PICCOLO UOMO, GRANDE IMBROGLIONE - ARMSTRONG CHOC: “GIA’ A 21 ANNI MI DOPAVO, FORSE IL CANCRO E’ ARRIVATO DA LI’. MA AVREI VINTO LO STESSO’ - L’EX CICLISTA TEXANO (SQUALIFICATO A VITA NEL 2012 E PRIVATO A TAVOLINO DELLA VITTORIA DI 7 TOUR DE FRANCE) SI È RACCONTATO IN UN DOC A ESPN: “GIÀ NELLA PRIMA STAGIONE PRENDEVO CORTISONE, MA L’EPO ERA DI UN ALTRO LIVELLO. L'ORMONE DELLA CRESCITA? NEL ’96’..." – VIDEO

-

Condividi questo articolo

Da corriere.it

lance armstrong lance armstrong

«Non posso sapere con certezza se ci sia stato un legame tra doping e il cancro ma certamente non posso escluderlo». Lance Armstrong torna a parlare e le sue rivelazioni fanno notizia: «La prima volta che usai sostanze? Penso intorno ai 21 anni», le parole del texano che si è raccontato in un documentario della ESPN che uscirà il 24 maggio e del quale il tabloid inglese Sun e lo spagnolo Marca hanno diffuso una anticipazione.

 

 

Lance Armstrong Lance Armstrong

Armstrong è stato squalificato a vita nel 2012 dopo l’ammissione di aver fatto uso di sostanze dopanti e privato a tavolino della vittoria di 7 Tour de France. «Non posso sapere con certezza se ci sia stato un legame tra doping e il cancro — le parole di Armstrong — ma certamente non posso escluderlo. L’unica cosa che dirò è che l’unica volta nella mia vita che ho fatto uso dell’ormone della crescita è stato proprio nel 1996. Già nella mia prima stagione da professionista assumevo il cortisone, ma l’Epo era di un altro livello. La prima volta che usai sostanze? Penso intorno ai 21 anni. Sapevo quello che stava succedendo. Ho sempre chiesto, sempre saputo e ho sempre preso le mie decisioni da solo. Non voglio trovare scuse, ma lo facevano tutti e avrei vinto ugualmente».

LANCE ARMSTRONG OSPITE DI OPRAH WINFREY LANCE ARMSTRONG OSPITE DI OPRAH WINFREY le vittorie di lance armstrong le vittorie di lance armstrong LANCE ARMSTRONG SETTE VITTORIE AL TOUR LANCE ARMSTRONG SETTE VITTORIE AL TOUR filippo simeoni lance armstrong x filippo simeoni lance armstrong x LANCE ARMSTRONG LANCE ARMSTRONG

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL TEST CHE TROVA GLI ANTICORPI NON È SUFFICIENTE PER ESCLUDERE UN ALTRO CONTAGIO” - ALBERTO MANTOVANI, DIRETTORE SCIENTIFICO DI HUMANITAS: “LA SARS DAVA AI GUARITI UN'IMMUNITÀ DI 2-3 ANNI E QUESTO VIRUS GLI È PARENTE. IL PROBLEMA È CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE CHE INCONTRA COVID-19 O NON SI AMMALA O LO FA IN MODO BLANDO: IN QUESTO CASO NON SAPPIAMO SE LA RISPOSTA IMMUNITARIA INDOTTA, DI CUI LA PRESENZA DI ANTICORPI È UNA SPIA, SIA DAVVERO PROTETTIVA O SE QUESTE PERSONE RISCHIANO UNA NUOVA INFEZIONE”