SPROFONDO GIALLOROSSO: E’ LA STAGIONE PEGGIORE DI PALLOTTA CHE HA DECISO DI CHIAMARSI FUORI. LA SITUAZIONE DEBITORIA SPAVENTA: SUPERIORE AI 300 MILIONI. FRIEDKIN PRESENTA OFFERTE AL RIBASSO MA RESTA INTERESSATO ALLA SOCIETÀ INTANTO JIM PARLA ANCHE CON ALTRI INVESTITORI AMERICANI. A TRIGORIA LA ROMA E’ FONSECA, CHE È STATO LA QUARTA SCELTA, DOPO I NO DI SARRI, CONTE, GASPERINI E MIHAJLOVIC. DA GENNAIO A OGGI, IL CAMMINO DELLA ROMA IN CAMPIONATO E’ DA RETROCESSIONE…

-

Condividi questo articolo

UGO TRANI per il Messaggero

 

pallotta pallotta

Profondo giallorosso. A San Siro evapora definitivamente l'ambizione. E in classifica viene a galla solo il ridimensionamento. Mai la Roma, da quando nell'agosto del 2011 sono sbarcati a Trigoria gli americani, era stata così lontana dal 4° posto, obiettivo principale e vitale per il club, ingolosito dalla vetrina internazionale del più prestigioso torneo continentale e ancora di più dall'introito garantito, circa 50 milioni a stagione, dalla partecipazione alla Champions. La squadra di Fonseca alla giornata numero 28 del torneo ha 9 punti dall'Atalanta (10, contando il vantaggio di Gasperini negli scontri diretti).

 

Abituata a piazzarsi sul podio, ha fallito il piazzamento solo con Luis Enrique nel 2012, con Zeman sostituito in corsa con Andreazzoli nel 2013 e con Di Francesco che poi lasciò a Ranieri l'anno scorso.

 

pallotta friedkin pallotta friedkin

Ma in queste 3 stagioni il ritardo, a questo punto del campionato, è sempre stato accettabile: rispettivamente il distacco è stato di 4, 3 e 4 punti, meno della metà di quelli accumulati con la flessione del 2020. Sempre competitiva, dunque, e in corsa. L'asticella abbassata conferma quanto la proprietà Usa abbia perseverato nella cattiva gestione spesso sopravvalutata dall'inspiegabile propaganda mediatica.

 

pallotta baldini pallotta baldini

SVOLTA BUONA Pallotta ha intanto deciso di chiamarsi fuori. Lo ha chiarito nella auto-intervista al sito del club. In prima persona si sta dedicando alla cessione della Roma. Ha provocato Friedkin, con l'intenzione di ottenere il rilancio del possibile erede al trono, vicinissimo a chiudere a febbraio. L'attuale presidente ha rallentato l'operazione, senza cogliere al volo la chance, e ha detto no ultimamente all'offerta al ribasso di Friedkin. Che resta interessato alla società e che rimane in vantaggio avendo ultimato la due diligence. Pallotta, però, parla anche con altri investitori.

 

Ancora americani. Almeno un paio di soggetti. Vuole occuparsi in proprio della vendita, pure se a Londra c'è chi lo aiuta. Guardando, non si mai, verso Oriente. La situazione debitoria spaventa: superiore ai 300 milioni. In più è stato sfruttato il Decreto Liquidità, 6 milioni di prestito a tasso vantaggioso, per pagare gli stipendi dei dipendenti.

baldini pallotta baldini pallotta

 

L'obiettivo del presidente è di lasciare entro l'inizio della nuova stagione. Eppure, proprio per non abbassare il valore, fa sapere di non aver fretta. Senza la qualificazione in Champions (si può conquistare anche vincendo l'Europa League), andranno via anche i giocatori più quotati. Sarebbe problematico confermare Dzeko e tenersi stretto Zaniolo. Anche perché la quotazione di mercato dei partenti annunciati, Under e Kluivert, cala di partita in partita.

fienga baldissoni foto mezzelani gmt023 fienga baldissoni foto mezzelani gmt023 JAMES PALLOTTA JAMES PALLOTTA

 

VUOTO DI POTERE Oggi la Roma è Fonseca. Anche perché il presidente qui non c'è e, sospeso il ds Petrachi, lascia che a comandare sia il ceo Fienga, più volte a colloquio con il tecnico nelle ultime ore. Il consulente Baldini detta la linea da Londra, il vicepresidente Baldissoni si limita ad occuparsi del nuovo stadio. Non c'è unità, ma dispersione. L'allenatore, alla prima stagione in Italia, non ha la forza di gestire da solo la crisi del gruppo.

fonseca fonseca

 

L'anno scorso il portoghese è stato la quarta scelta, battuto De Zerbi nel ballottaggio, dopo i no di Sarri, Conte, Gasperini e Mihajlovic. Ma vive in apnea pure la società che nessuno tratta da big. Nè in Italia, basta vedere il Cagliari che non ha rispettato l'impegno sul bonus da 900 mila euro per Olsen, nè all'estero. Lo United, al momento, ha solo concesso di trattenere Smalling fino alla conclusione del campionato. Non c'è accordo nè per utilizzarlo in Europa League nè per il riscatto.

striscione contro pallotta striscione contro pallotta james pallotta dan friedkin james pallotta dan friedkin

 

pallotta cessioni pallotta cessioni pallotta pallotta PALLOTTA SPALLETTI PALLOTTA SPALLETTI james pallotta mauro baldissoni james pallotta mauro baldissoni PALLOTTA AGNELLI PALLOTTA AGNELLI PALLOTTA RAGGI PALLOTTA RAGGI pallotta pallotta pallotta dollaro contestazione pallotta dollaro contestazione pallotta 8 pallotta 8

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute

COLPI BASSETTI: “LA PETIZIONE DEI COLLEGHI CONTRO LA MIA NOMINA? IL MONDO È PIENO DI INVIDIOSI, E QUINDI CHE ROSICHINO…” - L’INFETTIVOLOGO DI GENOVA A “UN GIORNO DA PECORA: “SALVINI DICE COSE SENSATE, MA SULLO STESSO PIANO METTO BOCCIA E ZAMPA. ZINGARETTI HA FATTO DICHIARAZIONI CHE NON CONDIVIDO, COME…” - “IL SESSO FA BENE ALLA PSICHE. BISOGNA EVITARE L’IPOCRISIA, QUANDO SI È PARTNER STABILI DIVENTA DIFFICILE PENSARE DI DIRE ALLA GENTE DI FARE L’AMORE CON LA MASCHERINA”