“EGONU HA FATTO BENE A DENUNCIARE VANNACCI" - LORENZO BERNARDI, ELETTO PALLAVOLISTA DEL XX SECOLO, TORNA IN NAZIONALE COME ASSISTENTE DI VELASCO CHE GUIDA L’ITALVOLLEY DONNE: "LE DIFFERENZE COL MONDO MASCHILE? CON LE DONNE MAGGIORE CORRETTEZZA, MENO INSULTI E PIÙ VOGLIA DI IMPARARE – IL RAZZISMO? È UNA PIAGA SOCIALE. IO SONO CONVINTO CHE IN CASI DI INSULTI LA PARTITA VADA SOSPESA, BISOGNA DARE UN SEGNALE FORTE”

-

Condividi questo articolo


Niccolò Zancan per “la Stampa” - Estratti

 

lorenzo bernardi lorenzo bernardi

Lorenzo Bernardi, incominciamo con una domanda poco simpatica. Dicono di lei: persona chiusa, al limite della freddezza. È vero?

«Sono nato in Trentino. Sono una persona riservata. C'è modo e modo di manifestare le proprie emozioni. Magari rido poco, ma mi diverto dentro».

 

Lei è stato uno dei giocatori più vincenti della storia del volley, come allenatore è tornato a vincere appena è passato al femminile. Che mondo ha trovato?

«È lo stesso sport, ma cambiano le dinamiche umane. Sono diversi i modi di rapportarsi, ma restano identici gli obiettivi. Da parte delle mie giocatrici ho trovato maggiore disponibilità a mettersi in discussione, a provare cose nuove. Penso che la pallavolo femminile possa migliorare molto e che sia destinata a superare quella maschile. Del resto quasi il 70 per cento dei tesserati della federazione italiana è fatto di donne».

lorenzo bernardi lorenzo bernardi

 

Un'altra differenza fra i due mondi?

«Con le donne maggiore correttezza, meno insulti. Un clima di maggiore sportività».

 

Come ha affrontato il cambiamento?

«Studiando molto. Preparandomi e leggendo. Chiedendo consiglio a Julio Velasco, esplorando il mondo della Nazionale femminile. Io quando decido di affrontare una sfida non sono uno che butta i dadi».

 

Con chi si è consultato?

«Con mia moglie e con i miei figli. Sono loro che portano il peso delle mie gioie e delle mie delusioni, anche quello dei miei traslochi. A Piacenza, l'ultima squadra maschile, sono stato esonerato con una telefonata la mattina del 31 dicembre: delusione grande. Ci siamo confrontati in famiglia. Ma loro sanno che se mi metto in testa una cosa alla fine la faccio».

 

Dopo cinque mesi alla guida della Igor Novara ha vinto una coppa europea. Cosa ha provato?

paola egonu paola egonu

«È stata una grande soddisfazione».

 

Essere stato giudicato il miglior giocatore di pallavolo del ventesimo secolo, quanto le serve adesso per allenare?

«Io credo tanto. Per esempio: serve a non irrigidirsi di fronte a un errore banale. Perché io rivedo i miei sbagli, mi ricordo dei miei errori. Quando le mie giocatrici si arrabbiano per una sconfitta, penso alla mia sconfitta olimpica. Aver provato certe dinamiche sulla mia pelle, mi serve adesso per capire le emozioni che provano loro».

 

Il razzismo è ovunque. Anche nel mondo del volley: a Ravenna insulti dei tifosi contro il centrale nigeriano Martins Arasomwan. Voi parlate di queste cose?

«Sì, capita di parlarne. È una piaga sociale. Io sono convinto che in casi del genere la partita vada sospesa, bisogna dare un segnale forte. Deve essere una regola chiara. Una decisione presa dall'arbitro, non lasciata alle iniziative individuali. Lo sport è il contrario del razzismo. È incontro, è conoscenza».

 

paola egonu paola egonu

Paola Egonu è vittima di razzismo. Paola Egonu ha denunciato il generale Vannacci per quella frase tremenda nel suo libro: «I tratti somatici non rappresentano l'italianità». Cosa ne pensa?

«Che ha fatto bene a denunciare tutto quello che la faceva stare male, ha fatto bene a fare valere le proprie ragioni. E penso anche che se uno scrive certe frasi su un libro e poi ottiene molta visibilità, di quelle frasi deve assumersi la responsabilità».

julio velasco julio velasco

 

(...)

 

A proposito di Nazionale. Perché Velasco è Velasco?

«Per la straordinaria capacità di focalizzare la squadra: tutti uniti, con un unico obiettivo, senza dispersioni di energie. Lui è un maestro nel formare un gruppo».

 

(...)

lorenzo bernardi lorenzo bernardi lorenzo bernardi lorenzo bernardi lorenzo bernardi cover lorenzo bernardi cover lorenzo bernardi cover lorenzo bernardi cover lorenzo bernardi lorenzo bernardi

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)