BEATI VOI CHE AVETE DEI FIGLI CUI POTRETE RACCONTARE A LUNGO CHE COS’È STATO QUESTO POMERIGGIO DI AGOSTO DEL 2021, QUESTE ORE ANZI QUESTI MINUTI IN CUI DUE FORMIDABILI ATLETI ITALIANI HANNO VINTO UNO DOPO L’ALTRO LA MEDAGLIA D’ORO IN DUE SPECIALITÀ SUPREME DELL’ATLETICA LEGGERA. VI RACCOMANDO, RACCONTATENE A LUNGO AI VOSTRI FIGLI DI MARCELL JACOBS E DI GIANMARCO TAMBERI. RACCONTATELO PER SEMPRE, FINCHÉ AVRETE FIATO IN CORPO PER FARLO…

Condividi questo articolo


mughini mughini

Giampiero Mughini per Dagospia

 

Caro Dago, beati voi che avete dei figli cui potrete raccontare a lungo che cos’è stato questo pomeriggio di agosto del 2021, queste ore anzi questi minuti in cui due formidabili atleti italiani hanno vinto uno dopo l’altro la medaglia d’oro in due specialità supreme dell’atletica leggera.

 

I 100 metri veloci dove Marcell Jacobs ha dominato la gara e questa volta fin dal primo metro, azzeccando in pieno la partenza, e poi fino al traguardo al modo in un aereo supersonico. Ha superato il tempo già astrale della sua semifinale che peraltro fungeva da primato europeo, il 9,84 che lui ha abbassato a un favoloso 9,80 che migliora di un infinito il 9,96 con cui Jacobs si era presentato alle Olimpiadi.

 

LA VITTORIA DI MARCELL JACOBS LA VITTORIA DI MARCELL JACOBS

E poi il salto in alto che Gianmarco Tamberi da dominato con la mente e con l’anima, anche alla fine se il primo posto lo ha diviso con un altro e meritevolissimo avversario che come lui ha toccato i 2,37 senza mai incorrere in un fallo. Ma nel caso di Tamberi c’è qualcosa di letterariamente speciale da raccontare, e cioè il fatto che lui la misura che oggi non è riuscito a valicare (2,39) l’aveva superata già cinque anni fa salvo poi sfracassarsi una caviglia e dovere ricominciare da zero.

LA VITTORIA DI MARCELL JACOBS NELLA FINALE DEI 100 METRI LA VITTORIA DI MARCELL JACOBS NELLA FINALE DEI 100 METRI

 

Cinque anni passati a recuperare il sé stesso di allora, cinque anni di palestra, di allenamenti inauditi, di sforzi ogni volta da toglierti la pelle e il respiro pur di andare qualche centimetro più su. Cinque anni della sua giovinezza dedicati a questo scopo, tornare a superare i 2,39 o pressappoco. I 2,37 li ha difatti superati al primo balzo.

 

GIANMARCO TAMBERI E MARCELL JACOBS GIANMARCO TAMBERI E MARCELL JACOBS

Due dei tre salti a 2,39 hanno sfiorato e fatto cadere l’asticella. Messisi d’accordo i due campioni che la gara finiva lì e che l’oro se lo sarebbero divisi dopo essersi abbracciati, Gianmarco ha cominciato a ululare e a strofinarsi per terra ebbro di felicità, e mentre noi tutti eravamo come in estasi. Vi raccomando, raccontatene a lungo ai vostri figli di Marcell e di Gianmarco. Raccontatelo per sempre, finché avrete fiato in corpo per farlo.

Ps. Avevo deciso di dedicare il pomeriggio della domenica all’ultimo film di Marco Bellocchio. Rimando. Non ce la faccio più. La mia anima oggi non ha più spazio dove fare abitare la bellezza e le emozioni che ne vengono.

GIANMARCO TAMBERI E MARCELL JACOBS GIANMARCO TAMBERI E MARCELL JACOBS TAMBERI E JACOBS TAMBERI E JACOBS GIANMARCO TAMBERI GIANMARCO TAMBERI GIANMARCO TAMBERI E MARCELL JACOBS GIANMARCO TAMBERI E MARCELL JACOBS LA VITTORIA DI MARCELL JACOBS LA VITTORIA DI MARCELL JACOBS

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

URGE UN T.S.O. PER SALVINI: IN UNA SOLA GIORNATA È STATO CAPACE DI BRUCIARE LA SECONDA CARICA DELLO STATO, POI DI ANNUNCIARE CHE IL CENTRODESTRA NON VUOLE IL BIS DI MATTARELLA, INFINE, IN DUPLEX CON CONTE,PROPORRE ELISABETTA BELLONI PRESIDENTE - L’INTESA TRA I DUE CIUCCI PRESTATI ALLA POLITICA FA FELICE GRILLO E LA MELONI, FA INCAZZARE DI MAIO, TAGLIANDO FUORI PD, LEU, ITALIA VIVA E FORZA ITALIA: MANCO IN NICARAGUA CON ORTEGA IL CAPO DEI SERVIZI SUL COLLE E UN DUPLEX DRAGHI-BELLONI, DUE TECNICI AI MASSIMI VERTICI DELLO STATO - LA BELLONI NON CE LA FARÀ MAI. PER DI PIÙ IL BERLUSCA È FUORI DI SÉ CONTRO IL KING PIPPA SALVINI E MEDITA DI ALLEARSI AL PD CONTRO DI LUI. PER ELEGGERE CHI? MATTARELLA O AMATO, OVVIAMENTE...

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute