“CEFERIN NON SI RICANDIDERA’ ALLA PRESIDENZA UEFA NEL 2027: MA HA ANCORA TRE ANNI PER FARE CHISSÀ CHE COSA DEL CALCIO” – DAMASCELLI: “LA BUONA NOTIZIA ARRIVA DOPO TRE MANDATI SENZA GLORIA ALCUNA, MA PER ALTRI TRE ANNI CEFERIN CONTINUERÀ AD ESERCITARE IL SUO POTERE, A TENERE A DISTANZA I RIBELLI, GOFFI, DELLA SUPERLEGA. AVANZA L’OMBRA DEL QATARIOTA AL KHELAIFI, PRESIDENTE DEL PSG E BRACCIO DESTRO, SINISTRO E DI TUTTO IL RESTO DI CEFERIN, PRONTO AD IMPOSSESSARSI DEL POTERE…”

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

 

ceferin al khelaifi ceferin al khelaifi

Ieri Ceferin, presidente Uefa, ha annunciato che non si ricandiderà nel 2027.

 

Su il Giornale, Damascelli commenta così la scelta del presidente slovacco.

 

Ceferin ha ancora tre anni per fare chissà che cosa del calcio

 

 

Dopo tre mandati, senza gloria alcuna, Ceferin ha fatto il grande e buffo annuncio: «Non mi ricandido» che sarebbe una buona notizia ma è appunto buffa perché il fatto avverrà non domani ma tra tre anni, dunque nel 2027, quando lo stesso sloveno compirà i sessanta e avrà fatto chissà che cosa altro per il football europeo.

 

Avanza l’ombra del braccio destro Al Khelaifi

ceferin boban ceferin boban

Ceferin deve avere annusato puzza di bruciato, il presidente della Football Association, Bullingham, aveva votato contro la rielezione, una modifica statutaria per il 4° mandato proposta dallo stesso Ceferin e accolta dai cortigiani propensi allo status quo, anche i capi del calcio di Norvegia e Islanda avevano alzato la cartolina rossa in assemblea dimostrando il loro dissenso alla dittatura. Non cambia molto, anzi avanza l’ombra del qatariota Al Khelaifi, presidente del Psg e braccio destro, sinistro e di tutto il resto di Ceferin, pronto ad impossessarsi del potere.

 

La Uefa dovrà fare i conti con i ribelli della Superlega

Per altri tre anni Ceferin continuerà ad esercitare il suo potere, a tenere a distanza i ribelli, goffi, della superlega, l’Uefa resiste a se stessa ma dovrà fare i conti con il crescente potere dei club e delle voci critiche al proprio interno. Le dimissioni di Boban sono state il primo segnale di allarme tenuto sotto traccia dal sistema di Nyon e con una reazione sgarbata dello stesso Ceferin: «Non meritano il mio commento». Effettivamente Boban non meritava di lavorare per e con uno come l’attuale presidente dell’Uefa.

 

ceferin ceferin

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…