“LUKAKU HA RAGIONE: “L’INTER NON E’ ANCORA UNA BIG”. COSA PENSANO ZHANG E MAROTTA, DOPO I 97 MLN DI EURO SPESI NELL'ULTIMA SESSIONE DI MERCATO, DELLE PAROLE DELL’ATTACCANTE  BELGA CONDIVISE DA CONTE?  - DOPO LA PAZZA RIMONTA CON IL TORO L'EX CT MENA DURO: “RISPETTO ALL’ANNO SCORSO ABBIAMO PERSO QUALCOSA. NELLA PRIMA PARTE ABBIAMO SBAGLIATO. NOI DOBBIAMO SCAVARE I SOLCHI. SERVE FURORE AGONISTICO…”

-

Condividi questo articolo

Da gazzetta.it

lukaku lukaku

Ad Antonio Conte non va giù la prima parte della partita. È soddisfatto del risultato finale, ma l'approccio alla partita è da bocciare. "Non riuscivamo a vincere nemmeno un contrasto - afferma Conte ai microfoni di Dazn -.

 

Capisco anche che quando si torna dalle nazionali è difficile riattaccare la spina, ma avevamo poco furore agonistico, poca determinazione, poca voglia di lottare. Nella seconda parte della gara invece c'è da dire bravi ai ragazzi. Abbiamo qualcosa d'importante a livello caratteriale, perché non era semplice rimontare 2 gol".

 

 

 

conte lukaku conte lukaku

"Dobbiamo alzare il livello di attenzione e di agonismo - continua Conte. Rispetto a come abbiamo finito l'anno scorso abbiamo perso. Mi auguro che questo serva per il futuro. Dobbiamo arrotolarci la camicia ed essere pronti a sporcarci. Nella prima parte abbiamo sbagliato, e questo spero serva da lezione ai ragazzi. Agli avversari dobbiamo far trovare il campo in salita.

 

Lukaku ha detto che non siamo ancora una grande squadra? Ho dei ragazzi intelligenti. Sono contento che lui abbia fatto questa valutazione. Noi dobbiamo scavare i solchi. E solo dopo possiamo parlare di traguardi. Serve furore agonistico. Voglia di vincere. E gli avversari lo devono sentire. E questo ancora non lo facciamo. Ma è un gruppo sano che però ha bisogno di capire. Io sono d'accordo con Romelu".

antonio conte antonio conte

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

SALVA STATI O SALVA BANCHE? – LA RIFORMA DEL MES DI CUI SI PARLA IN QUESTI GIORNI RIGUARDA PRINCIPALMENTE GLI ISTITUTI DI CREDITO (DEGLI ALTRI) E NON C’ENTRA NIENTE CON IL MECCANISMO “SANITARIO” – IL RISCHIO PRINCIPALE A CUI HANNO ALLUSO GALLI E VISCO (MICA BORGHI & BAGNAI) È AVVICINARE UNA RISTRUTTURAZIONE “ALLA GRECA” DEL DEBITO PUBBLICO. IL MES E LA COMMISSIONE EUROPEA AVREBBERO IL COMPITO DI MONITORARE PREVENTIVAMENTE LA SITUAZIONE FINANZIARIA DEGLI STATI MEMBRI, INDIPENDENTEMENTE DALLE RICHIESTE DI SOSTEGNO…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute