"SPALLETTI PAGLIACCIO": MA CHI E’ IL SOCIAL MEDIA MANAGER DELLO SPARTAK MOSCA? TOTTI? AL FISCHIO FINALE “LUCIO” FA COME SIMEONE CON KLOPP E SI RIFIUTA DI STRINGERE LA MANO ALL’ALLENATORE DEI RUSSI – SCOPPIA LA POLEMICA, LO SPARTAK ATTACCA SUI SOCIAL DANDO DEL CLOWN A BIG SPALLA – LA REPLICA DEL TECNICO: “SI SALUTA ALL'INIZIO DELLA PARTITA, NON ALLA FINE PERCHÉ HAI VINTO” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Da corrieredellosport.it

 

SPALLETTI SPARTAK NAPOLI SPALLETTI SPARTAK NAPOLI

Dopo il gesto a fine partita, il profilo ufficiale del club russo ha attaccato l'allenatore del Napoli con un tweet durissimo che ha scatenato l'ira dei tifosi

 

La sfida tra Spartak Mosca e Napoli si è giocata sotto la dura neve russa ma la vera bufera è scoppiata solo al fischio finale. Luciano Spalletti si è rifiutato di stringere la mano al collega, Rui Vitória, scatenando le polemiche. Il tecnico si è poi giustificato nel post partita: "Non l'ho salutato perché non mi è venuto a salutare all'inizio. Si saluta all'inizio della partita, non alla fine perché hai vinto". Ma lo Spartak non deve aver digerito bene la questione, tanto da pubblicare un durissimo post social di risposta.

 

Spalletti, lo Spartak Mosca attacca su Twitter

SPALLETTI SPARTAK NAPOLI SPALLETTI SPARTAK NAPOLI

Lo Spartak Mosca ha attaccato duramente Spalletti al termine della gara, pubblicando il video del mancato gesto di saluto tra i due tecnici. "Due emoji per descriverlo? Hmm...", scrive il club russo pubblicando due emoji, una fiduciosa con gli occhiali da sole e l'altra... di un pagliaccio. "Alla faccia del fair play", conclude la società moscovita. Il tweet ha in breve scatenato i tifosi del Napoli e non solo, che hanno criticato in massa i toni poco sportivi utilizzati dall'account ufficiale di una società di calcio di tale livello.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

TRAVAGLIO DIXIT: CONTE VUOLE IL VOTO ANTICIPATO – PEPPINIELLO APPULO NON CONTROLLA I GRUPPI PARLAMENTARI E RISCHIA DI NON ARRIVARE AL 2023: È PER QUESTO CHE HA RIFIUTATO LA GENTILE OFFERTA DI LETTA, CHE GLI VOLEVA REGALARE IL SEGGIO DI GUALTIERI ALLA CAMERA – IL DIRETTORE DEL “FATTO” DA MESI SPINGE PER PRESERVARE L’AVVOCATO DI PADRE PIO SOTTO URNA. COSÌ CONTE SI TOGLIEREBBE DALLE PALLE L’ALA GOVERNISTA DEL MOVIMENTO CAPEGGIATA DA DI MAIO – C’È SOLO UN PROBLEMA: BISOGNA SPEDIRE DRAGHI AL COLLE…

business

cronache

sport

“LA DIVERSITÀ NON STA PIÙ TANTO NELLA CORSA MA NELLA QUALITÀ DEI GIOCATORI” – SCONCERTI: “GLI INGLESI SONO PIÙ BRAVI DEI NOSTRI. IL LIVERPOOL TROVA ARMONIE DI SQUADRA ANCHE QUANDO NON CORRE. SONO TUTTI FANTASISTI. NON SBAGLIANO MAI UN APPOGGIO. GIOCANO IN SOSTANZA UN ALTRO CALCIO” – “QUESTI CLUB CLASSICI HANNO GIOCATORI TROPPO DIVERSI E HANNO L'ABITUDINE A QUESTE PARTITE. NON A CASO L'INGHILTERRA PORTA AGLI OTTAVI QUATTRO SQUADRE SU QUATTRO E TUTTE AL PRIMO POSTO. LA SPAGNA NE HA PER ORA DUE SU DUE, LE ALTRE DUE GIOCANO OGGI…”

cafonal

CAFONALISSIMO – SARÀ PERCHÉ LA SERATA ERA SPONSORIZZATA DA ARMANI, SARÀ PERCHÉ (FORSE) ERA L’ULTIMA "PRIMA" DI MATTARELLA, FATTO STA CHE IERI ALLA SCALA NON SI SONO VISTE SMANDRAPPATE NÉ SIGNORE IN CERCA DI VISIBILITÀ CONCIATE COME ABAT-JOUR: LA PAROLA D'ORDINE ERA SOBRIETÀ - GLI UOMINI ERANO TUTTI IN SMOKING, LE DONNE AL MASSIMO HANNO OSATO UN VERDE SPERANZA. LA PELLICCIA DI MANUEL AGNELLI, CRISTINA MARINO SCOLLATISSIMA, BARBARA PALVIN  E GRETA FERRO CASTIGATE, CREMONINI CON LA MAMMA E LAURA MATTARELLA: I MIGLIORI E I PEGGIORI

viaggi

salute