L'INTESA È BLINDATA - CAMBIA IL CDA MA NON IL VERTICE DELLA BANCA: GROS PIETRO, MESSINA E COLOMBO CONFERMATI, MENTRE CAMBIA L'ASSETTO DEL CDA. LE FONDAZIONI SI ACCORDANO PER 14 DEI 19 CONSIGLIERI CHE SAREANNO ELETTI. LA COMPAGNIA SAN PAOLO FA UN PASSO INDIETRO E OLTRE AL PRESIDENTE ESPRIME ''SOLO'' ALTRI DUE NOMI. LE FONDAZIONI MINORI INDICANO GORNO TEMPINI - I 5 CANDIDATI DI MINORANZA SARANNO SCELTI DA ASSOGESTIONI

-

Condividi questo articolo

Vittorio Puledda per “la Repubblica

 

livia pomodoro livia pomodoro

La parola d' ordine è: lista condivisa. Nei fatti, come è ovvio che sia, i candidati presentati dalle cinque Fondazioni grandi azioniste di Intesa (con il 16,54%), in vista del rinnovo del cda del 30 aprile, hanno paternità abbastanza facili da rintracciare. Il primo elemento è la conferma - ormai data per scontata da tempo - dei vertici. Quindi, alla presidenza Gian Maria Gros Pietro, Paolo Colombo come vice e Carlo Messina come amministratore delegato.

 

Altrettanto scontato, da qualche tempo, il passo indietro della fondazione con maggior peso azionario, la Compagnia di San Paolo, che ha visto confermare il presidente ma esprime " solo" altri due consiglieri, Bruno Picca e Maria Cristina Zoppo, mentre è torinese di nascita ma non sembra essere stato indicato dalla Compagnia Fabrizio Mosca ( molto apprezzato dalla struttura della banca).

 

Paolo Andrea Colombo Paolo Andrea Colombo

In capo alla Fondazione Cariplo sono sicuramente riconducibili Franco Ceruti, Rossella Locatelli, Milena Motta e - probabilmente - Livia Pomodoro. Ex Cariplo, ma in questo caso indicato dalle Fondazioni minori, Giovanni Gorno Tempini, mentre fanno capo a Bologna Maria Alessandra Stefanelli, a Padova e Rovigo Guglielmo Weber e a Firenze Luciano Nebbia.

 

In tutto, 14 consiglieri sui 19 che verranno eletti. In realtà nella lista delle Fondazioni ce ne sono altri tre, ma destinati ragionevolmente a far posto ai cinque candidati di minoranza, che verranno proposti da Assogestioni. Di questi, due andranno a far parte del Comitato di controllo e per Statuto uno sarà il presidente, ruolo molto importante visto il sistema monistico adottato dalla banca.

 

gian maria gros pietro carlo messina giovanni bazoli gian maria gros pietro carlo messina giovanni bazoli

Complessivamente, la lista presentata dalle Fondazioni - spiega la nota congiunta - rappresenta una « continuità di composizione con la conferma di un numero significativo di consiglieri». Era stato proprio il cda uscente, con l' approvazione di un apposito documento, a suggerire agli azionisti di guardare ad un nuovo board in continuità e con più spazio alle donne.

giovanni gorno tempini giovanni gorno tempini

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

SALVATORE INTERESSATO - L’EX COMMISSARIO CONSOB BRAGANTINI, CHE OGGI SUL ‘’CORRIERE’’ SI SCHIERA CONTRO L’OPS DI INTESA SU UBI, PER CASO È LO STESSO SALVATORE BRAGANTINI CHE ERA AD DI CENTROBANCA, PRIMA CONTROLLATA E POI FUSA IN UBI NEL 2013? VUOI VEDERE CHE È LO STESSO BRAGANTINI CHE RICOPRIVA LA VICEPRESIDENZA DI IW BANK, ISTITUTO SOGGETTO ALL’ATTIVITÀ DI DIREZIONE DI UBI? CHISSÀ SE E’ SEMPRE LUI CHE, SOCIO DI ‘’PERMICRO’’, VENIVA SPONSORIZZATO DA UBI? - INFINE: TRA IL 2016 E IL 2017 È LUI IL VICEPRESIDENTE VICARIO DELLA FALLITA POPOLARE DI VICENZA DI ZONIN O MAGARI UN SUO OMONIMO?