LE AUTO ELETTRICHE VANNO PIU’ LENTE DEL PREVISTO: NON SARA' UN'IDEA SBAGLIATA? – DIMINUISCE LA VENDITA DEI VEICOLI A BATTERIA: "TOYOTA" PUNTA SUI VEICOLI IBRIDI, "GENERAL MOTORS" RINVIA LA PRODUZIONE DI ALCUNI MODELLI ELETTRICI ED ESCE DALLA PARTNERSHIP DA CINQUE MILIARDI DI DOLLARI CON "HONDA" - "FORD" HA DECISO DI RITARDARE 12 MILIARDI DI INVESTIMENTI PREVISTI SULL'ELETTRICO - TUTTI I DUBBI SUI VEICOLI "GREEN": I COSTI, LA CONCORRENZA CINESE E...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Danilo Taino per il “Corriere della Sera”

 

auto elettriche abbandonate in cina 5 auto elettriche abbandonate in cina 5

Stiamo scommettendo, per muoverci, sulla tecnologia sbagliata? Probabilmente no ma la domanda sembra legittima. La notizia di ieri è che Apple ha deciso di cancellare il Project Titan, cioè il piano per arrivare a produrre una sua auto elettrica. È solo l’ultimo segnale di un calo generale di entusiasmo (e di investimenti) per i cosiddetti BEV (Battery Electric Vehicles).

 

La giapponese Toyota è da sempre scettica sul futuro del tutto elettrico e ha puntato sui veicoli ibridi: oggi, i critici della sua scelta si stanno un po’ ravvedendo e qualcuno si scusa per avere messo in dubbio le strategie della casa nipponica. Ora, anche altri produttori rivedono i loro piani. Tesla rallenta la costruzione del previsto impianto in Messico.

honda auto elettriche honda auto elettriche

 

General Motors ha rinviato la produzione di alcuni modelli elettrici ed è uscita dalla partnership da cinque miliardi di dollari con Honda per la realizzazione di piccole automobili full electric. Ford ha deciso di ritardare 12 miliardi di investimenti previsti all’interno di un piano da 50 miliardi. Negli Stati Uniti, le vendite di auto elettriche sono arrivate a un po’ meno del 10% di quelle totali, l’anno scorso.

 

vendita di auto elettriche vendita di auto elettriche

Nell’Unione europea, sempre nel 2023, sono salite al 14,6% dell’intero mercato, contro il 13,6% delle diesel, il 35,3% delle auto a benzina e il 25,8% delle ibride (fonte, European Automobile Manifacturers’ Association). La Cina è il mercato maggiore: nel 2023, ha visto una crescita delle vendite di veicoli a batteria del 25% , a 6,68 milioni di unità, e quella delle auto ibride plug-in dell’ 85% , a 2,8 milioni […]

 

auto elettrica auto elettrica

Il settore continua la sua crescita, però rallenta, molte imprese occidentali ne prendono atto e rivedono i piani. Le ragioni del calo degli entusiasmi sono più d’una. I costi, certo: ma quelli delle batterie sono in calo. Le infrastrutture di ricarica aumentano ma crescono anche i dubbi sul loro affollamento quando le auto elettriche saranno la maggioranza.

 

auto elettriche auto elettriche

La concorrenza aggressiva dei produttori cinesi sarà contrastata da nuovi dazi che terranno alti i costi. Inoltre, gli stili di vita, soprattutto dei giovani, portano a mettere in dubbio l’acquisto di un’auto cara che poi non si ama guidare. […]

litio auto elettriche litio auto elettriche

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)