VOLETE SAPERE PERCHÉ JUVENTUS-INTER E LE ALTRE PARTITE CHE SI DOVEVANO GIOCARE A PORTE CHIUSE SONO STATE RINVIATE? CI SONO 5 MILIONI DI BUONI MOTIVI, CIOÈ L’INCASSO CHE SAREBBE MANCATO ALLA SOCIETÀ BIANCONERA SE LA PARTITA SI FOSSE GIOCATA SENZA PUBBLICO – ANDREA AGNELLI DA GIORNI SPINGEVA MOLTO PER IL RINVIO DECRETATO OGGI UFFICIALMENTE DALLA LEGA…

-

Condividi questo articolo


 

 

PAOLO DAL PINO PAOLO DAL PINO

LA SERIE A VA IN QUARANTENA – JUVE-INTER E LE ALTRE QUATTRO PARTITE CHE SI DOVEVANO GIOCARE A PORTE CHIUSE SONO STATE RINVIATE AL 13 MAGGIO. OLTRE AL BIG MATCH ERANO IN PROGRAMMA MILAN-GENOA, PARMA-SPAL E SASSUOLO-BRESCIA

 

https://www.dagospia.com/rubrica-30/sport/serie-va-quarantena-ndash-juve-inter-altre-quattro-partite-228383.htm

andrea agnelli sarri andrea agnelli sarri

 

 

La Juventus non si arrende e sta lavorando per il rinvio

Monica Colombo per il “Corriere della Sera”

 

Un nuovo ribaltone, solo sfiorato, ipotizzato. Le cinque partite della 26ª giornata, programmate a porte chiuse, hanno rischiato di essere rinviate per non dare un' immagine sbiadita del nostro movimento calcistico. Anche per assecondare la volontà dei presidenti, che di giocare senza tifosi, perdendo l' incasso, non ne hanno voglia. Soprattutto Andrea Agnelli. In ballo c' è Juventus-Inter, domani sera allo Stadium con un potenziale incasso di oltre 5 milioni.

juve inter juve inter

 

L' ipotesi rinvio con il passare delle ore ha perso forza. Ma se oggi Juve-Inter fosse posticipata, stessa sorte sarebbe riservata alle altre gare senza tifosi (Udinese-Fiorentina, Milan-Genoa, Sassuolo-Brescia e Parma-Spal). Ieri l' ipotesi è stata valutata dal ministro dello Sport Spadafora. E la Lega ha lavorato su un calendario alternativo. Che resterà in piedi sino all' ultimo

LA CENA TRA ANDREA AGNELLI E MAURIZIO SARRI LA CENA TRA ANDREA AGNELLI E MAURIZIO SARRI PAOLO DAL PINO PAOLO DAL PINO

 

Condividi questo articolo

media e tv

“IN RAI NON C'È CENSURA, MA RICERCA DEL PROFITTO E DELL’AUDIENCE” - FRECCERO INFILZA LUTTAZZI CHE LO HA ACCUSATO DI AVER CASSATO IL SUO PROGRAMMA SU RAI 2 NEL 2019 APPLICANDO “UNA CENSURA”: “LUTTAZZI CHIEDEVA UN COMPENSO DI BASE DI 100 MILA EURO A PUNTATA COME CONDUTTORE/AUTORE. ERA TROPPO, AL DI FUORI DELLA POSSIBILITÀ DELLA RETE. OGGI IL PROBLEMA PRINCIPALE DELLA RAI È QUELLO DI QUALSIASI AZIENDA CHE DEVE ESSERE PRODUTTIVA. PUÒ PAGARE COMPENSI ELEVATI SOLO IN PRESENZA DI UN RITORNO ECONOMICO” – E SULLA LINEA EDITORIALE…

politica

“OCCORRONO DISCIPLINA E CONTINUITÀ NEL COLTIVARE L'ODIO” -  PAOLO GUZZANTI RANDELLA GLI ODIATORI CHE GIOISCONO PER I MALANNI DI BERLUSCONI: “GODONO A ESERCITARE LA LORO PERVERSIONE, TRATTANDO LA SUA SOFFERENZA E MALATTIA COME PRETESTI DI UN FURBO SCOLARO CHE CERCA SCUSE PER NON PRESENTARSI ALLA MILIONESIMA UDIENZA. NON SCRIVO CERTO PER BERLUSCONI, MA PER I MIEI COMPATRIOTI PIÙ GIOVANI CHE NON HANNO LA PIÙ PALLIDA IDEA DELLA TERRIBILE STORIA DI UN PAESE CRESCIUTO NELLA CULTURA DEL DISPREZZO…”

 

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute