IL COVID TI FA RICCO – IL 2021 È STATO UN ANNO D’ORO PER ELON MUSK: NON SOLO IL FONDATORE DI TESLA È L’UOMO PIÙ RICCO DEL MONDO, MA IL LIVELLO DEL SUO PATRIMONIO È IL PIÙ ALTO DELL’ERA MODERNA, AL NETTO DELL’INFLAZIONE (COME LUI SOLO JOHN D. ROCKEFELLER) - MUSK HA RAGGIUNTO LA VETTA DELLA CLASSIFICA CON UN PATRIMONIO DI 273,5 MILIARDI DI DOLLARI E UN GUADAGNO DEL 75%. SCALZATO DAL PODIO IL FONDATORE DI AMAZON JEFF BEZOS, SCESO AL SECONDO POSTO CON "SOLO" 194,2 MILIARDI DOLLARI (POVERINO…)

-

Condividi questo articolo


 

ELON MUSK ELON MUSK

(ANSA) - Elon Musk mai così ricco: il 2021 è stato per il multimiliardario Ceo di Tesla Motors un anno d'oro, quasi letteralmente, con un livello di ricchezza raggiunto prima soltanto da John D. Rockefeller.

 

Lo riferisce Bloomberg tracciando la mappa dei più ricchi del pianeta aggiornata al post-2021, ovvero il secondo anno di pandemia che lascia il mondo provato ma tendenzialmente rende i ricchi più ricchi. Al punto che la fortuna collettiva delle 500 persone più ricche del globo è cresciuta di mille miliardi. Musk, con i suoi ha raggiunto il maggior livello di ricchezza, al netto dell'inflazione, nell'era moderna.

john d rockefeller john d rockefeller

 

Questo mentre i 500 del Bloomberg Billionaires Index, hanno una fortuna combinata che supera gli 8.400 miliardi di dollari, più del Pil di tutti i paesi ad eccezione di Stati Uniti e Cina. Dieci super-ricchi hanno fortune che superano i 100 miliardi di dollari.

 

Ciò mostra come la ripresa dallo shock economico scaturito dal covid-19 sia stata disomogenea e abbia radicalizzato le disparità, con i più ricchi per esempio che hanno beneficiato di una politica fiscale allentata. La pandemia ha inoltre spinto fino a 150 milioni di persone all'estrema povertà, secondo le stime della Banca Mondiale, un numero che r è destinato ad aumentare se l'inflazione continuerà a salire.

elon musk jeff bezos elon musk jeff bezos

 

Elon Musk ha raggiunto la vetta della classifica con un patrimonio di 273,5 miliardi di dollari e un guadagno del 75% grazie alla scommessa degli investitori sulle auto ecologiche di Tesla. L'imprenditore visionario ha scalzato dal podio il fondatore di Amazon Jeff Bezos, sceso al secondo posto con 194,2 miliardi dollari perche' il colosso dell'e-commerce e del cloud è salito solo del 2% rispetto al 2020.

 

elon musk 2 elon musk 2

Dietro di lui il francese Bernard Arnault, il patron del colosso del lusso Lvmh, con una fortuna di 177,1 miliardi dollari: le azione del suo impero sono cresciute del 55% lo scorso anno, anche grazie a importanti investimenti come i 15 miliardi di dollari spesi a fine 2020 per rilevare Tiffany. Scivola in quarta posizione Bill Gates, con un patrimonio stimato in 138,3 miliardi di dollari: hanno pesato il divorzio da Melinda, che lo ha costretto a cedere alla moglie una fetta di titoli Microsoft, e una crescita della societa' solo del 5%. Sesto Mark Zuckerberg, il patron di Meta-Facebook, con 128,4 miliardi (e +24% rispetto al 2020), preceduto da Larry Page, fondatore di Alphabet-Google, che a fine anno aveva un patrimonio di 129,5 miliardi di dollari, cresciuto del 57%.

I RAZZI DI MUSK BEZOS BRANSON I RAZZI DI MUSK BEZOS BRANSON elon musk 1 elon musk 1 MUSK BEZOS BRANSON SPAZIO MUSK BEZOS BRANSON SPAZIO elon musk elon musk blue origin tweet blue origin tweet elon musk jeff bezos tweet elon musk jeff bezos tweet elon musk e il meme sul volo suborbitale di jeff bezos 1 elon musk e il meme sul volo suborbitale di jeff bezos 1 elon musk persona dell anno per time elon musk persona dell anno per time

 

Condividi questo articolo

business

MILLERI E UNA NOTTE - DEL VECCHIO ERA RICOVERATO DA OLTRE UN MESE AL SAN RAFFAELE DI MILANO PER UN “INSULTO” AL CUORE, AGGRAVATO DA UNA POLMONITE BILATERALE - IL PAPERONE DI AGORDO INTRAPRESE MALVOLENTIERI LA CONQUISTA DI MEDIOBANCA, FATTA SOPRATTUTTO SU SOLLECITAZIONE DEL SUO DELFINO FRANCESCO MILLERI, CHE HA SEMPRE MALSOPPORTATO (EUFEMISMO) NAGEL. UN’OSTILITÀ CHE SI TRASFORMÒ IN ASTIO QUATTRO ANNI FA, ALL’EPOCA DEL FALLITA PRESA DELLO IEO E DEL MONZINO - A QUESTO PUNTO, TUTTO IL MONDO DELLA FINANZA È GOLOSO DI SAPERE SE I SETTE EREDI PERMETTERANNO ANCORA AL VISPO MILLERI DI CONTINUARE A GETTARE MILIARDI SULLA IRTA STRADA CHE PORTA A ESPUGNARE PIAZZETTA CUCCIA, O MAGARI LO CONVINCERANNO A CAMBIARE IDEA…

DEL VECCHIO FU: RIUSCIRÀ MILLERI A CAVARSELA ALLA PROVA DEI SETTE EREDI? - IL FONDATORE DI LUXOTTICA, PIÙ CHE METTERE IN SICUREZZA LE AZIENDE DI FAMIGLIA, HA VOLUTO METTERLE AL RIPARO "DALLA FAMIGLIA". ”UN MANAGER LO PUOI LICENZIARE, ANCHE SE COSTA CARO, UN FIGLIO NO”, ERA UNO DEI SUOI MOTTI. ORA PER LE DECISIONI PIÙ STRATEGICHE COME L'EROGAZIONE DI CEDOLE E LA SOSTITUZIONE DI AMMINISTRATORI, OCCORRE UN QUORUM DELL'88%, CHE È COME DIRE IL PLACET DI SETTE EREDI SU SETTE - ANCHE LE BATTAGLIE PER CONQUISTARE GENERALI E MEDIOBANCA, IN CORSO DA TRE ANNI, FORTISSIMAMENTE VOLUTE DA MILLERI E FINORA FRUSTRATE, POTREBBERO ESSERE ABBANDONATE DAGLI EREDI…

BONO NON VA IN PENSIONE – L’EX NUMERO UNO DI FINCANTIERI TORNA SUBITO IN PISTA CON “NOMISMA MARE”, LA NUOVA DIVISIONE DELLA SOCIETÀ DI CONSULENZE FONDATA DA ROMANO PRODI NEL 1991: LÌ RITROVERÀ ANCHE MASSIMO PONZELLINI, EX PRESIDENTE DELLA BANCA POPOLARE DI MILANO – L'OBIETTIVO È "ANALIZZARE E STUDIARE GLI ASPETTI DELLE ATTIVITÀ INTERCONNESSE CON IL MARE" (UN AMBIENTE CHE BONO CONOSCE PIUTTOSTO BENE, VISTI  VENT’ANNI DI GOVERNANCE NEL COLOSSO DELLA CANTIERISTICA...)

MILLERI, OGGI E DOMANI – SARÀ L’AMMINISTRATORE DELEGATO DI ESSILUX, FRANCESCO MILLERI, IL GARANTE DELLA CONTINUITÀ NELL’IMPERO DI DEL VECCHIO: DIVENTERÀ ANCHE PRESIDENTE DEL COLOSSO DELLE LENTI – LO SCHEMA DELLA SUCCESSIONE ERA STATO PREPARATO PER TEMPO DAL PAPERONE DI AGORDO: IERI È STATO COOPTATO NEL CDA DI ESSILOR-LUXOTTICA ANCHE MARIO NOTARI – LA HOLDING DELFIN È BLINDATA DAI DISSIDI TRA I FIGLI DI DEL VECCHIO, CHE HANNO CIASCUNO IL 12,5%:  PER LA VENDITA A UN SOCIO ESTERNO SERVE L’88% DEL CAPITALE, PRATICAMENTE L’UNANIMITÀ – I NODI MEDIOBANCA E GENERALI