IL DISSESTO DEL MILAN HA UN NOME E COGNOME: MASSIMILANO MIRABELLI. IL DIRETTORE SPORTIVO HA SPESO 250 MILIONI PER GIOCATORI MEDIOCRI E SENZA MERCATO. HA RINNOVATO PER 2 ANNI MONTELLA E LO HA CACCIATO DOPO 3 MESI. MA LA VERA NOTIZIA CHE FARÀ RUMORE NEI PROSSIMI GIORNI RIGUARDA UN AZIONISTA DEL MILAN PRONTO AD AZIONI CLAMOROSE…

-

Condividi questo articolo

mirabelli montella mirabelli montella

DAGONEWS

 

Il dissesto del Milan a livello gestionale ha un nome e cognome: Massimiliano Mirabelli. Il DS del Milan è stato capo scout all’Inter e ha un passato nelle categorie inferiori in Calabria.

 

La società ha sostenuto spese per 250 milioni in estate per giocatori mediocri e senza mercato. Giocatori che non giocano da più di sei mesi come il turco Hakan Calhanoglu, oppure giocatori come Bonucci pagati 40 milioni di euro e con ingaggio altissimo, creando anche un problema nello spogliatoio.

gattuso gattuso

 

Poi arriviamo a Donnarumma: ingaggio da sei milioni annui con clausola rescissoria ridicola e con Raiola che ride a crepapelle, avendo fatto inserire anche il fratello a 1 milione all’anno. Ma l’incapacità vera l’ha dimostrata con Montella, quando a giugno gli ha rinnovato il contratto per due anni, poi gli ha comprato 11 giocatori dichiarando che ci vuole tempo per assemblare il tutto. E poi dopo tre mesi lo ha cacciato.

 

Questa strategia senza una direzione ha creato un danno patrimoniale enorme al Milan. Chi lo pagherà?

 

Ora arriva Gattuso. Cosa c’è dietro questa scelta? Innanzitutto, costa poco. Poi è calabrese, come Mirabelli. Ma la vera notizia che farà clamore nei prossimi giorni è che un azionista del Milan si starebbe preparando a una mossa clamorosa che ha a che fare con la campagna acquisti…ne vedremo delle belle.

DONNARUMMA 1 DONNARUMMA 1 ANTONIO DONNARUMMA ANTONIO DONNARUMMA MASSIMO MIRABELLI MASSIMO MIRABELLI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute