NADAL IN BIANCO - PERCHÉ LO SPAGNOLO NON VINCE PIU’? GIANNI CLERICI: "NON C’ENTRA SOLO L’USURA MUSCOLARE, GLI AVVERSARI HANNO ORMAI IMPARATO A EVITARE IL SUO COLPO MAGICO: IL DIRITTO “A SVENTAGLIO...” - - - - -

Al torneo di Pechino Rafa sconfitto facile da Djokovic - Al di là dall’attuale superiorità atletica del serbo su Nadal, “Djoko” non ha mai consentito allo spagnolo un solo diritto assassino dall’angolo destro...

Condividi questo articolo

NADAL DJOKOVIC NADAL DJOKOVIC

Gianni Clerici per “la Repubblica”

 

Perché Nadal non vince più, o almeno vince meno, e soprattutto non è più in grado non solo di battere, ma nemmeno di infastidire un avversario come Djokovic?

 

NADAL NADAL

La ragione non è solo quella che, su Repubblica, avevano anticipato da anni il Dottor Laser Francesco Parra, e il Chiropratico Alfio Caronti: e cioè la progressiva usura muscolare. La ragione è che gli avversari, i loro strateghi, i coach meno distratti, si sono alfine resi conto del perché lo spagnolo vincesse tanto. Il suo segreto era il diritto, il diritto di un mancino che lo giocava dall’angolo destro del proprio campo, la zona dalla quale i mancini giocano il rovescio, sino a tempo fa difensivo, oggi meno grazie al gesto bimane. Simile diritto è stato definito da vari neologisti diritto anomalo, oppure a sventaglio.

 

Rimane il fatto che fosse la grande novità di Nadal, e praticasse una traiettoria insolita, che spesso finiva, dall’angolo destro del mancino, in quello a destra del destro, oppure sul rovescio, aggredito da un lungo linea esplosivo. Al di là, ripeto, dall’attuale superiorità atletica di Nole su Rafa, il serbo non ha mai consentito allo spagnolo un solo diritto assassino dall’angolo destro. È questa la principale ragione del 6-2, 6-2 della finale di Pechino, e mi son visto quasi costretto a sottolinearlo, non avendolo né letto né sentito.

NADAL DJOKOVIC PECHINO NADAL DJOKOVIC PECHINO NADAL SU MARCA NADAL SU MARCA nadal dipinto foto mezzelani gmt nadal dipinto foto mezzelani gmt nadallll foto mezzelani gmt nadallll foto mezzelani gmt RAFAEL NADAL RAFAEL NADAL DJOKOVIC E NADAL DJOKOVIC E NADAL RAFAEL NADAL RAFAEL NADAL RAFAEL NADAL E CRISTIANO RONALDO RAFAEL NADAL E CRISTIANO RONALDO RAFAEL NADAL RAFAEL NADAL RAFAEL NADAL RAFAEL NADAL RAFAEL NADAL RAFAEL NADAL nadal nadal

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

UNO, DIECI, MILLE VERDONE - IL RAPPORTO CON IL PADRE, IL CEFFONE PRESO A PRAGA, LA SOLITUDINE DI ALBERTO SORDI, IL RITIRO DALLE SCENE (“NON VOGLIO CHE SIA IL PUBBLICO A DIRMI BASTA”) E LE SOFFERENZE D’AMORE: “LIVIA AZZARITI NON MI SI FILAVA DI PEZZA, MA DA RAGAZZA ERA DI UNA BELLEZZA SCONVOLGENTE. UNA SERA LA PORTAI AL CIRCO. PARTIMMO MALE. MI CHIESE: “PERCHÉ SIAMO VENUTI AL CIRCO?”. RISPOSI MINIMIZZANDO: “NON È DIVERTENTE?”, E LEI SECCA: “NON MI PARE”. PERSO PER PERSO TENTAI DI STRINGERLA E…”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute