TORO SEDATO, LA FACCIA DI CAIRO E’ TUTTA UN PROGRAMMA - IL MILAN SI RILANCIA CONTRO I GRANATA DOPO LA SCONFITTA CON LA JUVE E RESTA PRIMO IN ATTESA DI ROMA-INTER. PIOLI RITROVA ANCHE IBRA MA PERDE TONALI - LA VAR ASSEGNA UN RIGORE AI ROSSONERI E NE TOGLIE UNO ALLA SQUADRA DI GIAMPAOLO (SEMPRE PENULTIMA) - IL MILAN HA RICEVUTO 20 CALCI DI RIGORE DALL'INIZIO DELLA SCORSA STAGIONE-  ZILIANI: "CHI IRONIZZA SUI MOLTI RIGORI FISCHIATI AL MILAN NON VUOL RICONOSCERE L’IMPRESSIONANTE VARIETÀ DI…"

-

Condividi questo articolo

ZILIANI TWEET: Chi ironizza sui molti rigori fischiati al Milan non vuol vedere e riconoscere l’impressionante varietà e continuità di gioco d’attacco dei ragazzi di Pioli (che non sono fuoriclasse, tra l’altro)…

CAIRO CAIRO

 

 

MILAN TORINO

Nicola Cecere per gazzetta.it

 

 

La capolista tiene duro. Altri tre punti e domani pranzetto domenicale in assoluto relax davanti alla tv per vedere chi la spunta tra Inter e Roma. Con Ibra e Calhanoglu inizialmente in panchina, recuperi dell’ultimo istante, e con Bennacer, Krunic e Rebic in tribuna, mister Pioli contro il suo predecessore Marco Giampaolo non può che affidarsi ai più giovani e la risposta è oltremodo confortante.

 

Brahim Diaz manda in area Rafael Leao, tiro in corsa inesorabile: dopo 25’ di assoluto predominio il risultato viene sbloccato. Una decina di minuti e il Toro incassa il raddoppio, su rigore di Kessie, decretato dopo esame al Var. Contatto tra Belotti e il solito furetto Diaz. Cosa ci facesse n piena area il centravanti granata è materia di esame infrasettimanale, si sa che gli attaccanti vanno tenuti lontani dalla propria porta perché quando fanno i difensori spesso combinano disastri...

MILAN TORINO MILAN TORINO

 

Ecco, solo dopo aver incassato l’imparabile penalty dello specialista Kessie il Toro riesce a reagire, organizzandosi meglio a centrocampo dove Lukic e Gojak (preferito a Linetty) soffrono la vivacità dei rossoneri. In questa fase il Toro non ha fortuna perché una micidiale punizione di Rodriguez si stampa sulla traversa. Un lampo. Poi il Milan torna a farsi minaccioso e Kessie in contropiede si presenta davanti a Sirigu: sembra un gol inevitabile e invece il portiere lo evita. Di piede. Certo, Kessie avrebbe potuto calciare meglio, Sirigu ha comunque il merito di essere rimasto immobile fino all’ultimo e quindi un po’ lo condiziona.

 

MILAN TORINO MILAN TORINO

Dal mancato 3-0 al possibile 2-1 ci passa l’intervallo. Al 50’ Maresca indica il dischetto dopo un contrasto tra Tonali e Verdi. Il rossonero rimane contuso ed è costretto a uscire (sostituito da Dalot) mentre Maresca viene chiamato alla revisione video dal suo collega Guida. Se prima il replay in area del Toro aveva indotto a dare un rigore non fischiato in diretta, questo secondo replay lo induce a cancellare la decisione di concederlo ai granata. Var assoluto protagonista, quindi.

 

MILAN TORINO TONALI KO MILAN TORINO TONALI KO

Per gli uomini di Giampaolo è una botta dura da assorbire in fretta. Giampaolo cambia: rombo. Comunque con i cambi e un atteggiamento alla “o la va o la spacca”, il Toro disputa una buona parte del secondo tempo ad altezza Milan, nel senso che riesce a schiacciare i rossoneri nella loro area. Inserendo Zaza e Murru al 64’, Giampaolo torna al suo amato 4-3-1-2 ed esercita una certa pressione sugli avversari. In questa fase Belotti di testa impegna Donnarumma per la prima volta. La seconda parata, più difficile, il portiere la compie al 90’ su una cannonata da fuori del giovane Segre che una deviazione rende ancora più insidiosa: Gigio rimedia con un colpo di reni

 

ibrahimovic ibrahimovic

In precedenza, all’84’ si registra un altro episodio molto positivo per la capolista: il rientro in campo di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio dal 22 novembre. Inutile soffermarsi sull’importanza di questa pedina. La sfida di questa sera si replica martedì in modalità Coppa Italia. Facile prevedere molto turnover in entrambe le squadre.

IBRAHIMOVIC IBRAHIMOVIC

GIAMPAOLO GIAMPAOLO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

COME MAI IL TITOLO DELLA CATENA DI VIDEOGIOCHI “GAMESTOP”, CHE NON SE LA PASSA BENISSIMO, HA FATTO +5000% IN UN MESE A WALL STREET? È TUTTO MERITO DI UN CANALE REDDIT CHE VUOLE FREGARE I COLOSSI DELLA SPECULAZIONE, SPECIALIZZATI NELLO SHORT SELLING, CON IL SUPPORTO DI ELON MUSK – È L’INIZIO DELLA RIVOLTA CONTRO L’ESTABLISHMENT O LA SOLITA BOLLA DI RAGAZZINI DESTINATA A SGONFIARSI? CHI SI RIBELLA AI MERCATI DI SOLITO FINISCE MALE, MA PER ORA LA BATTAGLIA LA STANNO VINCENDO...

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute