gioco la terza carta, ed è meraviglioso”.

 

 

Il Fatto esamina anche quella.

“Si ricomincia: “Egregio Dos Santos Aveiro Cristiano Ronaldo…”. e poche righe dopo si torna al sodo: se non “matura” il premio citato nella carta numero due, avrà diritto a “percepire” un “importo pari” al premio stesso. Ma per un altro motivo: “incentivo all’esodo””.

 

Insomma, in base ai tre documenti, sia che resti sia che vada via, Ronaldo sarà pagato 19,5 milioni di euro, la cifra pattuita all’inizio. Un accordo tra i dirigenti Juve e il portoghese di cui gli azionisti non sanno nulla, visto che si sono fermati alla riduzione dello stipendio di Ronaldo messo a bilancio.

andrea agnelli e cristiano ronaldo foto mezzelani gmt 185 andrea agnelli e cristiano ronaldo foto mezzelani gmt 185

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO A MISURA DUOMO - PORTALUPPI CHIAMA, MILANO RISPONDE! IN CINQUECENTO SI SONO SCAPICOLLATI PER FESTEGGIARE L’USCITA DEL LIBRO ‘’PIERO PORTALUPPI’’, L’ARCHITETTO CHE HA CAMBIATO CON I SUOI LAVORI LA FACCIA DELLA CAPITALE LOMBARDA - IN CASA DEGLI ATELLANI, IL GIOIELLO RINASCIMENTALE TRASFORMATO UN SECOLO FA DA PORTALUPPI, PIERO MARANGHI, CURATORE DELL’OPERA, HA ACCOLTO GIBERTO ARRIVABENE E BIANCA D’AOSTA, TOMMASO SACCHI E CHIARA BAZOLI, NICOLA PORRO E STEFANO BARTEZZAGHI, VERONICA ETRO E MARCO BALICH, BARNABA FORNASETTI E MICHELA MORO…

viaggi

salute