QUANDO PUÒ DIVENTARE NUMERO UNO AL MONDO JANNIK SINNER? IL "BARONE ROSSO" SI PRESENTA ALL’APPUNTAMENTO CON LA TERRA, LA SUPERFICIE CHE MENO AMA, CON UN SECONDO POSTO IN TASCA E 1015 PUNTI A SEPARARLO DA DJOKOVIC, IN PIENA CRISI MOTIVAZIONALE ALLA SOGLIA DEI 37 ANNI - SE JANNIK GIOCASSE MOLTO BENE E DJOKO MALE, LA POSSIBILITÀ DI ERODERE AL SERBO QUEI  PUNTI CHE LO SEPARANO DALLA VETTA DEL RANKING CI SAREBBE: LO SCENARIO PIÙ PAZZESCO SAREBBE UN SORPASSO DOPO PARIGI, GRAZIE AL ROLAND GARROS, CON LA POSSIBILITÀ DI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Gaia Piccardi per www.corriere.it

 

jannik sinner jannik sinner

Miami, punto e a capo. Tre mesi vissuti a cento all’ora attraverso tre continenti (Australia, Europa, Usa) consegnano al tennis mondiale il nuovo numero due del ranking, traguardo mai raggiunto da nessun tennista azzurro nella storia […] dopo l’Australian Open a gennaio e l’Atp 500 di Rotterdam a febbraio, Jannik Sinner si è annesso anche il Miami Open (6-3, 6-1 al bulgaro Dimitrov), secondo titolo Master 1000 della carriera, terzo stagionale su quattro tornei giocati, portando la scia dei successi stagionali a quota 22 […]

 

jannik sinner jannik sinner

Il tennis, che non aspetta nessuno, inaugura la stagione all’aperto sulla terra battuta già domenica a Montecarlo: Sinner ci arriva da numero due del mondo, dunque, avendo scavalcato Alcaraz grazie al successo a Miami. Adesso, alla vigilia del rosso, soltanto 65 punti dividono l’italiano dallo spagnolo (8710 contro 8645), mentre Djokovic rimane in vetta aggrappato al suo tesoretto (9725) ma si porta dietro sulla polvere di mattone tutti i dubbi generati da Melbourne (dove fu sconfitto in semifinale da Sinner) in poi: la crisi motivazionale, culminata con il kappaò a Indian Wells contro l’ottimo Luca Nardi, vincitore domenica del challenger di Napoli, la scelta di rinunciare a Miami, il licenziamento in tronco del super coach Goran Ivanisevic, condito da presunti retroscena di ogni tipo.

novak djokovic novak djokovic

 

Perché Sinner non ama la terra battuta

A conferma del fatto che è davvero un predestinato […] cioè l’uomo giusto al posto giusto nel momento giusto, Jannik Sinner potrebbe approfittare del Sunset Boulevard del Djoker, che il 22 maggio compirà 37 anni (c’è anche un’anagrafe di cui tenere conto), proprio sulla superficie che meno ama: la terra. […]

 

jannik sinner jannik sinner

Se Jannik giocasse molto bene sulla terra e Djokovic male (o molto male), insomma, la possibilità di erodere al serbo quei 1015 punti che lo separano dalla vetta del ranking ci sarebbe. Lo scenario più pazzesco sarebbe un sorpasso dopo Parigi (grazie al Roland Garros), con la possibilità di presentarsi a Wimbledon con in tasca il triplete: prima posizione nella classifica mondiale, testa di serie numero uno, ruolo di grande favorito all’All England Club. Ma tiriamo le briglie e freniamo i cavalli. Un passo per volta. Con le suole da spazzolare spesso dalla terra rossa.

jannik sinner jannik sinner SINNER SINNER jannik sinner novak djokovic 7 jannik sinner novak djokovic 7 jannik sinner novak djokovic 3 jannik sinner novak djokovic 3 sinner sinner SINNER - DJOKOVIC MEME SINNER - DJOKOVIC MEME jannik sinner e serena williams a miami jannik sinner e serena williams a miami

 

SINNER DJOKOVIC BY OSHO SINNER DJOKOVIC BY OSHO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)