“TRA QUINDICI GIORNI SAREMO COME LA FRANCIA, LA SPAGNA, IL REGNO UNITO” - IL PROF. MASSIMO GALLI: “QUESTA ESTATE IN VACANZA, POSITIVI GIOVANI, POI IL CONTAGIO IN FAMIGLIA. ADESSO TORNANO AD ESSERE COLPITI GLI ANZIANI. E DUNQUE CRESCE LA PAURA, LA SINTOMATOLOGIA, IL RICORSO ALLE CURE OSPEDALIERE, LE TERAPIE INTENSIVE. LE VITTIME, ORMAI LO SAPPIAMO, LE VEDREMO PIÙ IN LÀ”

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Alessandra Ziniti per “la Repubblica”

 

massimo galli massimo galli

[…] Professor Massimo Galli, che sta succedendo? Il pronto soccorso dell'ospedale Sacco a Milano è pieno di pazienti Covid.

«La situazione a Milano si sta facendo molto allarmante, al limite della saturazione. E ci sono forti criticità anche altrove. […]».

 

I numeri sono in crescita esponenziale, le terapie intensive sembrano ancora lontane da una reale emergenza, l'Italia sta ancora meglio di altri.

«[…] Tra quindici giorni saremo come la Francia, la Spagna, il Regno Unito. In più, abbiamo una distribuzione dei contagi in tutto il territorio. […] anche aree che non hanno vissuto questa esperienza e non hanno strutture attrezzate». […]

terapie intensive terapie intensive

 

Tanti nuovi casi ma in grande maggioranza asintomatici e meno gravi. Perchè gli ospedali sono già così in sofferenza?

«Questa estate in vacanza, positivi giovani, a settembre ritorno a casa, positivi giovani, poi il contagio in famiglia, l'età cresce. Adesso tornano ad essere colpiti gli anziani. E dunque cresce la paura, la sintomatologia, il ricorso alle cure ospedaliere, le terapie intensive. Le vittime, ormai lo sappiamo, le vedremo più in là».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

COSA ACCADDE QUELLA NOTTE – IL JAZZISTA MARCELLO ROSA SUONAVA AL RUGANTINO QUEL 5 NOVEMBRE DEL 1958, LA NOTTE CHE NACQUE LA DOLCE VITA - “ANITA EKBERG INIZIO' A BALLARE DA SOLA A PIEDI NUDI. MI SI AVVICINÒ UNA BRUNETTA BONAZZA E MI DISSE IN ROMANESCO: “‘SLACCIAME 'A GUEPIERE E ‘A SOTTANA, MO’ JE FACCIO VEDÈ IO A QUELLA’’-  IN PIENO PAROSSISMO, URLAVA: “DATEMI IL TAPPETO DI ALLAH!”, VOLEVA DIRE DATEMI GIACCHE E CAPPOTTI. E PARTI' LO SPOGLIARELLO. ERA LA BALLERINA TURCA AICHÈ NANÀ - TUTTI I MUSICISTI FURONO CONDANNATI A TRE ANNI CON LA CONDIZIONALE. CON I LORO STRUMENTI ECCITAVANO LA TURCA..."

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute