“ALLEGRI HA GIA’ UN’OFFERTA. DALLA JUVE? NON LO ESCLUDO” – PARLA GIOVANNI GALEONE, MENTORE DI MAX: “ANCHE QUANDO SI SONO LASCIATI CON AGNELLI NON C’ERANO STATI ATTRITI. UN ANNO FA AVREI ESCLUSO UN SUO RITORNO, ORA NO. PIRLO? È ANCORA TROPPO GIOCATORE. IL PROBLEMA È …"

-

Condividi questo articolo


Valerio Clari per gazzetta.it

 

 

giovanni galeone massimiliano allegri giovanni galeone massimiliano allegri

Giovanni Galeone, a lei Allegri ha detto quale squadra allenerà nel 2021-22?

"L’ho sentito un paio di giorni fa ed è certo di tornare a giugno, quindi avrà qualcosa in mano. Io non gli chiedo cosa e non voglio che me lo dica. Ma l’ho sentito molto deciso".

Con Agnelli rapporti buoni: ritorno possibile?

"Rapporti ottimi. Anche quando si sono lasciati con il presidente non c’erano stati attriti. Si sono sentiti anche l’anno scorso più volte, non si sono abbandonati completamente. Non so se il suo ritorno sia possibile e non so in quali condizioni. Ma non lo escluderei a priori. Se me lo avesse chiesto un anno fa l’avrei escluso. Ora no".

giovanni galeone massimiliano allegri giovanni galeone massimiliano allegri

 

La separazione arrivò per diverse visioni sul futuro della rosa e la necessità di “rifondare”. Aveva ragione Max?

"Se notate da quando è andato via i primi a essere ceduti sono stati uomini che lui faceva giocare sempre: Matuidi, di cui era innamorato, Khedira, professore di calcio, che non sbagliava un movimento o un inserimento, Emre Can. Probabilmente avrebbe fatto altre scelte, anche se Ramsey, Arthur, Rabiot non sono da discutere. Il problema è schierarli al meglio, definire un modo di stare in campo".

galeone allegri giampaolo galeone allegri giampaolo

 

Pirlo non ci è riuscito. Come mai?

"Per ora no. Ha fatto un po’ di fatica, all’inizio come tutti anche per colpa del Covid. Però lui è ancora molto giocatore. Il problema è che manca l’identità di gioco. Prima c’era lo spirito Juve, Max aveva capito che la BBC non poteva più essere la risposta. Chiellini non può più giocarle tutte e a sinistra né De Ligt né Bonucci vanno bene: possibile che una società che spende tanto non veda che quando manca Chiellini non c’è un centrale di sinistra? Lo ha dovuto fare Alex Sandro, povero disgraziato. Qualche limite nella costruzione c’è stato, con Max forse sarebbero arrivate più obiezioni".

allegri galeone allegri galeone

 

Quindi se anche tornasse Allegri, questa Juve avrebbe bisogno di molte correzioni?

"Vediamo come finisce il campionato: la Juve ha la fortuna che la Roma contro le prime sette fa pochissimi punti, se no sarebbe in zona Champions. E con il Napoli, l’Atalanta e il Milan, i bianconeri avrebbero avuto problemi a entrare nei quattro, di questo passo. A fine stagione andranno fatte delle scelte definitive e decisive per dare un nuovo profilo alla Juve, se vuole arrivare a questa benedetta Champions".

giovanni galeone massimiliano allegri giovanni galeone massimiliano allegri allegri galeone allegri galeone allegri galeone allegri galeone

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

BYE BYE CASALEGGIO - IL M5S SALUTA DEFINITIVAMENTE ROUSSEAU: “LE SCELTE DELL'ASSOCIAZIONE EVIDENZIANO LA VOLONTÀ DI QUEST'ULTIMA DI SVOLGERE UNA PARTE ATTIVA E DIRETTA NELL'ATTIVITÀ POLITICA. QUESTA VOLONTÀ È INCOMPATIBILE CON UNA GESTIONE "NEUTRALE" DEGLI STRUMENTI - IL MOVIMENTO 5 STELLE, NELL'AMBITO DEL NUOVO PROGETTO POLITICO IN CORSO DI DEFINIZIONE, HA AVVIATO LE PROCEDURE PER DOTARSI DEGLI STRUMENTI DIGITALI NECESSARI AD ASSICURARE LA PARTECIPAZIONE DEGLI ISCRITTI” - NEL NUOVO STATUTO CI SARA’ LA DEROGA AI DUE MANDATI?

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute