BENE, ANZI...BONUS! – UNA BUONA NOTIZIA PER I LAVORATORI ITALIANI: I DATORI DI LAVORO POTRANNO “PREMIARE“ I PROPRI DIPENDENTI PAGANDO QUALCHE RATA DEL MUTUO, MENSILITÀ DI AFFITTO O BOLLETTE DELLA LUCE E DEL GAS – LA NORMA, INSERITA NELLA MANOVRA DI DICEMBRE SCORSO, È DIVENTATA OPERATIVA CON LE INDICAZIONI DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE – I BENEFIT SARANNO ESENTASSE SE RISPETTERANNO IL LIMITE DEI MILLE EURO PER I LAVORATORI SENZA FIGLI E…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Bassi per “il Messaggero”

 

Mutuo per la casa Mutuo per la casa

I datori di lavoro potranno "premiare" i propri dipendenti pagando qualche rata di interessi del mutuo sulla prima casa, o anche qualche mensilità di affitto. E questi benefit saranno completamente esentasse se rispetteranno il limite dei mille euro per i lavoratori senza figli a carico e i duemila euro per coloro che, invece, i figli li hanno.

 

La norma in realtà, era già stata inserita nella manovra di Bilancio approvata a dicembre scorso, ma adesso sono arrivate le indicazioni operative da parte dell'Agenzia delle Entrate.

 

Oltre agli interessi sul mutuo e agli affitti, i datori di lavoro potranno rimborsare anche le bollette elettriche o quelle del gas. Sempre fino a concorrenza degli importi massimi. […]

 

mutui affitti bollette mutui affitti bollette

Un'altra importante precisazione riguarda la nozione esatta di prima casa per i premi che coprono sia gli interessi del mutuo che eventualmente l'affitto. Il Fisco precisa che per «prima casa» si debba intendere l'abitazione principale. Si tratta dunque, della casa posseduta dal dipendente, dal coniuge o da un altro familiare, nel quale il dipendente e la sua famiglia dimorano abitualmente e ne sostengono le relative spese. […]

MUTUI MUTUI

 

C'è poi un altra avvertenza del Fisco riguardo alle spese della casa che vengono rimborsate dal datore di lavoro. Su queste spese il contribuente non potrà beneficiare di altre agevolazioni.

Cosa significa? Per esempio che gli interessi sul mutuo rimborsati dal datore di lavoro, per esempio, non potranno essere detratti dal reddito nel 730.

 

La circolare dell'Agenzia delle Entrate interviene anche sulla tassazione dei premi di risultato. La legge di Bilancio, anche in questo caso, prevede per quest'anno la riduzione dell'aliquota sui premi (diversi dai benefit) dal 10 per cento al 5 per cento. Un taglio dell'aliquota che si applica anche alla partecipazione dei dipendenti agli utili d'impresa.

 

[…]

 

rincaro energia e aumento delle bollette 8 rincaro energia e aumento delle bollette 8

La circolare infine, disciplina una novità assoluta: la possibilità per i datori di pagare i premi riscattando fino a 5 anni di contributi dei dipendenti di periodi non lavorati. Si tratta di una norma per tappare i cosiddetti "buchi" contributivi e permettere ai dipendenti magari di anticipare di qualche anno la pensione.

 

I contributi che possono essere riscattati devono essere ricompresi nel periodo che va dal primo versamento all'Inps del lavoratore precedente all'entrata in vigore della scorsa legge di bilancio, fino ad oggi. All'azienda viene dato il vantaggio di dedurre dal proprio reddito il riscatto dei contributi. […]

affitto 1 affitto 1 rincaro energia e aumento delle bollette 7 rincaro energia e aumento delle bollette 7

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)