MA QANTAS VOGLIA DI PARTIRE C’È? – LA COMPAGNIA AEREA HA VENDUTO IN DIECI MINUTI TUTTI I POSTI DISPONIBILI SUL VOLO VERSO “IL NULLA”. A OTTOBRE DECOLLERÀ DA SYDNEY UN AEREO CHE SORVOLERÀ PER SETTE ORE LE PRINCIPALI ATTRAZIONI TURISTICHE DEL PAESE: DALL'ULURU ALLE ISOLE WHITSUNDAYS, FINO ALLA SUNSHINE COAST. È PREVISTO ANCHE UN SORVOLO A BASSA QUOTA DEL SYDNEY HARBOUR – IL COSTO? NON PROPRIO ACCESSIBILE…

-

Condividi questo articolo


Da "tg24.sky.it"

 

qantas qantas

Un volo "verso il nulla" di Qantas ha venduto tutti i posti disponibili in appena dieci minuti. A metà ottobre sorvolerà le principali attrazioni turistiche australiane. L'iniziativa, accolta con grande entusiasmo, è una risposta della compagnia di bandiera australiana alle restrizioni imposte dal governo a causa del Covid sulle rotte sia nazionali che internazionali.

 

Un volo turistico sul Paese

Il volo, che partirà e ritornerà a Sydney, è previsto per il 10 ottobre e sorvolerà le principali attrazioni turistiche del Paese: dall'Uluru, il monolite sacro nel cuore del deserto rosso, alle Isole Whitsundays, fino alla Grande Barriera Corallina, la Sunshine Coast. È previsto anche un sorvolo a bassa quota del Sydney Harbour, lo spettacolare porto della città.

 

qantas qantas

La crociera durerà sette ore e ai passeggeri sarà servito il menu di uno chef molto amato dagli australiani: Neil Perry. Nonostante il costo del biglietto non proprio economico (tra 572 dollari e 2.754 dollari), i posti sono andati esauriti in 10 minuti. Secondo quantro confermato da una portavoce della compagnia aerea australiana il volo è stato "probabilmente il più veloce ad essere venduto nella storia di Qantas".

 

La risposta di Qantas al lockdown

Qantas, la più grande compagnia aerea australiana, deve fare i conti con il forte calo delle sue operazioni dovuto alla pandemia. Per far fronte alla crisi, a fine agosto, ha confermato la possibilità di esternalizzare i propri servizi di terra.

 

747 qantas 747 qantas

Mentre a giugno aveva annunciato un piano di ristrutturazione che prevederebbe un taglio di seimila posti di lavoro. In questo senso, il volo turistico a bordo di un Boeing 787 Dreamliner è un'altra iniziativa della compagnia in risposta alle restrizioni del governo sulle rotte nazionali e internazionali dovute all'emergenza Covid nel Paese che sta imponendo nuovi lockdown a fronte della seconda ondata dell'epidemia.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

AIUTO! SONO IN ARRIVO LE “NUOVE KARDASHIAN” – CHARLI D’AMELIO È LA “TIKTOKER” PIÙ SEGUITA AL MONDO, CON 170 MILIONI DI “FOLLOWERS” E INSIEME ALLA SORELLA DIXIE, ANCHE LEI NELLA TOP TEN DEI “TIKTOKERS” PIÙ FAMOSI, SONO LE PROTAGONISTE DI UN REALITY SU DISNEY+ CHE RACCONTA LE LORO VITE PRIVATE – “IN TV NON NASCONDIAMO LE CRISI D’ANSIA, DOBBIAMO ANCORA FARE L'ABITUDINE A TUTTA QUESTA POPOLARITÀ” – MA INSIEME AGLI AMMIRATORI ARRIVANO ANCHE GLI “HATERS”

politica

COSI' NON SI PASS - SALLUSTI "AVVISA" SALVINI E MELONI DOPO IL FLOP DELLE PROTESTE NO PASS: “MI AUGURO CHE ANCHE GLI ESPONENTI DI CENTRODESTRA CHE IN QUESTI MESI HANNO STRIZZATO L'OCCHIO AI NO PASS PRENDANO ATTO CHE GLI ITALIANI LA PENSANO DIVERSAMENTE - SOGNO UN CENTRODESTRA CHE SI CANDIDI A GOVERNARE IL PAESE, NON UNO CHE SI METTE ALLA TESTA DI UNA MINORANZA NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI IMPAURITA MA PIÙ PROBABILMENTE IGNORANTE, OSTILE ALLA SCIENZA E IN CERCA DI UN RUOLO CHE ALTRIMENTI NON AVREBBE”

business

cronache

GIOVANNA BODA, INDAGATA PER CORRUZIONE, ERA CANDIDATA A DIVENTARE MINISTRO DELL'ISTRUZIONE CON L'APPOGGIO DEL QUIRINALE E DI MARIA ELENA BOSCHI, ALLA CUI COGNATA STAVA CERCANDO UN POSTO DI LAVORO - “LA VERITÀ”: “QUALCUNO AI VERTICI DELLA PROCURA O DELLA FINANZA HA AVVERTITO CHI DI DOVERE CHE QUALCUNO STAVA CANDIDANDO A MINISTRO UN'INDAGATA PER CORRUZIONE, INTERCETTATA E A RISCHIO DI ARRESTO? FONTI SMENTISCONO QUESTA SECONDA IPOTESI. LA VICENDA DIFFICILMENTE SARÀ CHIARITA, ANCHE PERCHÉ SU DI ESSA È CALATO IL SILENZIO…”

sport

cafonal

viaggi

salute

“UNA CURA PER IL COVID C'È GIÀ E SI PUÒ USARE DA SUBITO” - GIUSEPPE REMUZZI, DIRETTORE DELL'ISTITUTO MARIO NEGRI: “IL NOSTRO TRATTAMENTO CON ANTINFIAMMATORI RIDUCE LE OSPEDALIZZAZIONI DEL 90%. GLI STUDI SONO PUBBLICATI, I MEDICI POSSONO APPLICARLI A PRESCINDERE DALLE LINEE GUIDA. LE EVIDENZE A FAVORE DEGLI ANTINFIAMMATORI COMINCIANO A ESSERE TANTE ANCHE SE NON GIUSTIFICANO ANCORA IL CAMBIO DELLE RACCOMANDAZIONI DA PARTE DI AIFA. L'UNICO SCETTICO CHE ABBIAMO INCONTRATO? UN ITALIANO…”