MEDIAPRO BLOCCA I PAGAMENTI, LA SERIE A RISCHIA DI FINIRE I SOLDI! NEL GIORNO DELL'ELEZIONE DI MICCICHÉ ALLA PRESIDENZA DELLA LEGA, GLI SPAGNOLI VINCITORI DELL'ASTA SUI DIRITTI TV CHIEDONO IL RINVIO DEL PRIMO BONIFICO DA 50 MILIONI PREVISTO PER MARTEDÌ. I PICCOLI CLUB NEL PANICO: ECCO PERCHE’...

-

Condividi questo articolo


Jaume Roures Taxto Benet mediapro Jaume Roures Taxto Benet mediapro

Marco Mensurati per la Repubblica

 

Mediapro, a sorpresa, fa un passo di lato; e adesso la Serie A rischia di finire i soldi. Nel giorno dell' incoronazione di Gaetano Micciché alla presidenza della Lega, una lettera firmata da " Mediapro italia srl" gela il sangue nelle vene dei presidenti e dei loro irascibili contabili, aprendo uno scenario da armageddon in seno alla Confindustria del pallone, proprio quando, tra nuovo statuto e nomina del presidente, la situazione sembrava decisamente migliorare.

 

miccichè malagò miccichè malagò

Nel documento, Mediapro chiede infatti di « sospendere i termini » del pagamento di quanto offerto (un miliardo, cinquanta milioni e mille euro) il giorno dell' apertura della busta della gara per l' intermediario unico. Motivazione? Nella delibera Antitrust del 14 marzo l' ultima, quella che di fatto determinava l' accettazione dell' offerta da parte della Lega - l' autorità delimitava il campo d' azione di Mediapro circa due temi che gli spagnoli, evidentemente, considerano cruciali: quello della composizione finale dei pacchetti da rivendere ai broadcasters; e quello relativo alla pubblicità nei medesimi pacchetti. « Prima di pagare, vorremmo chiarire», fanno sapere oggi gli spagnoli.

 

MEDIAPRO MEDIAPRO

Inutile dire lo sgomento che la missiva ha generato. Gli argomenti usati per chiedere di non pagare non sono proprio convincenti ( i primi a festeggiare, dopo la delibera Antitrust erano stati proprio la Lega e il suo advisor, Infront, che avevano definito il provvedimento « di una chiarezza sconcertante »). Ma le casse dei club - specialmente dei più piccoli - piangono. E molti presidenti facevano e fanno tuttora affidamento sui 50 milioni (2,5 milioni a club) che gli spagnoli devono versare entro martedì prossimo, come anticipazione, per scontare le fatture e pagare gli stipendi.

 

Ma cosa è successo? Perché questa improvvisa richiesta? Le teorie in assemblea sono le più varie. La più gettonata è quella che parla di una strategia: Mediapro ha sempre dichiarato che il suo vero obbiettivo è quello di fare il canale di Lega, da subito; e di considerare " un' ipotesi subordinata" quella del semplice intermediario ( ruolo al quale invece la vincola la delibera Antitrust). La strategia sarebbe dunque quella di affamare il calcio italiano per "costringere" i presidenti a ripiegare sul Canale.

gaetano micciche' gaetano micciche'

 

E questo spiegherebbe il perché della richiesta di un incontro urgente con cui si chiude la missiva.

 

Un' altra teoria vuole invece che Mediapro - che la prossima settimana incontrerà Unicredit e Intesa - non ha ancora trovato i soldi per la fideiussione da 1,3 miliardi che deve essere presentata entro il 6 aprile. A nessuno sfugge che una teoria non esclude l' altra. Per questo lo scenario appare quanto mai grave, e per questo Giovanni Malagò ( Micciché non è ancora esecutivo) sta valutando con crescente attenzione la lettera inviatagli da Sky all' inizio di marzo nella quale l' emittente satellitare faceva sapere di essere certa che, con una nuova asta, stavolta non per piattaforma ma per esclusive, la Lega potrebbe comodamente arrivare a intascare un miliardo di euro.

Mediapro Mediapro

 

La risposta della Lega per il momento sarà comunque molto istituzionale, almeno stando a quanto si è stabilito ieri dopo la lettura della missiva. Qualcosa tipo: per noi il contratto è chiuso e quindi dovete pagare. Poi siamo a disposizione per qualunque chiarimento.

Ma solo a bonifico ricevuto.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

business

cronache

DATECE UBER! – CHE VERGOGNA: ALL’AEROPORTO DI ROMA FIUMICINO I TASSISTI SI RIFIUTANO DI ACCOMPAGNARE I PASSEGGERI NEI QUARTIERI VICINI COME OSTIA, ACILIA, CASAL PALOCCO O SPINACETO. LA SPIEGAZIONE È SEMPLICE: INCASSANO TROPPO POCO RISPETTO AI CLIENTI CHE VANNO IN CENTRO, COSTRETTI A SGANCIARE ALMENO 50 EURO - LA TESTIMONIANZA DI UN UOMO CHE SI È VISTO RIFIUTARE DA TUTTI GLI AUTISTI: “ALLA FINE MI SONO RIVOLTO A DUE FINANZIERI CHE HANNO INTIMATO A UN TASSISTA DI FARMI SALIRE. MA UNA VOLTA A BORDO…” - VIDEO

sport

“A PENSAR MALE SI FA PECCATO, MA SPESSO CI SI AZZECCA” – UNA LETTRICE MALIZIOSA SCRIVE A FRANCESCO MERLO: “IL GESTO DI BERRETTINI NON MI PARE COMMOVENTE. NON ERA TENUTO A FARE IL TAMPONE, E NE HA FATTI DUE, TANTO PER ESSERE SICURO DI ESSERE POSITIVO. VIENE IL SOSPETTO CHE VOLESSE TROVARE UNA SCUSA PER NON SCENDERE IN CAMPO” – RISPOSTA: “C'È UN CONCENTRATO DI ARCITALIANO, CHE SICURAMENTE BERRETTINI NON MERITA. SI COMINCIA CON IL MALANNO COME VIRTÙ. C'È IL BORGHESE STANCO DI LONGANESI, QUINDI IL MORETTI DI 'MI SI NOTA DI PIÙ'. INFINE C'È..."

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute