CANI DEL MARKETING - COMPLIMENTI AI GENI DELLA COMUNICAZIONE DI ITALO, IL TRENO CIUFF CIUFF DI MONTEZEMOLO E DELLA VALLE - NTV HA TAPPEZZATO LE CITTÀ DI MANIFESTI CON UNA BAMBINA E IL SUO GOLDEN RETRIEVER CHE GUARDANO PASSARE IL TRENO DA UN CAMPO - GIUSTO DAL CAMPO POTRANNO VEDERLO: SU ITALO È VIETATO PORTARE CANI COME I GOLDEN RETRIEVER! - LA BEFFA ULTERIORE: LO SLOGAN SCELTO È: “UN TRENO PER TUTTI”…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

PUBBLICITA ITALO NTV CON CANE E BAMBINAPUBBLICITA ITALO NTV CON CANE E BAMBINA

Roma e molte città italiane sono tappezzate dai cartelloni pubblicitari del treno Italo, il concorrente di Frecciarossa lanciato da Montezemolo, Della Valle, Punzo, Banca Intesa e ferrovie francesi. E' un'immagine romantica, con una bimba bionda e il suo cane biondo (un Golden Retriever) che da un verde campo di grano vedono passare il treno.

PUBBLICITA ITALO NTV CON CANE E BAMBINAPUBBLICITA ITALO NTV CON CANE E BAMBINA

Ecco, giusto da quel campo potranno vederlo. Perché come si legge nelle Condizioni Generali di Trasporto ufficiali di Ntv (la società che gestisce Italo), i cani di peso superiore ai 10 chili NON possono salire a bordo di nessun treno. E i Golden Retriever sono cani che pesano almeno 30 chili.

Eppure la stessa immagine era stata usata per la campagna di lancio del treno ad aprile, quindi sono due mesi che Ntv ne fa la sua bandiera. Qualcuno dia una copia delle regole di trasporto ai geni del marketing che si sono inventati un manifesto che manda il messaggio - sbagliato - che finalmente i padroni dei cani di taglia media o grande possono viaggiare sui treni ad alta velocità con i loro animali.

ITALO NTVITALO NTVITALO NTV CONDIZIONI DI TRASPORTO ANIMALIITALO NTV CONDIZIONI DI TRASPORTO ANIMALI

Tra l'altro, se proprio uno vuole essere puntiglioso, anche la povera bimba bionda non è che fa un affarone a salire su Italo, dopo aver tristemente lasciato il suo cagnolone a casa. Con la tariffa base, infatti, avrebbe uno sconto solo del 25% sul prezzo pieno del biglietto. Altri concorrenti, senza fare nomi, nella tariffa standard, offrono il 50% di sconto.

Comprensibilmente, Ntv vuole dare il messaggio che Italo non è un treno solo per businessman ed esteti alla ricerca di sedili in pelle. Tanto che come slogan ha scelto "Un treno per tutti". Magari, la prossima volta, scelga come testimonial due soggetti a cui davvero conviene (o addirittura, è permesso) salire a bordo.

MONTEZEMOLO E IL TRENO ITALOMONTEZEMOLO E IL TRENO ITALO DELLA VALLE LETTA SCIARRONE MONTEZEMOLO BOMBASSEI TAGLIANO IL NASTRO DI ITALODELLA VALLE LETTA SCIARRONE MONTEZEMOLO BOMBASSEI TAGLIANO IL NASTRO DI ITALO

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

LA GUERRA IN UCRAINA MINACCIA SCONQUASSI MAI VISTI PER L’ECONOMIA MONDIALE - UNA RECESSIONE ANCORA NON È IN VISTA, MA POTREBBERO FARSI PESANTI GLI EFFETTI COMBINATI DI UN RALLENTAMENTO DEGLI USA, DI UNA FRENATA DELLA CINA, DI CARESTIE NEI PAESI PIÙ POVERI, DI CRISI DEBITORIE IN ALCUNI EMERGENTI A CAUSA DEI TASSI PIÙ ALTI - L'ITALIA SI TROVA NELLA PARADOSSALE SITUAZIONE DI AVERE UN CAPO DI GOVERNO ALL'ALTEZZA DEL MOMENTO, E UN SISTEMA POLITICO PRIGIONIERO DI SÉ STESSO. PER IL FONDO MONETARIO, NEMMENO I FONDI DEL PNRR CI FARANNO ACCELERARE OLTRE UN “APPENA SOPRA L'1%” NEGLI ANNI FUTURI

AL GREGGIO NON C’È MAI FINE - INCREDIBILE MA VERO: L’ITALIA A MAGGIO HA AUMENTATO LE IMPORTAZIONI DI PETROLIO RUSSO! DA MOSCA SONO ARRIVATI IN ITALIA CIRCA 450MILA BARILI AL GIORNO DI GREGGIO, PIÙ DI QUATTRO VOLTE RISPETTO A FEBBRAIO (E IL MASSIMO DAL 2013) - IL PARADOSSO È CHE SI TRATTA DI UN EFFETTO DELLE SANZIONI EUROPEE: DUE TERZI DI QUEL PETROLIO ARRIVA ALLA RAFFINERIA ISAB DI AUGUSTA, CONTROLLATA DA LUKOIL. LA COMPAGNIA RUSSA NON È STATA SANZIONATA, MA LE BANCHE HANNO BLOCCATO LE LINEE DI CREDITO, E COSÌ È COSTRETTA A FARE AFFIDAMENTO ESCLUSIVAMENTE SULLE FORNITURE DELLA SOCIETÀ MADRE