500 MILIONI DI TREGUA FAMILIARE - GIUSEPPE CAPROTTI RICEVERÀ MEZZO MILIARDO PER LA SUA QUOTA NEGLI IMMOBILI ESSELUNGA. E UNA CIFRA SUPERIORE QUANDO I SUPERMERCATI ANDRANNO IN BORSA: ‘SONO GRATO A GIULIANA E MARINA PER AVER TROVATO UN ACCORDO STORICO IN FAMIGLIA’ - I NUMERI DEL GRUPPO SONO AL VERTICE DELLA CATEGORIA

-

Condividi questo articolo

 

Francesco Spini per La Stampa

 

giuliana albera caprotti, vincenzo mariconda e marina sylvia caprotti giuliana albera caprotti, vincenzo mariconda e marina sylvia caprotti

Le incomprensioni e gli scontri che per anni hanno caratterizzato la famiglia Caprotti e dunque la storia di Esselunga sembrano ormai definitivamente alle spalle. A suggellare la svolta dell' accordo siglato all' alba di mercoledì ci sono anche le parole di Giuseppe Caprotti, il primogenito dello scomparso patron Bernardo. «Sono grato a Giuliana e Marina Caprotti - ha dichiarato l' ex amministratore delegato di Esselunga al sito specializzato nella grande distribuzione «Retail Watch» - per la disponibilità e la determinazione che hanno dimostrato nella ricerca di un accordo che posso definire storico per la nostra famiglia».

BERNARDO CAPROTTI BERNARDO CAPROTTI

 

Si volta pagina, dunque. Ed Esselunga si prepara a battere un primato, l' ennesimo della catena fondata da Bernardo Caprotti nel lontano 1957: quella di essere la prima catena della grande distribuzione organizzata a sbarcare a Piazza Affari. Ci vorrà del tempo prima di arrivare a parlare di quella che sarà una delle Ipo più seguite degli ultimi anni.

 

Prima infatti si dovranno compiere un paio di operazioni: l' acquisto da parte di Esselunga (con un finanziamento di Citi) delle quote dell' immobiliare La Villata dei figli di primo letto, Violetta e Giuseppe (l' intero 45%) più il 22,5% (sull' attuale 55%) in capo alla vedova Giuliana Albera e alla di lei figlia.

 

giuseppe caprotti giuseppe caprotti

Quindi ci dovrebbe essere la fusione della holding di controllo, la Supermarkets Italiani, con la società operativa. Poi per Esselunga, ma non prima di 18-24 mesi, la Borsa.

 

Ci arriverà da prima della classe. Con 7,5 miliardi di fatturato è la più grande catena italiana, dopo l' aggregato delle Coop. Mediobanca, nell' indagine annuale sulla grande distribuzione, segnala che è pure la catena che - nel periodo 2011-2015 - registra i maggiori utili cumulati, a 1,136 miliardi, doppiando la seconda, Eurospin, a 635 milioni.

bernardo caprotti esselunga bernardo caprotti esselunga

 

Ma quello per cui Esselunga si distingue è soprattutto nell' efficienza, con un fatturato da 15.730 (dato 2015) euro per metro quadrato. In questo non ha rivali, visto che Ahold, il gruppo olandese a cui Caprotti avrebbe voluto vendere, il migliore in campo internazionale, arriva a 8.350 euro al metro quadro. Ecco l' atout che il gruppo potrà giocarsi a Piazza Affari, quell' efficienza che dovrà mantenere anche nella nuova organizzazione che dovrà darsi proprio in vista della Borsa.

Esselunga Aprilia Esselunga Aprilia esselunga esselunga

 

 

Condividi questo articolo

business