“SE AVESSE RAGIONE CONTE VORREBBE DIRE CHE SIAMO SEMPRE STATI TUTTI IN MANO A UN CALCIO IRREGOLARE” - FINALMENTE MARIO SCONCERTI SI SVEGLIA E SI FA QUALCHE DOMANDA SU CONTE E LE SUE LAGNE CONTRO LA DIRIGENZA NERAZZURRA: “L'INTER NON SI SENTIREBBE PROTETTA. MA CONTRO CHI? SE LO DICONO GENTE COME CONTE E COME BERGOMI (NEL PREPARTITA) VUOL DIRE CHE DAVVERO C'È DIFFERENZA DI TRATTAMENTO A FAVORE DELLE GRANDI SQUADRE. CONTE SAREBBE POI UN TESTIMONE DIRETTO DI QUESTI PRIVILEGI CON IL SUO INFINITO PASSATO JUVENTINO…”

-

Condividi questo articolo

Mario Sconcerti per il “Corriere della Sera”

 

mario sconcerti foto di bacco mario sconcerti foto di bacco

Piccolo ed alieno il Getafe è niente per l'Inter ormai completa di Conte. La differenza tecnica è imbarazzante via via che la partita cresce, il Getafe non ha mai saputo costruire un palleggio, la mossa tecnica di base è stato sempre il lancio lungo casuale. I due brasiliani che davano un po' di qualità mancano ormai da mesi, il resto è veramente di una categoria inferiore. Vista da fuori era abbastanza chiaro anche il destino del rigore del Getafe. Molina, vecchio centravanti mai troppo celebre, era terrorizzato dall'idea di essere improvvisamente al centro della partita.

 

antonio conte antonio conte

La leggerezza del Getafe non è stata comunque una colpa dell'Inter che infatti ha giocato bene. La squadra ormai conosce sé stessa, soffre alcuni strappi nella partita, come sempre, ma come sempre li risolve. Lautaro e Lukaku sono di dimensione internazionale, puoi studiare tante soluzioni tattiche, ma se non hai attaccanti di questa qualità resta tutto inutile.

 

antonio conte foto mezzelani gmt antonio conte foto mezzelani gmt

L'Inter adesso è una squadra armonica, tutti i giocatori sono all'altezza dei migliori. Credo che tornei come questi con finali dirette siano più dalla sua parte che di altri avversari. Aiutano le squadre che hanno sempre bisogno di stimoli. Non conosco benissimo le altre in strada, ognuno ha un ritmo irregolare, non ben definibile, ma l'Inter si muove da squadra compiuta. Credo sia la favorita. Non torno sul caso Conte, mi sembra pieno di cose sbagliate. Viene ora fuori che l'Inter non si sentirebbe protetta.

antonio conte antonio conte

 

Ma contro chi? Se lo dicono gente come Conte e come Bergomi (nel prepartita) vuol dire che davvero c'è differenza di trattamento a favore delle grandi squadre. Conte sarebbe poi un testimone diretto di questi privilegi con il suo infinito passato juventino. Se avesse ragione lui vorrebbe dire che siamo sempre stati tutti in mano a un calcio irregolare.

 

juventus andrea agnelli antonio conte juventus andrea agnelli antonio conte

Non sono previsti privilegi nello sport. Sono sospettabili, ma non garantibili. È peraltro difficile vedere l'Inter come emarginata dalla forza. Le è stato pochi anni fa assegnato lo scudetto di un campionato in cui era arrivata terza. Unico esempio nella storia. Che dovrebbero pensare Roma, Lazio, Fiorentina, Bologna, Atalanta, Genoa, Torino, Sampdoria e chissà chi altro ha solo subìto i privilegi degli altri? Sarebbe interessante come discussione. Uno che ama il calcio potrebbe anche decidere di affrontarla.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute