I GIOCATTOLI DI OGGI: UNA VOLTA SI REGALAVA IL PELUCHE, ADESSO UNA SQUADRA DI CALCIO - TRA GLI AZIONISTI DELLE ANGEL CITY DI LOS ANGELES, LA NUOVA SQUADRA DELLA NATIONAL WOMEN'S SOCCER LEAGUE, C'È OLYMPIA OHANIAN, FIGLIA DI SERENA WILLIAMS E ALEXIS OHANIAN, IMPRENDITORE E FONDATORE DI "REDDIT" - LA PROPRIETÀ DELLA SQUADRA SEMBRA UN RED CARPET: CI SONO NATALIE PORTMAN, JESSICA CHASTAIN, EVA LONGORIA, JENNIFER GARNER...

-

Condividi questo articolo


Gaia Piccardi per il “Corriere della Sera”

 

olympia ohanian 1 olympia ohanian 1

No, la notizia da titolo del calcio americano non è il debutto di Giorgio Chiellini con la maglia del Los Angeles Fc ma l'esordio al Banc of California Stadium (22 mila posti), la nuova casa dell'ex capitano della Juve, del componente più giovane tra gli azionisti di una grande franchigia made in Usa: Olympia Ohanian, 4 anni, proprietaria delle Angel City di Los Angeles, la nuova squadra della National Women's soccer League che con gli omologhi maschi condivide campo e spalti.

 

Mentre mamma Serena Williams è impegnata a Washington nell'ennesimo tentativo di rientro nel grande tennis a quasi 41 anni (li compirà quindici giorni dopo l'Open Usa), papà Alexis Ohanian, fondatore del social Reddit, imprenditore, domenica ha portato al match la piccola, che ha esordito sgambettando sul prato con le giocatrici del team (non con l'infortunata Christen Press, stella assoluta, due Mondiali conquistati con gli Usa, losangelina tornata a casa dopo esperienze in Svezia e Inghilterra, sponda United, che con gli Angeli di LA ha firmato un biennale con opzione per il terzo anno a 700 mila dollari a stagione).

 

serena williams e la figlia olympia ohanian 1 serena williams e la figlia olympia ohanian 1

Archiviato a Wembley un Europeo da record, nel mondo del professionismo e delle opportunità Olympia condivide la plancia di comando del marchio più glamour e potenzialmente profittevole del calcio americano insieme alle amiche del padre (le business women Julie Uhrman e Kara Nortman) e all'attrice Natalie Portman, tra le fondatrici capaci di catalizzare l'interesse di una megalopoli cui lo sbarco dall'Europa di David Beckham nei Galaxy (correva il 2007) aveva acceso una lampadina d'interesse per il soccer, finalmente declinato al femminile.

 

natalie portman angel city fc natalie portman angel city fc

«Nel 2019 stavo guardando una partita della Nazionale Usa al Mondiale - ha raccontato Portman -. Vedere mio figlio idolatrare Megan Rapinoe e Alex Morgan come Messi o Cristiano Ronaldo mi ha convinto della necessità di un cambio di mentalità e di cultura». Era arrivato il momento di dare a Los Angeles, la città del cinema, la sua squadra dei sogni.

 

La presenza di Portman tra le socie fondatrici ha catalizzato l'attenzione e spinto un nutrito gruppo di colleghe (Jessica Chastain, Eva Longoria, Jennifer Garner) a scendere in campo come investitrici al fianco di Ohanian, che nell'avventura ha da subito coinvolto Olympia. Ma tra chi è convinto che le City Angels possano sfondare a livello di cultura pop, ci sono anche Lindsey Vonn, il totem del calcio femminile Usa Abby Wambach, la veterana Mia Hamm e la cantante Cristina Aguilera.

 

le proprietarie delle angel city di los angeles 3 le proprietarie delle angel city di los angeles 3

In un campionato fin qui dominato dalle San Diego Wave di Alex Morgan e dalle Portland Thorns, con Houston Dash, Chicago Red Stars e Ol Reign di Rapinoe e Tobin Heath (compagna di Press) che inseguono, in attesa di effetti speciali Los Angeles si barcamena a metà classifica, senza drammi né piani di budget disattesi. La franchigia è appena nata, il ritorno di Press le regalerà brillantezza (l'attaccante 33enne a Los Angeles si gioca la convocazione in Nazionale per il Mondiale 2023 con il nuovo coach Vlatko Andonovsky), ogni match casalingo è una festa di popolo, colori e pop corn, in perfetta tradizione americana, con Jennifer Garner e Glennon Doyle (moglie scrittrice di Wambach) a capo del tifo e delle coreografie sugli spalti.

serena williams e la figlia olympia ohanian 2 serena williams e la figlia olympia ohanian 2

 

E poi, da domenica, c'è anche baby Olympia, con la sua carica di entusiasmo e dollari nel portfolio. Se la bambina ha ereditato un grammo del fiuto per gli affari dei genitori, le Angel City (impegnate lunedì in Florida contro le Orlando Pride della fuoriclasse brasiliana Marta) possono dormire sonni tranquilli.

olympia ohanian 2 olympia ohanian 2 alexis ohanian e la figlia olympia alexis ohanian e la figlia olympia serena williams e la figlia olympia ohanian serena williams e la figlia olympia ohanian serena williams alexis ohanian e la figlia olympia 2 serena williams alexis ohanian e la figlia olympia 2 le proprietarie delle angel city di los angeles 1 le proprietarie delle angel city di los angeles 1 serena williams alexis ohanian e la figlia olympia 1 serena williams alexis ohanian e la figlia olympia 1 le proprietarie delle angel city di los angeles 2 le proprietarie delle angel city di los angeles 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

BUTTI LA RETE (COMINCIAMO BENE...) – IL RESPONSABILE TELECOMUNICAZIONI DI FRATELLI D’ITALIA ALESSIO BUTTI SMENTISCE "IL FOGLIO" SULLA RETE UNICA - "SIAMO FORTEMENTE CONTRARI AL PIANO DI VENDITA DELLA RETE TIM. LA RETE UNICA DEVE RIMANERE IN CAPO A TIM. MA CON CONTROLLO E GESTIONE DI CDP" – CERASA (DIRETTORE DE "IL FOGLIO"): IL PIANO DI FRATELLI D’ITALIA E’ FAR COMPRARE OPEN FIBER A TIM E POI FAR COMPRARE TIM A CDP. MI PARE ISPIRATO AL MODELLO MADURO (NAZIONALIZZARE TUTTO)…

cronache

sport

"UNA VOLTA NON GLI PASSAI IL PALLONE E CALCIAI DA TRENTA METRI. MI DISSE: 'NON HAI MAI SEGNATO DA LÌ. CHE CAZZO CALCI?'" - DIEGO SIMEONE PARLA DEL SUO RAPPORTO CON MARADONA: "ERA COME AVERE UN ALTRO ALLENATORE IN SQUADRA. MI CRITICAVA ANCHE PERCHÉ MI PIACEVA ANDARE AVANTI, CERCARE IL GOL. E LUI MI DICEVA CHE IL CENTROCAMPISTA SI CHIAMA COSÌ PERCHÉ GIOCA A CENTROCAMPO" - "SI È SEMPRE COMPORTATO IN MANIERA FANTASTICA, PRENDENDOSI CURA DI ME, INVITANDOMI A CASA SUA QUANDO ERAVAMO INSIEME A SIVIGLIA…" - VIDEO

cafonal

viaggi

salute