“IL MONDO SPORTIVO ITALIANO RITIENE NORMALE AVERE RESIDENZA ALL’ESTERO?” – IL RE DELLE OLIMPIADI DI ROMA LIVIO BERRUTI TORNA SUL CASO SINNER E LA RESIDENZA A MONTECARLO: “NOI ATLETI DEL SECOLO SCORSO ABBIAMO AVUTO UN’UNICA ETICA IMPRONTATA SULLA RICONOSCENZA ALLO STATO CHE AVEVA RESO POSSIBILE LA NOSTRA CARRIERA” – CAZZULLO CHIAMA IN CAUSA MALAGO’: “LA DOMANDA DI BERRUTI VA GIRATA AI CAPI DELLO SPORT ITALIANO” – MERLO: "SINNER NON HA EVASO E IL PARAGONE CON VALENTINO ROSSI È INGIUSTO. SINNER NON DOVREBBE ESSERE ADDITATO COME FURBACCHIONE DALLA “POLIZIA MORALE”

Condividi questo articolo


Dalla rubrica delle lettere al “Corriere della Sera”

livio berruti wilma rudolph livio berruti wilma rudolph

Caro Cazzullo, concordo su quanto scritto da lei e ribadito da Franco Fava ( Corriere , 31 gennaio). Noi atleti del secolo scorso abbiamo avuto un’unica etica sul campo e fuori campo improntata sulla riconoscenza allo Stato che aveva reso possibile la nostra carriera sportiva. Sarebbe interessante conoscere se il mondo sportivo italiano ritiene normale avere residenza all’estero.

Livio Berruti

 

Risposta di Aldo Cazzullo - Estratti

Caro Berruti, giro la sua domanda ai capi dello sport italiano. Non a me, ma a lei, l’eroe di Roma 1960, non potranno non rispondere. Colgo l’occasione per spiegare ai lettori più giovani del Corriere (sono moltissimi, a differenza di quel che si pensa) chi sia stato Livio Berruti. Prima di lui, l’Italia nello sprint non aveva vinto nulla. Mio padre mi raccontava l’emozione e l’orgoglio con cui fu accolta la sua splendida volata olimpica sui 200 metri, davanti agli americani e al resto del mondo.

 

cazzullo sinner cazzullo sinner

Fu la consacrazione di un’Olimpiade magica. L’Italia usciva dall’umiliazione della guerra. Cresceva in modo disordinato, affluente, caotico: l’aeroporto di Fiumicino, ad esempio, non fu terminato in tempo per i Giochi. Ma i nostri genitori e i nostri nonni provavano la meravigliosa sensazione di andare dal meno al più. Erano convinti che il futuro sarebbe stato migliore del presente, che figli e nipoti avrebbero vissuto meglio di loro, e questo pensiero non li ingelosiva ma li rendeva felici.

 

(...)

 

MA SINNER NON È FURBACCHIONE

Da “Posta e risposta – la Repubblica”

 

jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 15 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 15

Caro Merlo, brevemente le riscrivo su Sinner per farle notare che la residenza fiscale a Montecarlo non è stata messa sotto accusa dai soliti, acidi populisti e giustizialisti, ma da Aldo Cazzullo, che è il suo stimatissimo “dirimpettaio”, che cura la posta sul Corriere della Sera . Lei ha ragione: Sinner non può essere assimilato agli evasori come furono, aggiungo io, Valentino Rossi e Maradona. Ammetta però che un po’ furbacchione lo è.

Anna Rita Fazio – Pescara

 

Aldo Cazzullo, che è un fuoriclasse del giornalismo, non è acido né giustizialista, ed è vero che il reato di evasione offende la disperazione del Paese impoverito. Ma Sinner, fino a prova contraria, non ha evaso, non si conoscono suoi contenziosi con il fisco, non è accusato di nulla e il paragone con Valentino Rossi e Maradona è ingiusto. Sinner è uno dei tanti che hanno scelto di vivere all’estero per comodità e per convenienze, anche fiscali.

 

francesco merlo francesco merlo

“Furbacchione” nel codice nazionale non è l’italiano che lavora sodo e bene, ma quello che salta le code e parcheggia in seconda fila, quello che eleva a pedagogia il fregare il prossimo, quello della prepotenza e non della solidarietà, quello affascinato dai delinquenti, quello che si gira dall’altra parte, quello che froda il fisco e non paga le tasse. Sinner non somiglia all’Italia malandrina e non dovrebbe essere additato come furbacchione dalla “polizia morale”.

 

A furia, infatti, di sentirselo dire, gli italiani finiranno con il credere che davvero si sia rifugiato con il malloppo a Montecarlo dove gli evasori italiani non vengono puniti e dove i ricchi non pagano tasse. Non mi pare che Sinner abbia scelto l’illegalità, non fa parte di quegli evasori che il viceministro Leo vorrebbe acchiappare nei social come il generale Dalla Chiesaacchiappava i terroristi nei covi. Mettiamola così: io, che personalmente non lo conosco, ci resterei male se si rivelasse un furbacchione.

jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 28 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 28 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 29 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 29 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 17 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 17 livio berruti livio berruti livio berruti livio berruti livio berruti livio berruti jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 13 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 13 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 9 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 9 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 16 jannik sinner australian open foto ray giubilo gmt 16

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP