“CARO FABRIZIO”: LA LETTERA CON CUI IL COMMISSARIO ALMUNIA CAZZIA “MR. SACCOMANNI” PER IL PIANO MPS

Certo, i Monti-bond sono opera dell’ex premier, ma Saccomanni era in Bankitalia mentre Mussari e Vigni affondavano Mps - “Sono preoccupato per la stabilità della banca. Ci sono 6 punti da cambiare, tra cui la necessità “gonfiata” di tagliare 5000 posti, e gli stipendi dei manager troppo alti”…

Condividi questo articolo


1. IL PDF DELLA LETTERA DI ALMUNIA A SACCOMANNI PUBBLICATO DAL SITO DELLA "STAMPA"

LETTERA DI ALMUNIA A SACCOMANNI PAGINA UNOLETTERA DI ALMUNIA A SACCOMANNI PAGINA UNO

http://lastampa.it/2013/07/29/almunia-mps-R4l41G0qG6KiWrtp4t41GM/pagina.html

 

ALESSANDRO PROFUMO E FABRIZIO VIOLAALESSANDRO PROFUMO E FABRIZIO VIOLA

2. MPS: LETTERA ALMUNIA, PREOCCUPATO PER STABILITÀ BANCA
(ANSA) - Il commissario Ue per la concorrenza Jacquin Almunia è "preoccupato" per la stabilità del Monte Paschi e ritiene che ''per assicurare la fattibilita' a lungo termine'' del progetto di risanamento dell'istituto "l'attuale piano di ristrutturazione deve ancora essere migliorato". E' quanto si legge tra l'altro nel testo integrale della lettera inviata il 16 luglio scorso da Almunia al ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni pubblicato oggi sul sito de 'La Stampa'.

LETTERA DI ALMUNIA A SACCOMANNI PAGINA DUELETTERA DI ALMUNIA A SACCOMANNI PAGINA DUE

Le tre pagine della lettera si aprono con la conferma, da parte di Almunia, del fatto che non ci sono ''particolari ostacoli'' all'applicazione al piano di ristrutturazione del Monte Paschi di quanto indicato per la sostenibilità a lungo termine degli istituti che ricevono aiuti di Stato nel quadro delle norme Ue messa a punto per fare fronte agli effetti della crisi finanziaria. La decisione finale sul caso, osserva poi Almunia, ''è una questione di esclusiva competenza" del collegio dei commissari Ue.

LETTERA DI ALMUNIA A SACCOMANNI PAGINA TRELETTERA DI ALMUNIA A SACCOMANNI PAGINA TRE

E quindi non può esserci alcuna 'pre-approvazione' del piano per Mps da parte dei servizi preposti a trattare i dossier sugli aiuti di Stato. Ciò detto, il commissario responsabile per la concorrenza, ricorda che Bruxelles ha evidenziato che il piano di ristrutturazione dovrebbe essere migliorato in almeno sei punti di cui lui stesso ha già parlato al telefono con Saccomanni il 12 giugno scorso e che sono stati al centro di una riunione tecnica svoltasi a Roma il 14 giugno. In particolare Almunia punta poi il dito, ritenendola "gonfiata", contro la necessità di tagliare 5000 posti di lavoro per compensare una perdita di introiti stimata in 320 milioni di euro.

JOAQUIN ALMUNIAJOAQUIN ALMUNIA

E rimprovera all'Italia di non aver preso in considerazioni soluzioni alternative. Altro punto critico, secondo Bruxelles, gli stipendi del management. Nelle banche che ricevono aiuti, secondo le regole Ue, gli stipendi dei più alti dirigenti non possono essere superiori di oltre 15 volte il salario medio nazionale. Una disposizione che si deve applicare, ricorda Almunia, fino alla fine del piano di ristrutturazione o fino a quando tutti gli aiuti ricevuto non sono stati rimborsati.

fabrizio saccomanni direttore big xfabrizio saccomanni direttore big x

La lettera si chiude con un 'avvertimento': "in assenza di sufficienti progressi" sui punti critici del dossier "entro le prossime settimane", Almunia dovrà proporre alla Commissione "l'apertura di una procedura d'inchiesta formale" sugli aiuti al gruppo Mps.

Vigni - MussariVigni - Mussari

 

 

Condividi questo articolo

business

LA TIM E’ TUTTA UN QUIZ NEL PENTOLONE BOLLE LA SCELTA DA PARTE DI TIM DEGLI ADVISOR CHE DOVRANNO ESAMINARE L’OFFERTA DI KKR. IL RUOLO DELLA CONSIGLIERA ILARIA ROMAGNOLI, EX ROTHSCHILD. MA DIRANNO LA LORO ANCHE ASSOGESTIONI E SALVATORE ROSSI, EX BANKITALIA, CHE CI TIENE ALLA SUA POLTRONA DI PRESIDENTE (CHE SARÀ SEMPRE DI NOMINA GOVERNATIVA) E SA BENE CHE IL TRIO GIORGETTI, COLAO E FRANCO È FILO AMERICANO. DOPODICHÉ I DUE PIANI INDUSTRIALI DI VIVENDI E KKR, AMBEDUE CON LO SCORPORO TIM SERVIZI E TIM RETE, ANDRANNO ALL’ATTENZIONE DEL GOVERNO – IL DUELLO BOLLORÈ-MACRON – BUM! PARE CHE ILIAD STIA TRATTANDO CON VODAFONE…

PULIZIE IN CORSO A ROCCA SALIMBENI: IL TESORO STA TRATTANDO CON LA COMMISSIONE EUROPEA PER TROVARE UN COMPROMESSO SULLA PROROGA DELL’USCITA DELLO STATO DA MPS. LA SPERANZA DEL GOVERNO È RIUSCIRE A RIMANERE NEL CAPITALE DEL “MONTE” ALMENO FINO ALL’AUTUNNO 2023. BISOGNA TAGLIARE I RAMI SECCHI E SNELLIRE GLI ATTIVI, PER POI VENDERE L’AZIENDA RISANATA E DIMAGRITA. A QUEL PUNTO UNICREDIT POTREBBE RIENTRARE IN PARTITA - L’IPOTESI MASSIAH COME AD E I 6,2 MILIARDI DI RISCHI LEGALI DA SBOLOGNARE A FINTECNA, SOCIETÀ DI CDP

DEL VECCHIO HA UN GRILLI PER LA TESTA - L’EX DIRETTORE GENERALE DEL TESORO, OGGI A JP MORGAN, È IL GRANDE CONSIGLIERE DEL PAPERONE DI AGORDO - ARNESE: “A GRILLI SI DEVE LA ‘VISIONE’ DI DEL VECCHIO PER IL COLOSSO ASSICURATIVO TRIESTINO. MA SE È VERO CHE GRILLI È LA MUSA DI DEL VECCHIO SULLE QUESTIONI “ALTE”, DI STRATEGIA, NON PER QUESTO JP MORGAN RINUNCIA ALLA CUCINA RUSTICA. TRA LONDRA E MILANO, INFATTI, SONO DIVERSI I BANCHIERI CHE GIURANO DI AVER VISTO UN DOSSIER TARGATO JP MORGAN TUTTO DEDICATO ALLO SCORPORO DEGLI IMMOBILI DELLE GENERALI…”