ALLORA NON ERA UNA MONTATURA – VIA ALLA FUSIONE DI LUXOTTICA CON ESSILOR: IL COLOSSO MONDIALE DEGLI OCCHIALI VALE 16 MILIARDI DI FATTURATO E 57 DI CAPITALIZZAZIONE – LA VITTORIA DI DEL VECCHIO: ORA NESSUNO GLI PUÒ SFILARE IL GRUPPO, CHE PERÒ SARÀ IN TUTTO E PER TUTTO FRANCESE. LA SEDE DELLA HOLDING (E DELLA BORSA DOVE SARÀ TRATTATO IL TITOLO) SARÀ PARIGI

-

Condividi questo articolo

Roberta Amoruso per “il Messaggero”

 

HUBERT SAGNIERES E LEONARDO DEL VECCHIO HUBERT SAGNIERES E LEONARDO DEL VECCHIO

C' è voluto meno di un anno per far decollare il colosso degli occhiali da oltre 16 miliardi di fatturato e 57 di capitalizzazione. A 83 anni, Leonardo Del Vecchio apre quello che chiama un «nuovo capitolo» della sua storia e dell' azienda che ha creato dal nulla: Luxottica si è sposata con la francese Essilor facendo nascere il gigante mondiale dell' occhialeria.

 

Due I punti a suo favore. Da una parte, nessuno da ora in poi può sfilargli il controllo del gruppo. Dall' altra, in questo modo Del Vecchio ha disegnato il futuro per la sua creatura e per i suoi eredi. Uno, invece, il punto a sfavore, anche considerando che i rapporti consolidati del gruppo sono in Francia: la sede della holding e della Borsa dove ora viene trattato il titolo è Parigi, per una società che è quindi in tutto e per tutto di diritto francese.

 

LA STRATEGIA

luxottica luxottica

Sono i numeri a far capire quanto l' operazione, annunciata in gennaio e ora completata con il conferimento delle azioni Delfin, fosse irrinunciabile: il colosso che nasce ha oltre 16 miliardi di fatturato e 57 di capitalizzazione. Luxottica ci mette le montature e una forza commerciale senza uguali, i francesi una lunga tradizione nelle lenti, ottima redditività come i partner italiani e una ricerca tecnologica d' avanguardia.

 

leonardo del vecchio leonardo del vecchio

L' obiettivo è insieme quello di non venire attaccati nelle rispettive leadership e di sfruttare al meglio l' enorme mercato che si sta aprendo nei Paesi extra europei a forte sviluppo, con una stima di un miliardo di nuovi potenziali clienti nei prossimi dieci anni.

 

E non è un caso se il sito Internet della nuova società frutto della fusione abbia in home page la foto di una ragazzina non europea, con la specificazione della mission aziendale nell'«aiutare le persone a vedere di più per consentire a tutti ovunque di imparare, di lavorare, di esprimersi e di realizzare il proprio potenziale».

 

LE TAPPE

luxottica luxottica

Il nuovo gruppo da 140mila dipendenti sarà del tutto definito dopo l' offerta pubblica sulle azioni flottanti Luxottica, che si concluderà entro la fine di novembre mentre la prima assemblea è convocata a Parigi il 29 novembre. Delfin si dovrebbe diluire dal 63% circa di Luxottica al 31,3% della società posto fusione, con limitazione dei diritti di voto al 31%, i dipendenti-soci di Essilor al 4% mentre il flottante sarà oltre il 63%.

 

LEONARDO DEL VECCHIO CON LA MOGLIE LEONARDO DEL VECCHIO CON LA MOGLIE

L' 11 ottobre, intanto, la società invierà alla Consob il prospetto relativo all' offerta pubblica di scambio obbligatoria sulle restanti azioni flottanti di Luxottica (Delfin ne ha circa il 63%).

Mentre il via libera Consob è atteso entro il 26 ottobre con l' offerta che si dovrebbe tenere tra il 29 ottobre e il 27 novembre.

 

Quanto alla governance, per tre anni il cda per tre anni sarà metà italiano e metà francese, con Del Vecchio presidente esecutivo e Hubert Sagnieres, numero uno di Essilor, vice presidente con gli stessi poteri. Ma se le cose non dovessero andare bene, nessuno sarebbe in grado di coagulare una maggioranza contraria a Del Vecchio. A meno di lanciare un' Opa su un gruppo da quasi 60 miliardi: molto difficile e molto caro.

xavier fontanet xavier fontanet

Come già sottolineato, la sede della holding sarà fissata a Parigi mentre per ora resta quotata a Milano la vecchia' Luxottica spa, ma non è escluso in futuro una doppia quotazione, anche a Piazza Affari. Sembra escluso, invece, almeno per il momento, uno sbarco a New York, Borsa tra l' altro lasciata di recente proprio da Luxottica.

hubert sagnieres hubert sagnieres

 

Tra i dettagli ancora da definire alcuni nodi della governance. Per esempio, è in discussione l' eventuale indicazione di un direttore generale. Ma in ogni caso nel cda della holding siederà anche Francesco Milleri, attuale ad di Luxottica e uomo di fiducia di Del Vecchio.

leonardo del vecchio leonardo del vecchio HUBERT SAGNIERES HUBERT SAGNIERES ESSILOR ESSILOR Hubert Sagnières Hubert Sagnières

 

Condividi questo articolo

business