LA FERRARI E’ UN MISTERO AVVOLTO IN UN ENIGMA – IL CAVALLINO NON È RIUSCITO A SOFFIARE NESSUN INGEGNERE ALLA RED BULL. SI DICE CHE LE PROPOSTE NON FOSSERO COSÌ FAVOLOSE - MARANELLO SEMBRA UN CANTIERE BLOCCATO: IL TOURBILLON SU HAMILTON E SUL RINNOVO DI LECLERC RISCHIA DI ALZARE ALTRO FUMO - E SE IL PRESENTE È UN’INCOGNITA, IL FUTURO PER TORNARE FINALMENTE COMPETITIVI PER IL TITOLO È UN MISTERO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Daniele Sparisci per il “Corriere della Sera”

 

vasseur vasseur

Montecarlo, casa Leclerc. II brusìo delle voci su un corteggiamento a Lewis Hamilton fa sognare gli inglesi più degli italiani. E questo già la dice lunga. Far quadrare i conti, altro che 45 milioni di ingaggio, quelli in pista. I conti con la fortuna, che a Charles davanti alla sua gente ha sempre voltato la faccia.

 

Due pole — di fila — e zero vittorie, su una pista dove se parti davanti vinci anche con un motore azzoppato (Ricciardo, 2018). Una specie di maledizione. Nel Principato, questo weekend, la Ferrari ha la più concreta occasione per prendersi il bottino grosso. Fila in qualifica e soffre in gara, ma a Montecarlo alla domenica — se non piove — c’è poco da soffrire se stai in testa. Da perderci la testa con un successo rosso. Darebbe la scossa a Maranello, anche a questa F1 targata Red Bull. Già, ma poi? Se la Ferrari del presente è un’incognita, quella del futuro è un mistero. Dà l’idea di un cantiere bloccato, o che quantomeno procede a rilento. Il tourbillon su Hamilton rischia di alzare una nebbia su un altro fronte.

 

SAINZ VASSEUR LECLERC 1 SAINZ VASSEUR LECLERC 1

Dove sono i tecnici che dovrebbero portare nuovo sapere e gettare le basi per il ritorno al vertice? Le trattative proseguono, ma finora i tentativi di soffiare ingegneri di punta alla Red Bull non sono andati in porto. Gli interessati sono stati trattenuti, e hanno ottenuto aumenti. Magari perché le proposte del Cavallino non erano così favolose, si dice in giro.

 

SAINZ VASSEUR LECLERC SAINZ VASSEUR LECLERC Frederic Vasseur Frederic Vasseur hamilton hamilton

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE