IN TEXAS SE NE FOTTONO DEL “POLITICALLY CORRECT” - IL SENATO DELLO STATO AMERICANO HA VIETATO AGLI ATLETI TRANSGENDER DI COMPETERE NELLE SQUADRE CHE NON CORRISPONDONO AL GENERE CON CUI SONO STATI REGISTRATI ALLA NASCITA – LE ASSOCIAZIONI PER LA DIFESE DEI DIRITTI CIVILI: “LEGGE DISCRIMINATORIA”

-

Condividi questo articolo


trans trans

Da “ANSA” 

 

Il Senato del Texas ha votato una legge che obbliga gli studenti transgender a competere nelle squadre che corrispondono al genere con cui sono stati registrati alla nascita, e non quello in cui si identificano. Il controverso provvedimento era già stato varato dalla Camera dell'assemblea statale e ora è approdato sulla scrivania del governatore repubblicano Greg Abbott. 

 

diritti transgender 5 diritti transgender 5

Quella di introdurre il divieto ai transgender di gareggiare negli sport o nelle squadre femminili è una delle crociate da tempo portate avanti dall'ex presidente Donald Trump. Le associazioni per la difesa dei diritti civili definiscono la legge discriminatoria.

diritti transgender 3 diritti transgender 3 ATLETA TRANS RUGBY FEMMINILE ATLETA TRANS RUGBY FEMMINILE diritti transgender 1 diritti transgender 1 bagno per trans 6 bagno per trans 6 diritti transgender 4 diritti transgender 4

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute