L’ARTE DEL SELFIE E CUCI - IN MOSTRA I QUADRI TESSILI DI ERIN M.RILEY, RIPRODUZIONI AL TELAIO DI FOTO SEXY PESCATE DAI SOCIAL, IN NOME DELL’ORGASMO E DELL’ESPLORAZIONE DELLA SESSUALITA’ FEMMINILE

I suoi lavori hanno natura erotica, ma dicono anche molto dell’ossessione tecnologica sul “sexting” e sul giudizio che le donne ricevono quando si rendono sessualmente visibili.Le opere sono in mostra fino al 22 novembre alla “Ann Street Gallery” di New York...

Condividi questo articolo


www.playboy.com

 

selfie tessile della riley selfie tessile della riley

Erin M. Riley è l’artista di Brooklyn che fa enormi quadri tessili ricreando i selfi on line. Pesca i soggetti da “Instagram” e “Tumblr”, dove più una foto rivela, più “mi piace” ottiene.

Mentre nella cultura popolare il “selfie” sta diventando il termine dispregiativo per descrivere il narcisismo senza fine, la Riley trova affinità con le donne che ritrae: «So come ci si sente, e quanto è eccitante farsi una foto sexy. E’ divertente, ma anche deludente. Un “selfie” non è mai abbastanza per comunicare tutto”.

 

selfie quadro in mostra a new york selfie quadro in mostra a new york

Nei suoi tessili i volti delle donne restano anonimi, indistinti. Talvolta l’artista usa le sue di foto nude, dando un tocco più personale. I suoi lavori hanno natura erotica, ma dicono anche molto dell’ossessione tecnologica sul “sexting” e sul giudizio che le donne ricevono quando si rendono sessualmente visibili: «Credo che i “selfie” riflettano quest’epoca. Ricordo quando il sesso si sperimentava nell’era pre-Facebook. Si flirtava via messaggio, si leggeva su “Literotica.com”. Era una forma primitiva di cybersex. Le mie opere celebrano l’esplorazione femminile della sessualità, non condannano le donne che la esprimono».

 

selfie quadro cucito selfie quadro cucito

La Riley usa un telaio tradizionale, vintage, poi tinge a mano nel suo studio: «Mi affeziono ai miei soggetti. Li sostengo. Spero che queste donne difendano se stesse e chiedano orgasmi».

 

Le sue opere sono in mostra fino al 22 novembre alla “Ann Street Gallery” di New York, a dicembre alla “Paradigm Gallery” di Miami, a febbraio alla “Soze Gallery” di Los Angeles, a marzo alla Paradigm Gallery” di Philadelphia.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

DOVE VAI IN VACANZA? A GRADO! – LO STORICO DELL'ARTE LUIGI FICACCI: "PROPRIO DOVE L’ADRIATICO SI CONCLUDE IN UNA LAGUNA SI POSSONO RINTRACCIARE I CARATTERI DELLA PIÙ ELEVATA CIVILTÀ BIZANTINA, IN UN AVORIO CONSERVATO AL BRITISH MUSEUM. E’ MOLTO PROBABILE CHE NEL VII SECOLO, QUELLA TAVOLETTA VENISSE ESEGUITA E INSERITA IN UNA CATTEDRA VESCOVILE EBURNEA, DEDICATA ALL’APOSTOLO PIETRO – E POI LA CATTEDRALE DI SANT'EUFEMIA, LA BELLISSIMA CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE, IL CAMPO DEI PATRIARCHI, UN ORGANISMO URBANO CHE…" - VIDEO

salute

VALLO A SPIEGARE A QUEI TONTI DI NO VAX - MATTIA FELTRI: “L'INGHILTERRA VIAGGIA A 45-46 MILA CONTAGI AL GIORNO. LA RECRUDESCENZA HA A CHE VEDERE CON LA VARIANTE DELTA MA ANCHE AL FATTO CHE NEI VACCINATI SI RIDUCONO GLI ANTICORPI, PRESTO SUCCEDERÀ ANCHE A NOI, E LA CAMPAGNA PER LA TERZA DOSE NON È SOLLECITA QUANTO LA PRECEDENTE. È COME SE L'INGHILTERRA CI STESSE MOSTRANDO IL FUTURO: SE NON SAREMO BRAVI CON LE TERZE DOSI, E SE ILLUDENDOCI DI AVER VINTO RINUNCEREMO TROPPO FACILMENTE ALLE RESTRIZIONI, CI RICASCHEREMO DI NUOVO”