SE FOSSE STATO PER I TIFOSI SOCIAL (E PER QUALCHE COMMENTATORE “GIOCHISTA”) ALLEGRI E INZAGHI AVREBBERO DOVUTO SMETTERE DI ALLENARE – ZAZZARONI ALLA VIGILIA DI INTER-JUVE: "OGGI L’INTER È CAPACE DI PRATICARE QUALSIASI TIPO DI CALCIO. ALLEGRI, RINUNCIANDO ALLA GLORIA E AI MILIONI DEL REAL MADRID, È TORNATO ALLA JUVE IN UNA FASE DI EVIDENTE RECESSIONE ECONOMICA E TECNICA ED È AUTORE DI UN’ANNATA STRAORDINARIA. LA SENSAZIONE È CHE STIA PIAN PIANO FACENDO LA BOCCA AL GRANDE SOGNO…"

-

Condividi questo articolo


Ivan Zazzaroni per il Corriere dello Sport -Estratti

 

INZAGHI ALLEGRI INZAGHI ALLEGRI

(...) Simone Inzaghi e Massimiliano Allegri, a lungo accusati dal tribunale della rete di non essere in grado di allenare uno l’Inter e l’altro la Juve, le rivincite se le sono prese in appello: dopo essere stati condannati all’“out”, si ritrovano “in”, poiché hanno saputo cambiare tanto il loro destino quanto quello delle squadre che guidano.

 

Pur sforzandomi, non riesco a individuare altre analogie tra i due allenatori, divisi non tanto dall’anagrafe (nove anni), da un punto e una partita ancora da giocare (l’Inter) quanto da radici, formazione, carriera, metodi e carattere.

 

Inzaghi sta facendo un lavoro eccezionale (penso alla finale di Champions giocata più che alla pari col ManCity) e capitalizza al meglio l’esperienza nel top club: non è un allenatore per giovani, punta sulla qualità e sul vissuto di chi manda in campo e in particolare nell’ultimo anno e mezzo ha completato la propria crescita anche attraverso un utilissimo scambio d’informazioni con i vari Mkhitaryan, Calhanoglu, Lautaro, Barella e Dzeko, l’unico dei cinque che non è più presente.

simone inzaghi e max allegri simone inzaghi e max allegri

 

Oggi l’Inter è capace di praticare qualsiasi tipo di calcio. Allegri, rinunciando alla gloria e ai milioni del Real Madrid, è tornato alla Juve in una fase di evidente recessione economica e tecnica. Lo tsunami dirigenziale ha ulteriormente peggiorato le condizioni lavorative. Ciononostante, ha portato risultati anche l’anno scorso ed è autore di un’annata straordinaria in una situazione ambientale difficilissima, visto il comprensibile impegno societario nel cancellare il passato e tutto ciò che aveva legami con la gestione di Andrea Agnelli.

 

max allegri e simone inzaghi 1 max allegri e simone inzaghi 1

Per Max la sfida di dopodomani è molto importante, ma non vitale. L’obiettivo minimo l’ha già raggiunto, adesso può giocare per il primo, il secondo o, alla peggio, il terzo posto. Di rilevante segnalo il mantenimento della Juve sempre in linea di galleggiamento: ha rinfrescato notevolmente la rosa, ridotto i costi d’esercizio e garantito l’indispensabile continuità. Dove si sta superando - opinione personale - è nella gestione dei giovani e della pericolosa esaltazione degli stessi da parte di media e tifosi: l’impiego ragionato dei vari Yildiz, Miretti, Iling-Junior, Nicolussi Caviglia (e la stagione scorsa di Soulé, Barrenechea e Fagioli) lo pone un gradino sopra i colleghi.

 

Ieri, come scrive Marota, Allegri ha riunito squadra e staff a Vinovo, mancava solo l’assente giustificato Francesco Calvo, tenutario del centro: per quasi un’ora e mezzo, il tempo di una partita, ha parlato di motivazioni e responsabilità individuali e di gruppo. La sensazione è che stia pian piano facendo la bocca al grande sogno.

max allegri e simone inzaghi 3 max allegri e simone inzaghi 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO