IL BALLO DEL MATTONE IN CASA BERLUSCONI – PAOLO SI COMPRA VILLA MIRAMARE IN SARDEGNA. IL FRATELLO DI SILVIO SGANCERA’ A FININVEST REAL ESTATE 3,5 MILIONI DI EURO – CONTINUA LA “SPARTIZIONE” DEL RICCO PATRIMONIO IMMOBILIARE LASCIATO DAL CAV: L'AFFARE SI AGGIUNGE AL PASSAGGIO DI VILLA CAMPARI A MARINA E DI VILLA BELVEDERE A BARBARA – RESTA IL NODO DI ARCORE: APPENA SBARACCHERÀ MARTA FASCINA...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Rosario Dimito per www.ilmessaggero.it

 

paolo berlusconi congresso forza italia paolo berlusconi congresso forza italia

Quinta cessione immobiliare dell’eredità Berlusconi, e anche l’ultima è a beneficio di un esponente della famiglia. Qualche giorno fa, secondo quanto risulta al Messaggero.it, è stato stipulato il compromesso su Villa Miramare da parte di Paolo Berlusconi con Fininvest real estate. Paolo è il fratello del fondatore della Fininvest e destinatario di un legato di 100 milioni dell’eredità.

 

L’imprenditore possiede la minoranza de Il Giornale la cui maggioranza è stata ceduta agli Angelucci e tramite la sua holding Pbf, ha il 10% di Df Italia, società che dovrebbe essere la filiale del colosso cinese delle automobili Dongfeng, attivo anche con i marchi Voyah e Mhero. Villa Miramare si trova in Sardegna, nel golfo di Marinella, adiacente a Villa Certosa […]

 

Villa Miramare Villa Miramare

Il prezzo che pagherà Paolo si aggira attorno a 3,5 milioni. Questa vendita si aggiunge alle altre già concluse: Villa Campari situata a Lesa l’ha acquista Marina, Villa Belvedere a Macherio l’ha rilevata Barbara, Villa 2 Palme a Lampedusa a un economista siciliano Gianni Profita, quindi un esterno.

 

In totale nelle casse di Fininvest sono entrati circa 42 milioni a fronte di una valutazione complessiva dell’intero patrimonio di 500 milioni. Gli asset che hanno un valore significativo anche dal punto affettivo, sono rimasti all’interno del perimetro di famiglia. dovrebbe uscire solo Villa Certosa perché troppo costosa […]

 

MARINA PIER SILVIO E PAOLO BERLUSCONI MARINA PIER SILVIO E PAOLO BERLUSCONI

Fininvest ha affidato un mandato a vendere in esclusiva alla società di intermediazione immobiliare Dils, che scadrà a giugno e se non sarà trovato il compratore, la holding degli eredi conta di rivolgersi a più intermediari ma senza esclusive.

 

Non in vendita la Villa di Arcore dove, in una parte, risiede Marta Fascina. Tra qualche settimana (12 giugno) ci sarà il primo anniversario della scomparsa di Silvio, ma già da tempo - un record - l’eredità è stata aggiudicata tra negli aventi diritto in piena armonia. L’eredità ha compreso il riassetto azionario che ha portato i figli primogeniti Marina e Pier Silvio in posizione di controllo di Fininvest. […]

marta fascina luigi berlusconi adriano galliani paolo berlusconi marta fascina luigi berlusconi adriano galliani paolo berlusconi villa campari 8 villa campari 8 villa belvedere 1 villa belvedere 1 meme su marta fascina ad arcore by 50 sfumature di cattiveria meme su marta fascina ad arcore by 50 sfumature di cattiveria MARTA FASCINA, LA BARBIE DI ARCORE - MEME BY GIAN BOY MANETTI MARTA FASCINA, LA BARBIE DI ARCORE - MEME BY GIAN BOY MANETTI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ