1. C’È UNO SPETTRO CHE SI AGGIRA ALLO 'JUVENTUS CENTER' DI VINOVO: IL RINNOVO DI BUFFON
2. VOCI TORINESI MOLTO VICINE AL DIRETTORE GENERALE MAROTTA SUSSURRANO CHE ANDREA AGNELLI E' FAVOREVOLE A PROLUNGARE DI UN ALTRO ANNO IL CONTRATTO DEL 40ENNE PORTIERONE MA DECURTANDO DI OLTRE LA META' L'INGAGGIO (DA 8,3 MILIONI L'ANNO A 3) 
3. C’È UN TERZO, PESANTE, INCOMODO NELLA VICENDA. SI TRATTA DI ALLEGRI - L'IRA DI BUFFON
 

Condividi questo articolo


Dagoreport

 

buffon buffon

C’è uno spettro che si aggira allo Juventus Center di Vinovo: è il rinnovo di Buffon. Voci torinesi vicine a Marotta, e ben introdotte nelle segrete stanze bianconere, sussurrano che Andrea Agnelli sarebbe favorevole a prolungare di un altro anno il contratto del 40enne portierone. Il presidente vuole accontentare il suo capitano, desideroso di giocare ancora, ma non vuole svenarsi.

 

Ecco perché ha fatto intendere di essere disposto a riconoscergli meno della metà dei 4,5 milioni di euro netti (8,33 lordi) percepiti ora. Appresa l’entità della “proposta”, Buffon è andato su tutte le furie. Vuole fino all’ultimo centesimo dello stipendio che pensa di meritare dopo 17 anni di Juventus.

allegri agnelli marotta allegri agnelli marotta

 

C’è un terzo, pesantissimo, incomodo nella vicenda. Si tratta di Massimiliano Allegri.

L’allenatore ha già fatto capire che, ove mai restasse, il portiere - non più così reattivo tra i pali - dovrà accettare il ruolo di comprimario. Non sarà titolarissimo e dovrà lasciare spazio all’erede designato, il polacco Szczesny. Il mister, d'altronde, non è nuovo ai capricci dei campioni in disarmo: fu la sua intransigenza (ai tempi del Milan) che spinse il 38enne Filippo Inzaghi, ancora voglioso di campo, a chiudere con il calcio, al termine della stagione 2011-2012.

allegri agnelli 9ec allegri agnelli 9ec

 

Che farà, ora, Gigi Buffon? Resterà alla Juventus innescando una situazione conflittuale come quella vissuta da Francesco Totti con Spalletti, nell’ultimo anno alla Roma? Oppure emulerà Alessandro Del Piero, che ando’ a cercare gloria residua in Australia? Accetterà una umiliante panchina pur di esserci ancora? La sua, come le storie di tutte le prime donne, ha una morale: è meglio uscire di scena quando il sipario si è chiuso.

Perché un Buffon che insiste crea la buffonata.

SZCZESNY SZCZESNY

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“IN RAI NON C'È CENSURA, MA RICERCA DEL PROFITTO E DELL’AUDIENCE” - FRECCERO INFILZA LUTTAZZI CHE LO HA ACCUSATO DI AVER CASSATO IL SUO PROGRAMMA SU RAI 2 NEL 2019 APPLICANDO “UNA CENSURA”: “LUTTAZZI CHIEDEVA UN COMPENSO DI BASE DI 100 MILA EURO A PUNTATA COME CONDUTTORE/AUTORE. ERA TROPPO, AL DI FUORI DELLA POSSIBILITÀ DELLA RETE. OGGI IL PROBLEMA PRINCIPALE DELLA RAI È QUELLO DI QUALSIASI AZIENDA CHE DEVE ESSERE PRODUTTIVA. PUÒ PAGARE COMPENSI ELEVATI SOLO IN PRESENZA DI UN RITORNO ECONOMICO” – E SULLA LINEA EDITORIALE…

politica

“OCCORRONO DISCIPLINA E CONTINUITÀ NEL COLTIVARE L'ODIO” -  PAOLO GUZZANTI RANDELLA GLI ODIATORI CHE GIOISCONO PER I MALANNI DI BERLUSCONI: “GODONO A ESERCITARE LA LORO PERVERSIONE, TRATTANDO LA SUA SOFFERENZA E MALATTIA COME PRETESTI DI UN FURBO SCOLARO CHE CERCA SCUSE PER NON PRESENTARSI ALLA MILIONESIMA UDIENZA. NON SCRIVO CERTO PER BERLUSCONI, MA PER I MIEI COMPATRIOTI PIÙ GIOVANI CHE NON HANNO LA PIÙ PALLIDA IDEA DELLA TERRIBILE STORIA DI UN PAESE CRESCIUTO NELLA CULTURA DEL DISPREZZO…”

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute