QUELLE SURPRISE 'STO SUPPLÌ - IL NOME È LA STORPIATURA DI ''SOPRESA'' IN FRANCESE, PERCHÉ LO APRI E TROVI COSE CHE NON TI ASPETTAVI. MA SOLO A ROMA I SUPPLÌ POTEVANO DIVENTARE ''AL TELEFONO'', CON QUEL FILO CALDO DI MOZZARELLA CHE LEGA DUE MEZZE PARTI COME FOSSERO LA CORNETTA E L' APPARECCHIO TELEFONICO- COME FARLI, DOVE MANGIARLI E LE NUOVE RICETTE

-

Condividi questo articolo


Carlo Ottaviano per ''il Messaggero''

 

 

SUPPLI SUPPLI

Il nome è la storpiatura del francese surprise (la sorpresa all' interno), ma solo a Roma i supplì potevano diventare al telefono, con quel filo caldo di mozzarella che lega due mezze parti come fossero la cornetta e l' apparecchio telefonico.

«Mettiamo subito le cose in chiaro, non è un piatto veloce che si fa con gli avanzi», ammonisce Arcangelo Dandini, importante chef romano con ristorante a Prati e friggitoria gourmet a via dei Banchi Vecchi. «Un piatto di recupero spiega è, per esempio, il riso al salto a Milano.

 

Il supplì non è concepito per salvare gli avanzi. Ci vogliono tre ore per prepararlo a regola d' arte, non è semplice. Sin dalla scelta del riso». Dandini al suo Supplizio utilizza il Carnaroli della piemontese RisoBuono (prodotto dalla famiglia dell' ex ambasciatore Guidobono Cavalchini).

«Vanno bene anche - precisa altre varietà superfine italiane come il Vialone nano o l' Arboreo».

 

GLI INGREDIENTI

Essendo il supplì e tutti i fritti sempre sul banco degli accusati a proposito di digeribilità e benessere fisico, bisogna parlare di ingredienti. «Certo dice Dandini se mangi 10 supplì, arancini o crocchette poi stai male. L' equilibrio e la scelta della materia prima fanno la differenza».

 

SUPPLI. SUPPLI.

Partendo dall' olio. «L' ideale per le fritture afferma lo chef romano - è l' alto oleico che non si stressa e resta stabile anche alle altissime temperature, non rilasciando derivati negativi». Un ruolo importante a tutela del benessere fisico hanno anche gli strumenti di cottura. Una buona friggitrice elettrica da casa oggi costa meno di 100 euro. «E ci fai na guerra, anche se io mi diverto di più con la padella a controllare l' olio», chiosa Arcangelo.

La friggitrice consente di regolare e mantenere costante la temperatura e il cestello è utile per estrarre i supplì già sgocciolati.

 

Anche le padelle si rinnovano e quelle di ultima generazione come la Agnelli Lionese riescono a raggiungere velocemente le alte temperature, evitando sprechi di energia. Importante è che l' olio tocchi i 200-230 gradi ma non superi il punto di fumo. Piuttosto l' uscita violenta del vapore deve avvenire quando si immerge l' alimento (che all' interno ha sicuramente parti di acqua) nell' olio bollente creando una barriera col grasso che evita al cibo di impregnarsi di olio.

 

IL BENESSERE

Non limitiamoci, però, alla salute fisica: c' è anche il benessere mentale e un buon supplì è davvero un toccasana che non solo sfama, ma appaga. È un vero comfort food, tanto più dopo aver resistito a lungo alla tentazione golosa del fritto. Vale per il supplì romano, come per l' arancina/o in Sicilia (femminile a occidente, maschile a oriente), o per la napoletanissima crocchetta (anche questa derivazione del francese croquer, cioè sgranocchiare). «A Roma nel 700 racconta Dandini i fritti rotondi, ovali o cilindrici arrivarono proprio con i francesi dal Regno delle Due Sicilie. A Napoli li chiamano ancora pall e ris».

suppli e fritti vari per gli ospiti suppli e fritti vari per gli ospiti

 

Patrimonio ormai di tutta Italia, all' interno nascondono veri tesori: ragù, besciamella, formaggio, mozzarella, prosciutto, funghi. Di tendenza adesso sono al salmone e pistacchio, burro e acciughe. La versione classica romana è con le regaglie di pollo.

«Non da unire al riso bollito raccomanda Dandini ma da cuocere come un vero e proprio risotto che poi dopo aver riposato va fritto». Proprio come faceva nonna Velia già nel 1905.

fritti suppli panini con porchetta e melanzane fritti suppli panini con porchetta e melanzane SUPPLI DI RISO SUPPLI DI RISO un piatto di suppli un piatto di suppli

 

Condividi questo articolo

media e tv

AIUTO! SONO IN ARRIVO LE “NUOVE KARDASHIAN” – CHARLI D’AMELIO È LA “TIKTOKER” PIÙ SEGUITA AL MONDO, CON 170 MILIONI DI “FOLLOWERS” E INSIEME ALLA SORELLA DIXIE, ANCHE LEI NELLA TOP TEN DEI “TIKTOKERS” PIÙ FAMOSI, SONO LE PROTAGONISTE DI UN REALITY SU DISNEY+ CHE RACCONTA LE LORO VITE PRIVATE – “IN TV NON NASCONDIAMO LE CRISI D’ANSIA, DOBBIAMO ANCORA FARE L'ABITUDINE A TUTTA QUESTA POPOLARITÀ” – MA INSIEME AGLI AMMIRATORI ARRIVANO ANCHE GLI “HATERS”

politica

COSI' NON SI PASS - SALLUSTI "AVVISA" SALVINI E MELONI DOPO IL FLOP DELLE PROTESTE NO PASS: “MI AUGURO CHE ANCHE GLI ESPONENTI DI CENTRODESTRA CHE IN QUESTI MESI HANNO STRIZZATO L'OCCHIO AI NO PASS PRENDANO ATTO CHE GLI ITALIANI LA PENSANO DIVERSAMENTE - SOGNO UN CENTRODESTRA CHE SI CANDIDI A GOVERNARE IL PAESE, NON UNO CHE SI METTE ALLA TESTA DI UNA MINORANZA NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI IMPAURITA MA PIÙ PROBABILMENTE IGNORANTE, OSTILE ALLA SCIENZA E IN CERCA DI UN RUOLO CHE ALTRIMENTI NON AVREBBE”

business

cronache

GIOVANNA BODA, INDAGATA PER CORRUZIONE, ERA CANDIDATA A DIVENTARE MINISTRO DELL'ISTRUZIONE CON L'APPOGGIO DEL QUIRINALE E DI MARIA ELENA BOSCHI, ALLA CUI COGNATA STAVA CERCANDO UN POSTO DI LAVORO - “LA VERITÀ”: “QUALCUNO AI VERTICI DELLA PROCURA O DELLA FINANZA HA AVVERTITO CHI DI DOVERE CHE QUALCUNO STAVA CANDIDANDO A MINISTRO UN'INDAGATA PER CORRUZIONE, INTERCETTATA E A RISCHIO DI ARRESTO? FONTI SMENTISCONO QUESTA SECONDA IPOTESI. LA VICENDA DIFFICILMENTE SARÀ CHIARITA, ANCHE PERCHÉ SU DI ESSA È CALATO IL SILENZIO…”

sport

cafonal

viaggi

salute

“UNA CURA PER IL COVID C'È GIÀ E SI PUÒ USARE DA SUBITO” - GIUSEPPE REMUZZI, DIRETTORE DELL'ISTITUTO MARIO NEGRI: “IL NOSTRO TRATTAMENTO CON ANTINFIAMMATORI RIDUCE LE OSPEDALIZZAZIONI DEL 90%. GLI STUDI SONO PUBBLICATI, I MEDICI POSSONO APPLICARLI A PRESCINDERE DALLE LINEE GUIDA. LE EVIDENZE A FAVORE DEGLI ANTINFIAMMATORI COMINCIANO A ESSERE TANTE ANCHE SE NON GIUSTIFICANO ANCORA IL CAMBIO DELLE RACCOMANDAZIONI DA PARTE DI AIFA. L'UNICO SCETTICO CHE ABBIAMO INCONTRATO? UN ITALIANO…”