BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 2.668 NUOVI CASI E 40 DECESSI, CON 324.614 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE SCENDE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 86,8 MILIONI, CON PIÙ DI 43,5 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO RICEVUTO IL RICHIAMO (80,63% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – LA FONDAZIONE GIMBE: “TUTTI GLI INDICATORI DELL’EPIDEMIA SONO IN CALO” – I CASI E MORTI REGIONE PER REGIONE…

-

Condividi questo articolo


Paola Caruso per www.corriere.it

 

BOLLETTINO 14 ottobre 2021 BOLLETTINO 14 ottobre 2021

Sono 2.668 i nuovi casi di coronavirus in Italia (ieri sono stati 2.772). Sale così ad almeno 4.709.753 il numero di persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (compresi guariti e morti) dall’inizio dell’epidemia. I decessi odierni sono 40 (ieri sono stati 37), per un totale di 131.461 vittime da febbraio 2020. 

 

Le persone guarite o dimesse sono complessivamente 4.498.924 e 3.709 quelle uscite oggi dall’incubo Covid (ieri 4.827). Gli attuali positivi — i soggetti che hanno il virus — risultano essere in tutto 79.368, pari a -1.083 rispetto a ieri (-2.095 il giorno prima).

 

Tamponi Covid Tamponi Covid

I tamponi e lo scenario

I tamponi totali (molecolari e antigenici) sono stati 324.614, ovvero 45.669 in più rispetto a ieri quando erano stati 278.945. Mentre il tasso di positività scende allo 0,8% (l’approssimazione di 0,82%); ieri era 1%. 

 

Meno contagi in 24 ore rispetto a ieri. Il «picco settimanale» della curva in oscillazione si è verificato ieri, comunque un «picco» sotto la soglia di 3 mila. Un buon segnale, oltre al fatto che gli attuali positivi totali (ora 79.368) scendono sotto la soglia di 80 mila, come scritto sopra. 

 

CURVA CONTAGI 14 ottobre 2021 CURVA CONTAGI 14 ottobre 2021

Dal confronto con lo scorso giovedì (7 ottobre) — lo stesso giorno della settimana — quando sono stati registrati +2.938 casi con un tasso di positività dell’1% si vede che il trend della curva si mantiene in discesa lenta: oggi infatti ci sono meno nuove infezioni di quel giorno, con una percentuale inferiore (0,8% contro 1%).

 

Tutti gli indicatori dell’epidemia sono in calo. Lo rivela l’ultimo monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe su base settimanale (6-12 ottobre): -13,5% i nuovi casi rispetto alla settimana prima, -14,5% i decessi (pari a 266 contro i 311 precedenti), -10,2% i ricoveri ordinari e -14,5% le terapie intensive.

 

coronavirus ospedale coronavirus ospedale

Secondo il report settimanale di Altems (Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’università Cattolica), la Sicilia è la regione con la mortalità (rapporto tra decessi e popolazione) più elevata (0,85%), seguita da Toscana (0,65%) e Basilicata (0,55%), rispetto a un valore di 0,38% a livello nazionale.

 

ospedale covid ospedale covid

Il sistema sanitario

Diminuiscono le degenze in ogni area, per il terzo giorno consecutivo. I posti letto occupati nei reparti Covid ordinari sono -73 (ieri -113), per un totale di 2.479 ricoverati. I posti letto occupati in terapia intensiva (TI) sono -8 (ieri -3) — si tratta del saldo tra le persone uscite e quelle entrate in TI —, portando il totale dei malati più gravi a 359, con 22 ingressi in rianimazione (ieri 19).

Vaccini Vaccini

 

I vaccinati

Le dosi di vaccino somministrate sono oltre 86,8 milioni. I cittadini che hanno ricevuto la seconda dose sono oltre 43,5 milioni (80,63% della popolazione over 12). Ad aver ricevuto una sola dose sono 45,8 milioni di persone (85,11% dei vaccinabili), mentre oltre 435 mila hanno avuto la dose aggiuntiva. 

 

I casi regione per regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per regione, è quello dei casi totali (numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia: include morti e guariti). La variazione indica il numero dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore. 

 

Lombardia 887.780: +273 casi (ieri +307)

Veneto 473.696: +334 casi (ieri 348)

Campania 460.012: +313 casi (ieri +280)

Emilia-Romagna 427.188: +196 casi (ieri +223)

Lazio 388.089: +275 casi (ieri +194)

Piemonte 381.268: +198 casi (ieri +195)

Sicilia 302.736: +270 casi (ieri +304)

Toscana 285.199: +229 casi (ieri +215)

Puglia 270.131: +93 casi (ieri +86)

Marche 114.714: +40 casi (ieri +71)

Friuli-Venezia Giulia 114.644: +87 casi (ieri +95)

Liguria 113.574: +66 casi (ieri +78)

Calabria 85.358: +115 casi (ieri +141)

Abruzzo 81.786: +45 casi (ieri +56)

P. A. Bolzano 77.588: +16 casi (ieri +63)

Sardegna 75.791: +49 casi (ieri +35)

Umbria 64.203: +24 casi (ieri +28)

P. A. Trento 48.724: +23 casi (ieri +26)

Basilicata 30.492: +11 casi (ieri +17)

Molise 14.559: +8 casi (ieri +5)

Valle d’Aosta 12.221: +3 casi (ieri +5)

 

I decessi regione per regione

Il dato fornito qui sotto, e suddiviso per regione, è quello dei morti totali dall’inizio della pandemia. La variazione indica il numero dei nuovi decessi registrati nelle ultime 24 ore.

 

Lombardia 34.108: +10 decessi (ieri +5)

Veneto 11.800: +1 decesso (ieri +1)

Campania 8.000: +3 decessi (ieri +4)

Emilia-Romagna 13.524: +3 decessi (ieri +5)

Lazio 8.700: +3 decessi (ieri +4)

Piemonte 11.783: +1 decesso (ieri +1)

Sicilia 6.921: +6 decessi (ieri +6)

Toscana 7.222: +4 decessi (ieri +2)

Puglia 6.813: +2 decessi (ieri +1)

Marche 3.085: +2 decessi (ieri nessun nuovo decesso)

Friuli-Venezia Giulia 3.830: nessun nuovo decesso (ieri +1)

Liguria 4.416: nessun nuovo decesso per il terzo giorno di fila

Calabria 1.429: +2 decessi (ieri +2)

Abruzzo 2.550: nessun nuovo decesso per il secondo giorno di fila

P. A. Bolzano 1.199: +1 decesso (ieri +1)

Sardegna 1.657: +1 decesso (ieri +2)

Umbria 1.456: nessun nuovo decesso (ieri +1)

P. A. Trento 1.375: nessun nuovo decesso per il quinto giorno di fila

Basilicata 621: nessun nuovo decesso (ieri +1)

Molise 498: +1 decesso (non si avevano decessi dal 29 settembre)

Valle d’Aosta 474: nessun nuovo decesso dal 22 settembre

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“UNA CURA PER IL COVID C'È GIÀ E SI PUÒ USARE DA SUBITO” - GIUSEPPE REMUZZI, DIRETTORE DELL'ISTITUTO MARIO NEGRI: “IL NOSTRO TRATTAMENTO CON ANTINFIAMMATORI RIDUCE LE OSPEDALIZZAZIONI DEL 90%. GLI STUDI SONO PUBBLICATI, I MEDICI POSSONO APPLICARLI A PRESCINDERE DALLE LINEE GUIDA. LE EVIDENZE A FAVORE DEGLI ANTINFIAMMATORI COMINCIANO A ESSERE TANTE ANCHE SE NON GIUSTIFICANO ANCORA IL CAMBIO DELLE RACCOMANDAZIONI DA PARTE DI AIFA. L'UNICO SCETTICO CHE ABBIAMO INCONTRATO? UN ITALIANO…”