ALLA BOCCONI FINISCE L'ERA DI MARIO MONTI - ANDREA SIRONI È STATO NOMINATO NUOVO PRESIDENTE DELL’UNIVERSITÀ - IL NEOPRESIDENTE DI GENERALI È STATO RETTORE DELL’ATENEO MILANESE DAL 2012 AL 2016 E VICEPRESIDENTE DAL 2018 - LA NOMINA SARÀ EFFETTIVA DAL 1 NOVEMBRE E IL 7 DICEMBRE CI SARÀ LA CERIMONIA CON MATTARELLA E VON DER LEYEN PER I 120 ANNI DALLA NASCITA DELL'UNIVERSITÀ...

-

Condividi questo articolo


Diana Cavalcoli per il “Corriere della Sera”

 

MARIO MONTI ANDREA SIRONI MARIO MONTI ANDREA SIRONI

Passaggio di testimone in Bocconi. Il consiglio di amministrazione dell'Istituto Javotte Bocconi Manca di Villahermosa, che guida le scelte di governance dell'Università Bocconi, ha deciso di nominare il professore Andrea Sironi presidente dell'università per il quadriennio accademico in partenza a novembre 2022. Sironi succederà quindi a Mario Monti alla guida del board dell'ateneo.

 

ANDREA SIRONI ANDREA SIRONI

Professore ordinario del Dipartimento di Finanza, Sironi è stato rettore dal 2012 al 2016 ed è vicepresidente dal 2018. È inoltre presidente di Gruppo Generali e di Fondazione Airc.

 

Il passaggio del testimone, effettivo dal 1° novembre, avverrà il 7 dicembre data in cui ricorre il 120° anniversario della nascita dell'Università. Si tratterrà di un passaggio «nel segno dell'Europa» con l'intervento della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Dice Sironi: «È un grande onore succedere a Mario Monti alla guida del cda dell'Università. Non sarà semplice raccogliere la sua eredità, ma sono certo di poter contare sul supporto del Consiglio di amministrazione, del rettore, del consigliere delegato e dei componenti del corpo docente e dello staff amministrativo».

 

Andrea Sironi Andrea Sironi

Il board ha poi nominato il professor Monti quale presidente dell'Istituto Javotte Bocconi e il professor Provasoli come Consigliere delegato con decorrenza dal primo novembre 2022. «La nomina di Andrea Sironi è la migliore garanzia per il futuro dell'università», ha dichiarato Monti.

 

«Con la profonda conoscenza della Bocconi e del contesto internazionale dell 'higher education, la visione strategica, l'autorevolezza scientifica e lo stile che lo distinguono, Andrea saprà guidare il Consiglio di amministrazione e l'università verso traguardi sempre più alti. Nei compiti affidatigli in questi ultimi anni, di vicepresidente e in particolare di coordinatore della pianificazione strategica, Andrea ha già contribuito incisivamente alle funzioni della presidenza», ha aggiunto.

 

MARIO DRAGHI MARIO MONTI MARIO DRAGHI MARIO MONTI

Soddisfatto anche Angelo Provasoli: «Ad Andrea Sironi rivolgo le più affettuose felicitazioni per il prestigioso incarico, che sono certo saprà svolgere in modo magistrale, guidando la Bocconi con stile e determinazione verso traguardi sempre più prestigiosi. A Mario Monti esprimo profonda gratitudine per la dedizione e gli straordinari risultati raggiunti dalla Bocconi negli anni della sua presidenza». Il 7 dicembre sarà anche il giorno della presentazione di un nuovo progetto di ricerca interdisciplinare che impegnerà Bocconi e altre istituzioni italiane e internazionali «per contribuire alla promozione degli ideali europei». Un progetto che trae ispirazione «dall'impegno per la Bocconi e per l'Europa che ha caratterizzato l'intera vita accademica e civile di Mario Monti».

Bocconi - Yvonne Farrell e Shelley McNamara Bocconi - Yvonne Farrell e Shelley McNamara edificio dell'universita Bocconi delle irlandesi shelley mcnamara e yvonne farrell edificio dell'universita Bocconi delle irlandesi shelley mcnamara e yvonne farrell mario monti a in onda mario monti a in onda

 

Condividi questo articolo

business

TANTO PER CAMBIARE, IL GOVERNO FA UN ALTRO REGALO AI RICCHI – PER TROVARE SOLDI PER FINANZIARE LA MANOVRA, SARÀ OFFERTA AI RISPARMIATORI UN’OCCASIONE GOLOSA: TUTTI COLORO CHE DETENGONO PATRIMONI NEI FONDI O IN CERTE POLIZZE ASSICURATIVE ASSOLVONO A OGNI RICHIESTA DEL FISCO, PRESENTE O FUTURA, PAGANDO IL 14%, E NON PIÙ IL 26% PREVISTO DALLA LEGGE,  SU QUANTO GUADAGNATO CON L’INVESTIMENTO FATTO. BASTERÀ VERSARE TUTTO ENTRO SETTEMBRE PER ESSERE A POSTO E ASSOLVERE OGNI RICHIESTA DEL FISCO, PRESENTE E FUTURA...