“SE IL NAPOLI AVESSE FATTO PRESSIONI SULL’ASL, SAREBBE DISGUSTOSO” - IL PRESIDENTE DEL CAGLIARI GIULINI ATTACCA A TESTA BASSA: “IL NOSTRO NON PUÒ DIVENTARE UN CAMPIONATO A COMANDO A SECONDA DELLA REGIONE E DELLE ASL COMPETENTI. I PLAYOFF? SONO CONTRARIO. LE REGOLE VANNO FATTE PRIMA, NON SI POSSONO MODIFICARE DURANTE SE NO RISCHI DI TRUCCARE TUTTA LA COMPETITIVITÀ DEL CAMPIONATO STESSO”

-

Condividi questo articolo

Da ilnapolista.it

 

giulini giulini

«Mi auguro veramente che non ci siano state pressioni nei confronti della Asl, visto che qualcuno lo ha ipotizzato. Il nostro non può diventare un campionato a comando a seconda della regione e delle Asl competenti.

 

Occorrono senso di responsabilità e unità. Dobbiamo capire che siamo tutti sulla stessa barca. E aiutare il sistema a uscire da questa congiuntura. Mi auguro che tutto ciò che è successo non sia stato fatto a comando, sennò sarebbe disgustoso. Ecco la parola che vi autorizzo a usare».

 

 

Sui playoff

 

Tommaso Giulini Tommaso Giulini

«Sono contrario, le regole vanno fatte prima, non si possono modificare durante. Bisogna cercare di finire il campionato. Playoff? Bene, ma se ne parla prima dell’inizio del campionato. Gravina ne vuole parlare per la stagione 2021-22? Benissimo, sediamoci intorno a un tavolo. Ma non in questa stagione, se no rischi di truccare tutta la competitività del campionato stesso».

riva giulini riva giulini

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

COSA ACCADDE QUELLA NOTTE – IL JAZZISTA MARCELLO ROSA SUONAVA AL RUGANTINO QUEL 5 NOVEMBRE DEL 1958, LA NOTTE CHE NACQUE LA DOLCE VITA - “ANITA EKBERG INIZIO' A BALLARE DA SOLA A PIEDI NUDI. MI SI AVVICINÒ UNA BRUNETTA BONAZZA E MI DISSE IN ROMANESCO: “‘SLACCIAME 'A GUEPIERE E ‘A SOTTANA, MO’ JE FACCIO VEDÈ IO A QUELLA’’-  IN PIENO PAROSSISMO, URLAVA: “DATEMI IL TAPPETO DI ALLAH!”, VOLEVA DIRE DATEMI GIACCHE E CAPPOTTI. E PARTI' LO SPOGLIARELLO. ERA LA BALLERINA TURCA AICHÈ NANÀ - TUTTI I MUSICISTI FURONO CONDANNATI A TRE ANNI CON LA CONDIZIONALE. CON I LORO STRUMENTI ECCITAVANO LA TURCA..."

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute