"MA CHI HA RIPRESO CON IL TELEFONINO LA RISSA TRA JURIC E VAGNATI? FORSE UN TESSERATO DEL TORINO?" - "TUTTOSPORT" INFIERISCE SULLA "RISSA CHE UMILIA I GRANATA": “E ADESSO CHE FA, CAIRO? LI CACCIA TUTTI E DUE, VAGNATI E JURIC? O UNO SOLO? OPPURE UNO PER VOLTA? O NESSUNO PERCHE' MAGARI DIRA' CHE LA COLPA E' DELLA PESANTE CUCINA AUSTRIACA" - QUEL "TESTA DI CAZZO" DI VAGNATI CHE POTREBBE ESSERE RIFERITO A CAIRO... - VIDEO

- -

 

-

Condividi questo articolo


 

Da www.ilnapolista.it

 

juric vagnati rissa juric vagnati rissa

“Juric-Vagnati, la rissa che umilia il Toro”. E’ il titolo che Tuttosport dedica alla rissa tra l’allenatore del Torino, Ivan Juric e il direttore tecnico Vagnati. Qualcosa che era nell’aria da tempo, scrive il quotidiano sportivo, che nelle scorse settimane aveva già raccontato i pesanti sfoghi del tecnico con Vagnati.

 

“E adesso che fa, Cairo? Li caccia tutti e due, Vagnati e Juric? O uno solo? Oppure uno per volta? O nessuno, perché magari dirà che la colpa è della pesante cucina austriaca?”.

 

Tutto è andato in scena ieri in Austria, ripreso da un cellulare.

 

juric vagnati rissa 2 juric vagnati rissa 2

Tuttosport sottolinea anche un “testa di cazzo” di Vagnati che potrebbe essere riferito al presidente Cairo, quando il direttore tecnico ha detto: «Porta rispetto a chi ti difende sempre, agli occhi di quel testa di cazzo».

 

“Vagnati ha insultato anche un signore immanente (e il riferimento potrebbe pure essere al presidente, anche se a Sky il dt ha poi annacquato: «Quando si perde la calma, si dicono anche cose che non si pensano»). Un finimondo, insomma. Signore e signori, che disastro. La pentola a pressione all’interno della quale si cucinano i rinforzi è scoppiata”.

 

Il quotidiano sportivo racconta qualche stralcio degli insulti volati ieri.

juric vagnati juric vagnati

“Cogliamo qua e là: «Non sei un cazzo di nessuno… non mi alzare la voce… mi hai rotto il cazzo…». E Juric che intanto continua a ripetergli di andarsene «a cagare», «vai a cagare», e Vagnati che ricomincia, «non alzare la voce, non sei nessuno. Hai capito, testa di minchia?». Poi un crescendo, sino alla frase delle frasi, quella che rimarrà scolpita per sempre nella testa di tutti. Vagnati furente, fuori di sé, dopo l’ennesimo «mi hai rotto il cazzo, hai capito?». Il dt: «Abbi rispetto per chi ti difende sempre agli occhi di quel testa di cazzo!». Oddio. Sì, proprio così”.

 

juric vagnati rissa 3 juric vagnati rissa 3

E ancora:

“Juric urla a Vagnati «voglio che vai via» (il congiuntivo caduto a terra è l’ultimo dei problemi, a questo punto), «sparisci». Il dt ribatte «ma se ti faccio la squadra», Ivan grida «tu non fai un cazzo, non ti avvicinare», ma Vagnati gli si avvicina eccome, «devi avere rispetto», poi Juric gli replica «non ce l’ho, vai a lavorare», e intanto cerca di allontanarsi, ma l’altro lo segue, non lo molla”.

juric vagnati rissa 4 juric vagnati rissa 4

 

A dividerli ci ha pensato Pellegri. E meno male, scrive Tuttosport.

“Se non ci fosse stato lui, sarebbe finita male. Avremmo scritto questo pezzo dalla sala di attesa di un ospedale austriaco, temiamo. E Cairo? Ieri sera, Tuttosport ha cercato di comunicare con lui. Non ha risposto”.

 

I video circolati dopo quello della rissa non lasciano trapelare grande distensione all’interno del Torino.

“Con Vagnati silenzioso in tribuna, e al fianco il vice Moretti. Arrivati da Waidring in auto, non certo in pullman con Juric, con la squadra. Sorridenti, affabili, sereni, quando sono comparsi e han salutato i cronisti presenti. Come se nulla fosse. Mentre Juric si teneva sempre a debita distanza, negli spogliatoi o in campo, continuando nel suo mutismo pubblico, soltanto pubblico. Solo che adesso è finita in pasto al mondo anche la loro lite furibonda di ieri mattina nel parcheggio”.

juric vagnati rissa 5 juric vagnati rissa 5

 

E poi l’interrogativo, riferito all’autore delle riprese:

“E chi li riprende col telefonino? Forse un tesserato del Torino?”.

ARTICOLI CORRELATI

ivan juric ivan juric juric juric urbano cairo ivan juric urbano cairo ivan juric ivan juric urbano cairo ivan juric urbano cairo urbano cairo ivan juric urbano cairo ivan juric juric torino juric torino

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME SI DICE FORZA ITALIA IN CALABRESE? - L’OBIETTIVO DI MARINA E PIER SILVIO DI PORTARE IL PARTITO AL 20%, TRASFORMANDOLO NELLA “CASA DEI LIBERALI E DEI MODERATI”, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON L’IRRILEVANZA DI LEADERSHIP DI TAJANI MA CON LA CRUDELE REALTÀ - IL 10% INTASCATO DA FORZA ITALIA ALLE EUROPEE APPARTIENE ALLA VECCHIA ARCHITRAVE MERIDIONALISTA: MARTUSCIELLO HA OTTENUTO L’11% IN CAMPANIA, OCCHIUTO IL 18% IN CALABRIA, SCHIFANI IL 23% IN SICILIA. MENTRE NEL LAZIO (REGIONE DEL CIOCIARO TAJANI) ARRIVA AL 4% E NEL NORD EST AL 7% (FLOP DEL BRAND LETIZIA MORATTI) - IL PROBLEMA È CHE I DUE FIGLI DEL CAV, PUR ESSENDO PROPRIETARI DEL PARTITO, NON HANNO RAPPORTI CON I RAS LOCALI CHE, PUR NON GODENDO DI GRANDE CONSIDERAZIONE, SONO QUELLI CHE SPADRONEGGIANO IMPIPANDOSENE ALLEGRAMENTE DELLA “FASE 2” DEL BERLUSCONISMO…

DAGOREPORT - SE TRUMP SI RIPRENDE LA CASA BIANCA, PER LA MELONA LA SITUAZIONE SI FA DIFFICILISSIMA - DENTRO DI SÉ, FA IL TIFO PER KAMALA HARRIS. CON LEI, CHE SEGUIRÀ LE LINEE GUIDA DI BIDEN, AVREBBE UN COLLOQUIO PIÙ AGEVOLE RISPETTO ALL’”AMERICA FIRST” DI TRUMP E VANCE - GIÀ PIOMBATA DA MEGA INCUBI DOMESTICI (FINANZIARIA PER ARIA, MES DA RATIFICARE, PNRR IN GRAVE RITARDO), CON I TRE PARTITI DI GOVERNO IMPEGNATISSIMI A SFANCULARSI OGNI GIORNO, E’ ORMAI CHIARO CHE, DOPO IL SUO NO A URSULA, IL QUARTETTO AL COMANDO, SCHOLZ-MACRON-SANCHEZ-TUSK, MIRA APERTAMENTE A INDEBOLIRE IL GOVERNO DUCIONI CON OGNI AZIONE POLITICA ED ECONOMICA PER CACCIARLO DA PALAZZO CHIGI PRIMA DEL 2027 - SE NON CI PENSA PRIMA UN COLPO DI TESTA DI MATTEO SALVINI APPARECCHIANDO UN SECONDO PAPEETE. COSA CHE POTREBBE ACCADERE IN CASO DI SCONFITTA DEL SUO RIXI ALLE REGIONALI DEL DOPO TOTI IN LIGURIA. AD OGGI I SONDAGGI SONO A FAVORE DELLA SINISTRA…

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - COME MAI BARACK OBAMA NON SI È ANCORA SCHIERATO AL FIANCO DI KAMALA HARRIS? L’EX PRESIDENTE VUOLE ESSERE IL PAPA CHE DÀ LA BENEDIZIONE FINALE AL TICKET PRESIDENZIALE DEM, E NON SOLO ALLA CANDIDATA. IL GUAIO È TROVARE UN "RUNNING MATE" ADATTO: SERVE UN UOMO BIANCO CHE FACCIA DA CONTRALTARE ALLA DONNA, NERA E IDENTITARIA KAMALA. IN POLE JOSH SHAPIRO, MA IL SUO ESSERE EBREO PORTEBBE INIMICARGLI IL FAVORE DELL'ELETTORATO ARABO E DEI RADICAL FILO-PALESTINESI (OCASIO-CORTEZ E COMPAGNIA) – COME SI È ARRIVATI AL RITIRO DI BIDEN: LO STAFF DI “SLEEPY JOE” GLI HA SOTTOPOSTO DEI SONDAGGI HORROR (ERA A 7 PUNTI DA TRUMP) E IL PRESIDENTE HA CAPITO CHE NON C’ERA PIÙ NIENTE DA FARE…

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...