DRAGHI RICARICA IL BAZOOKA E VOLA A DAVOS: ''L'INFLAZIONE SARÀ ANCORA PIÙ BASSA DEL PREVISTO, E LA BCE HA MOLTI STRUMENTI'' - IN BORSA CONTINUA LA SBORNIA DA DENARO FACILE, MA MILANO CRESCE MENO DELLE ALTRE (+1,8%) - IL PETROLIO ANCORA VOLATILE, TORNA SOPRA 30 $

Draghi: ''In Italia c'è stata un'errata interpretazione della lettera inviata dalla Bce su come i Paesi stanno gestendo i crediti in sofferenza. Era solo per conoscere le diverse pratiche nazionali in merito'' - ''Del tutto naturale la divergenza tra Fed e Bce sui tassi'' - ''Tra petrolio ed economie in rallentamento, target di inflazione ancora più lontani''...

Condividi questo articolo


1.DAVOS: DRAGHI, DIVERGENZA FED-BCE DEL TUTTO NATURALE

 (ANSA) - La divergenza fra i tassi negli Usa fissati dalla Fed, che ha imboccato un percorso al rialzo, e la Bce che resta in una posizione espansiva è "del tutto naturale": Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, a un colloquio durante il Forum economico mondiale.

DRAGHI YELLEN CONTANTI DRAGHI YELLEN CONTANTI

 

2.DRAGHI, PROSPETTIVE INFLAZIONE MENO ROSEE

 (ANSA) - Le prospettive inflazionistiche sono cambiate e "c'è meno da essere ottimisti" non solo per il forte calo dei prezzi petroliferi, ma anche per "la revisione al ribasso delle prospettive di crescita delle economie emergenti".

 

3.DRAGHI, BCE HA MOLTI STRUMENTI ED È DETERMINATA 

 (ANSA) - "Abbiamo numerosi strumenti" per far risalire l'inflazione, che "davvero" è lontana dall'obiettivo vicino al 2%.

 

4.IN ITALIA BCE MALE INTERPRETATA SU NPL BANCHE

 (ANSA) - In Italia c'è stata un'errata interpretazione della lettera inviata dalla Bce su come i Paesi stanno gestendo i crediti in sofferenza. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi: "non vi era nulla di più" - ha scandito Draghi - che conoscere le diverse pratiche nazionali in merito.

 

DRAGHI SCHAUBLE 4280-a789-2fddfc41b407 DRAGHI SCHAUBLE 4280-a789-2fddfc41b407

5.BORSA: EUROPA CORRE, EFFETTO DRAGHI E GREGGIO, PARIGI +3%

 (ANSA) - Allungano il passo le Borse europee dopo quasi 3 ore di scambi, con Parigi (+3%) in prima linea, seguita da Madrid (+2,52%), Francoforte (+2,09%), Londra (+2,08%) e Milano (+1,78%). Le parole del presidente della Bce Mario Draghi sui nuovi possibili stimoli all'economia ed il rialzo del greggio sopra ai 30 dollari spingono su tutti i settori,a partire dai petroliferi Tullow (+9,52%), Petrofac (+7,38%), Shell (+5,34%), Repsol (+5,16%) e Total (+5%).

 

Bene Eni (+2,71%) in Piazza Affari, dove Saipem (+1,32%) appare piuttosto nervosa dopo lo sconto del 37% sull'aumento di capitale. Il rialzo delle quotazioni dei metalli, a parte l'oro, favorisce i titoli del settore, da Antofagasta (+7,09%) a Bhp Billiton (+4,96%) e Rio Tinto (+2,93%). In luce i bancari da Mps (+9,11%) a Creval (+7%), Raiffeisen (+5,05%), Carige (+5%), SocGen (+3,56%) e Caixabank (+3,1%), più caute Intesa (+2,85%) e Banco Popolare (+2,77%). Acquisti sugli automobilistici Volkswagen e Renault (+2,9% entrambi), seguiti da Fca (+2,43%).

 

 

6.DRAGHI RICARICA IL BAZOOKA E SALVA TUTTI

mario draghi bazooka mario draghi bazooka

Ugo Bertone per “Libero Quotidiano

 

Abbiamo il potere e la disponibilità ad agire per raggiungere il nostro obiettivo». Mario Draghi, nel corso della conferenza stampa, rilegge due volte la frase del comunicato concordato, come sottolinea, all' unanimità dal direttorio della Banca Centrale Europea. Poche parole (rafforzate da un rassicurante «Non ci arrenderemo»), tanti risultati. Anche perché, oltre che di strumenti di politica monetaria, Draghi stavolta spende parole di sostegno alle banche di casa nostra, da settimane sotto il tiro della speculazione.


L' effetto è stato tanto rapido quanto efficace. Sui listini azionari, innanzitutto. In un solo pomeriggio Piazza Affari ha recuperato il 4,20% mentre le altre Borse europee hanno guadagnato poco meno del 2%. Anche Wall Street ha beneficiato delle parole del banchiere romano, in scia al recupero del petrolio. In calo anche l' euro e, non meno importante, lo spread Btp/Bund, in forte accelerata alla vigilia.

MARIO DRAGHI IN AUDIZIONE ALLA CAMERA MARIO DRAGHI IN AUDIZIONE ALLA CAMERA


L' accelerazione della Borsa italiana è legata all' inversione di rotta dei bancari, in ripresa dopo il calvario dei giorni scorsi. Ha dell' incredibile il volo di Mps + 43,14% o Carige + 26%, in grande ripresa dopo la conferma di Draghi che la Bce non ha intenzione di esigere nuovi salassi agli azionisti delle banche italiane.

 

Insomma, una giornata positiva che solleva però qualche riflessione. Quanto durerà questa volta l' effetto Draghi? Di qui a marzo, quando si terrà il prossimo vertice della banca centrale, non ci sarà un nuovo agguato dei falchi, tipo quello che ha impedito a dicembre di avviare una manovra espansiva che, alla luce di quel che è successo, avrebbe forse evitato il peggio?

 

E poi, c' è da chiedersi se le banche centrali, non solo la Bce, hanno capito o meno che a questo punto il calo del petrolio non è «una buona notizia» per i consumatori, ma l' avvisaglia di una grande recessione che minaccia, se non contrastata, di mandare all' aria anche Usa ed Europa,oltre alla Cina ed agli Emergenti.

estrazione di petrolio a kern river, california estrazione di petrolio a kern river, california


Nell' attesa, si deve prender atto delle parole, assai sensate di Draghi. Il nuovo bazooka, potenzialmente illimitato, della banca centrale entrerà in azione a fine marzo, ha assicurato, quando la banca avrà a disposizione i dati più aggiornati sull' inflazione che, complice il tracollo del greggio, volge al peggio. Mister Bce non è entrato nei dettagli degli strumenti («ma ne abbiamo tantissimi, tutti potenti»), ma ha sottolineato che non è escluso che nei prossimi mesi il costo della vita possa scendere in terreno negativo. Perciò, per inseguire il traguardo fissato dalla banca centrale (inflazione poco sotto il 2 per cento) occorrerà un' azione assai energica, ben al di là degli acquisti del Quantitative Easing, che pure ha fatto miracoli. Ma «le circostanze sono cambiate rispetto a dicembre».


Ancora una volta le parole di Draghi, dunque, hanno avuto un effetto tonico sui mercati.
Ma stavolta il presidente della Bce si è spinto più in là, affrontando senza esitazioni il tema della crisi delle banche italiane, scatenata dal sospetto che i questionari sulle sofferenze mandati alla Vigilanza Bancaria di Francoforte siano il prologo a richieste pesanti per gli istituti. Non è così, ha assicurato.

iraq isis prende la raffineria di petrolio di baiji iraq isis prende la raffineria di petrolio di baiji


Sulla vicenda, ha detto, i mercati «hanno fatto molta confusione», anche per la concomitanza con le discussioni con Bruxelles sulla bad bank. Ma la realtà è che «le banche italiane hanno accantonamenti simili a quelli dell' area euro e hanno anche un alto livelli di garanzie collaterali». «Alle banche europee e a quelle italiane - ha aggiunto- la Vigilanza della Bce non farà richieste di nuovi accantonamenti né di raccolta di nuovo capitale».

 

Non è previsto un ultimatum anche perché, come dimostra l' esempio dell' Irlanda, «risolvere il problema dei crediti deteriorati richiede anni e le autorità di vigilanza ne sono perfettamente consapevoli». Il questionario, insomma, ha solo un valore conoscitivo, per capire come le banche stanno gestendo il tema dei crediti deteriorati. Forse, a saperlo prima, si sarebbero evitate perdite drammatiche in Borsa. Ma l' Europa, con poche eccezioni (vedi lo stesso Draghi) ama farsi del male.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)