“IL POTERE È COME UNA SCOPATA CONTINUA, DEVI SOLO AVERNE LA FORZA” - LA PREMIATA DEMOCRISTIANERIA DI TONINO MATARRESE, EX PRESIDENTE DELLA FIGC- “SONO DC IN TUTTO. HANNO PROVATO TANTE VOLTE A METTERMELO NEL CULO, IL TRUCCO È TOGLIERSI UN SECONDO PRIMA” - IL NEMICO CARRARO, IL MONDIALE DEL 1982: “DOPO LA SECONDA PARTITA, ANDATA MALE, DISSI: “LI PRENDEREI A CALCI NEL CULO”. L’ALLORA PRESIDENTE DELLA FEDERCALCIO, SORDILLO NON CAPIVA UN CAZZO DI PALLONE E RESTAVA ZITTO. ERA UN AVVOCATO, GUARDA CASO AMICO DI CARRARO...”

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

 

matarrese gravina matarrese gravina

Il Fatto Quotidiano intervista Antonio Matarrese. Era il presidente della Lega Calcio quando l’Italia di Bearzot vinse i Mondiali. Due giorni fa ha compiuto 82 anni. Si definisce un bravo democristiano, in tutto.

«In certi casi basta adottare tecniche semplici; sono da sempre per la politica semplice e diretta. Sono Dc in tutto. Sa quante volte hanno provato a mettermelo nel culo?».

 

Ci sono mai riusciti? Fuorigioco semiautomatico: Collina spiega come funziona

«Forse qualcuno, ma il trucco è togliersi un secondo prima, come per il mio secondo mandato in Lega; poi con certe persone. È chiaro?».

 

Gli chiedono di Franco Carraro, suo storico “nemico”.

«È sempre necessario crearsi un avversario, altrimenti come si può vincere?».

giovanni malago antonio matarrese franco carraro foto di bacco giovanni malago antonio matarrese franco carraro foto di bacco

 

Ricorda il Mondiale del 1982. Dopo la seconda partita, andata male, disse della Nazionale: “Li avrei presi a calci nel culo”.

«Dopo la seconda partita ai Mondiali ho solo reso plasticamente quello che in Italia volevano tutti: dargli un calcio in culo. Lo dissi pubblicamente perché stavano tutti zitti, con l’allora presidente della Federcalcio, Federico Sordillo, che non capiva un cazzo di pallone e restava zitto, zitto; quello era un avvocato, guarda caso amico di Carraro».

antonio matarrese saluta lino banfi foto di bacco antonio matarrese saluta lino banfi foto di bacco

 

 

Ancora su Carraro.

«Mi chiamava alle sei del mattino. Imitava l’avvocato Agnelli, come lui voleva apparire sempre pronto. E si fingeva mio amico, in realtà aveva già capito che ero in ascesa. Aveva paura, mi marcava».

 

 

Alla fine del Mondiale le hanno riconosciuto un merito?

«No, ci mancherebbe: nessuno osa riconoscere i meriti quando qualcuno trova la formula giusta. Stanno silenti. Però quanto mi sono divertito».

 

Contano più i soldi o il potere?

«Il potere è come una scopata continua, devi solo averne la forza».

 

raffaele ranucci saluta antonio matarrese foto di bacco raffaele ranucci saluta antonio matarrese foto di bacco marco tardelli antonio matarrese bernabo bocca foto di bacco marco tardelli antonio matarrese bernabo bocca foto di bacco

 

giovanni malago antonio matarrese alberto cerruti foto di bacco (2) giovanni malago antonio matarrese alberto cerruti foto di bacco (2) antonio matarrese lorenzo casini lino banfi foto di bacco antonio matarrese lorenzo casini lino banfi foto di bacco antonio matarrese foto di bacco (6) antonio matarrese foto di bacco (6) matarrese valentini foto mezzelani gmt matarrese valentini foto mezzelani gmt antonio matarrese raffaele ranucci foto di bacco antonio matarrese raffaele ranucci foto di bacco antonio matarrese foto di bacco (3) antonio matarrese foto di bacco (3) gabriele gravina antonio matarrese foto di bacco (1) gabriele gravina antonio matarrese foto di bacco (1) gabriele gravina antonio matarrese foto di bacco (2) gabriele gravina antonio matarrese foto di bacco (2) antonio matarrese lorenzo casini foto di bacco antonio matarrese lorenzo casini foto di bacco carolina morace antonio matarrese foto di bacco carolina morace antonio matarrese foto di bacco claudio lotito antonio matarrese foto di bacco (1) claudio lotito antonio matarrese foto di bacco (1) claudio lotito antonio matarrese foto di bacco (2) claudio lotito antonio matarrese foto di bacco (2) filippo corsini giovanni malago antonio matarrese alberto cerruti foto di bacco filippo corsini giovanni malago antonio matarrese alberto cerruti foto di bacco filippo corsini giovanni malago antonio matarrese alberto cerruti foto di bacco (4) filippo corsini giovanni malago antonio matarrese alberto cerruti foto di bacco (4) francesco ghirelli francesca buttera antonio matarrese foto di bacco francesco ghirelli francesca buttera antonio matarrese foto di bacco gabriele gravina antonio matarrese foto di bacco (3) gabriele gravina antonio matarrese foto di bacco (3) lino banfi ringrazia antonio matarrese foto di bacco lino banfi ringrazia antonio matarrese foto di bacco giovanni malago antonio matarrese alberto cerruti foto di bacco giovanni malago antonio matarrese alberto cerruti foto di bacco lorenzo casini antonio matarrese claudio lotito foto di bacco lorenzo casini antonio matarrese claudio lotito foto di bacco paola severini melograni luca pancallii antonio matarrese foto di bacco paola severini melograni luca pancallii antonio matarrese foto di bacco

 

Condividi questo articolo

media e tv

A COSA SERVE DAGOSPIA - QUESTO DISGRAZIATO SITO, ACCUSATO DI OGNI BESTIALITA’, ALLA FINE FA QUELLO CHE DOVREBBERO FARE I GIORNALI: DARE NOTIZIE - QUEST’ANNO, COME ACCADDE PER PAMELA PRATI-MARK CALTAGIRONE NEL 2019, HA FORNITO LA STORIA DELL’ANNO: IL TRIANGOLONE TRA TOTTI, ILARY BLASI E NOEMI BOCCHI - STORIA SU CUI GLI OPINIONISTI SENZA NOTIZIE DISCUTONO, PARLANO E SI FANNO LE SEGHE - COME FA “IL FOGLIO” (SENZA CITARE, OVVIAMENTE) ELEVANDO LA TOTTEIDE DI AMORE E CORNA A GIALLO DELL’ESTATE: “CI SI APPASSIONA A QUESTA VICENDA. MA CHE TRAMA! CHE PLOT!”

politica

QUI RADIO COLLE/1 – UGO MAGRI: “L'USCITA DEL CAV È RISUONATA COME VOCE DAL SEN FUGGITA, LA CONFERMA DI QUANTO GIÀ PRIMA SI POTEVA INTUIRE" - "SEMMAI QUALCHE DIGNITARIO È RIMASTO SORPRESO DALLA TEMPISTICA. METTENDO IL CARRO DAVANTI A TUTTI QUESTI BUOI, SILVIO COMPLICA IL CAMMINO DELLA RIFORMA" - "LA VICENDA SEGNALA UN RISCHIO: CHE IL CENTRODESTRA, SE VINCERÀ LE ELEZIONI, POSSA METTERE IL COLLE NEL MIRINO TRASFORMANDO LA CASA DEGLI ITALIANI IN UN CAMPO DI BATTAGLIA. CERTI SEGNALI FANNO PENSARE. LA TENTAZIONE DI DELEGITTIMARE MATTARELLA È DIETRO L'ANGOLO…”

business

cronache

SALMAN RUSHDIE RISCHIA DI PERDERE UN OCCHIO: È ATTACCATO AL RESPIRATORE E HA SUBITO GRAVI DANNI AL BRACCIO E AL FEGATO – L’UOMO CHE LO HA ACCOLTELLATO SI CHIAMA HADI MATAR E HA 24 ANNI. NON ERA ANCORA NATO QUANDO KHOMEINI LANCIÒ LA FATWA CONTRO LO SCRITTORE, RINNOVATA DA KHAMENEI. RUSHDIE ORMAI SI SENTIVA AL SICURO: AL FESTIVAL DI BUFFALO NON C’ERANO CONTROLLI, E LUI ERA SENZA SCORTA. A UN CERTO PUNTO MATAR È CORSO SUL PALCO E L’HA AGGREDITO: “LO COLPIVA AL TORACE E AL COLLO. NEANCHE IN CINQUE ERANO IN GRADO DI TENERLO IMMOBILE. ERA UNA FURIA…”

sport

cafonal

viaggi

salute