IL LUNEDÌ UCCIDE! – IL PRIMO GIORNO DELLA SETTIMANA È QUELLO IN CUI SI VERIFICANO PIÙ ATTACCHI CARDIACI. IL MOTIVO? LO SPIEGA IL CARDIOLOGO GIANCARLO MARENZI: “LA COLPA POTREBBE ESSERE DELLO STRESS LAVORATIVO, NOTO FATTORE DI RISCHIO PER L’INSORGENZA DELL’INFARTO. UN ALTRO ELEMENTO È IL CAMBIAMENTO NEL RITMO CIRCADIANO, DATO CHE NEL FINE SETTIMANA MOLTI TENDONO A...”

-

Condividi questo articolo


Estratto da “Corriere della Sera – Salute”

 

infarto alla guida 4 infarto alla guida 4

È vero che gli attacchi cardiaci si verificano più spesso di lunedì?

Se sì, come si spiega?

 

Risponde Giancarlo Marenzi, direttore terapia intensiva cardiologica, centro Card. Monzino, Milano

 

Studi epidemiologici condotti negli anni ‘80 e ‘90 e uno più recente, presentato nel 2023, che ha analizzato i dati di oltre 10 mila pazienti ricoverati per infarto miocardico acuto negli ospedali irlandesi tra il 2013 e il 2018, hanno costantemente evidenziato un aumento dell’incidenza di infarti il lunedì rispetto agli altri giorni della settimana.

 

infarto donne 2 infarto donne 2

Queste evidenze, per lo più indirette, derivano da ricerche che hanno osservato una maggiore incidenza di eventi cardiaci acuti (infarto e morte improvvisa) nel giorno tipico di ripresa dell’attività lavorativa. Tale picco si è riscontrato spostarsi al martedì nei casi in cui il lunedì era considerato festivo, mentre scompariva quando venivano presi in considerazione solo soggetti in pensione.  […]

 

Le ragioni precise di questa associazione non sono ancora completamente chiare e potrebbero coinvolgere diversi fattori. Tra questi, vi è lo stress lavorativo in quanto il ritorno al lavoro dopo il fine settimana potrebbe aumentare i livelli di stress e ansia, che sono noti fattori di rischio per l’insorgenza dell’infarto.

 

stress infarto 4 stress infarto 4

Un altro elemento potrebbe essere il cambiamento nel ritmo circadiano, dato che nel fine settimana molte persone tendono a cambiare il proprio ritmo sonno-veglia, andando a letto più tardi e alzandosi più tardi; il ritorno alla routine lavorativa il lunedì potrebbe alterare questo ritmo circadiano, influenzando la pressione sanguigna e altri fattori di rischio cardiovascolare.

 

Ancora, potrebbe avere un ruolo lo stile di vita meno sano durante il fine settimana: molte persone nel weekend tendono a consumare più alcol, cibo non salutare e a essere meno attive fisicamente. Infine, il limitato accesso alle cure mediche, ai servizi medici e ai medici di base nei giorni non lavorativi comporta diagnosi e trattamenti più tardivi. […]

infarto infarto

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)