COLPO DI SCENA IN GENERALI: AGRUSTI SILURATO - GRECO HA AVUTO LA MEGLIO SU PELLICIOLI, CALTA E MEDIOBANCA

Il braccio destro di Perissi-rotto era riuscito a farsi assegnare la direzione di Generali Italia (per almeno un anno) contro il volere del nuovo ad, che ha fatto piazza pulita del vecchio management - Dopo una settimana invece il consiglio ne ha deciso l’estromissione…

Condividi questo articolo


Da "la Repubblica"

AGRUSTIAGRUSTImario greco generalimario greco generali

Il consiglio di amministrazione di Generali che si è riunito ieri ha alla fine deciso per l'uscita concordata dal gruppo di Raffaele Agrusti, da più di trent'anni in forza a Trieste. E per la ricerca del suo sostituto che dovrà occupare la poltrona di ad di Generali Italia. I tempi effettivi dell'uscita di Agrusti dipenderanno dunque da questi ulteriori passaggi ma pare evidente che vi sia stata un'accelerazione rispetto a cinque giorni fa, quando Agrusti era stato nominato amministratore delegato di Generali Italia, la società che ricomprende le attività assicurative italiane del Leone e le sue principali partecipazioni italiane, tra cui Alleanza Toro, Fata, Genertel, Genertellife, Banca Generali, Generali Properties e Genagricola.

Perissinotto Geronzi BalbinotPerissinotto Geronzi Balbinot

A questa riorganizzazione sotto un unico cappello delle attività italiane Agrusti ha contribuito in prima persona essendone stato incaricato nell'autunno scorso dal nuovo ad di Generali Mario Greco, che aveva proceduto a un primo ripensamento di tutta l'organizzazione del gruppo. Con il varo di Generali Italia si era pensato che Agrusti avrebbe dovuto rimanere alla testa della nuova società almeno fino alla firma del bilancio 2013, ma ieri i consiglieri del Leone guidati dal presidente Gabriele Galateri e da Greco hanno deciso per un'uscita più veloce.

Giovanni PerissinottoGiovanni Perissinotto

È possibile che l'accelerazione sia stata impressa anche in seguito alle indiscrezioni di stampa che avevano rivelato pressioni sul management da parte di alcuni soci influenti, come Mediobanca e De Agostini, volte ad evitare strappi sul ruolo dell'ex direttore generale considerato per tanti anni il vero uomo macchina delle Generali e per oltre un decennio il braccio destro di Giovanni Perissinotto.

Francesco Gaetano CaltagironeFrancesco Gaetano Caltagirone

Ma con l'estromissione di quest'ultimo avvenuta circa un anno fa ad opera dei principali azionisti, tra cui Mediobanca, De Agostini, Luxottica, Caltagirone, anche la carriera di Agrusti nel Leone ha cominciato una fase discendente. Agrusti faceva parte del group management committe (gmc) e per tale motivo la sua posizione è stata discussa dal cda che dovrebbe aver inoltre esaminato, insieme al comitato audit, un rapporto sulle operazioni con parti correlate recentemente richiesto da Consob.

 

Lorenzo PelliccioliLorenzo PelliccioliBACIO ESCHIMESE PAGLIARO NAGELBACIO ESCHIMESE PAGLIARO NAGEL

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?