ESSELUNGA NON LASCIA GENOVA, MA RADDOPPIA – NEL CAPOLUOGO LIGURE ARRIVA IL NUOVO SUPERSTORE DEL GRUPPO FONDATO DA BERNARDO CARPOTTI: È IL QUARTO NEGOZIO NELLA REGIONE, DOPO LA SPEZIA E ALBENGA – IL VALORE DELL’INVESTIMENTO È 60-70 MILIONI DI EURO, CON 117 NUOVI ASSUNTI – L’INAUGURAZIONE HA UN FORTE VALORE SIMBOLICO DI RIVINCITA: NEL 1984 CAPROTTI AVEVA DECISO DI FARE ROTTA SU GENOVA, MA TRA RICORSI E LENTEZZE BUROCRATICHE IL SUO SOGNO SI È REALIZZATO SOLO NEL 2020…

-

Condividi questo articolo


 

 

Estratto dell'articolo di Daniela Polizzi per il “Corriere della Sera”

 

taglio del nastro esselunga di genova san benigno taglio del nastro esselunga di genova san benigno

Esselunga accelera e apre un nuovo superstore scommettendo ancora su Genova, con un taglio del nastro che segna un raddoppio nel capoluogo ligure dopo l’inaugurazione a fine 2020 del primo store cittadino, il quarto nella regione dopo La Spezia e Albenga, il 186esimo del gruppo. […] il gruppo ha scelto il formato superstore con 3.200 metri quadrati di superficie. Valore dell’investimento, tra i 60 e i 70 milioni.

 

esselunga di san benigno genova. esselunga di san benigno genova.

«Continuiamo a investire anche in una fase complessa di mercato», dice Marina Caprotti, presidente esecutivo del gruppo che nel 2022 ha investito 377,4 milioni.

 

E per dimostrare il radicamento in ogni territorio dove sbarca, Esselunga ha scelto 100 fornitori liguri non solo per i negozi di Genova ma anche per quelli presenti in tutta la rete di vendite, dando loro un’opportunità per far conoscere i prodotti su scala nazionale. Non solo. Nel nuovo negozio lavorano 153 dipendenti, 117 neoassunti tra Genova e provincia, formati alla scuola dei mestieri Esselunga. L’inaugurazione ha anche un valore simbolico, visto che già nel 1984 il fondatore Bernardo Caprotti aveva deciso di fare rotta sul capoluogo ligure. Sogno che si è realizzato nel 2020, tra ricorsi dei concorrenti e lentezza della burocrazia.

GIULIANA ALBERA CON IL MARITO BERNARDO CAPROTTI E LA FIGLIA MARINA SYLVIA GIULIANA ALBERA CON IL MARITO BERNARDO CAPROTTI E LA FIGLIA MARINA SYLVIA

 

All’apertura del negozio di oggi sono attesi il sindaco Marco Bucci e il governatore della Liguria Giovanni Toti, simbolo di quella gestione del territorio che ha velocizzato gli investimenti delle imprese. Che nel caso di Esselunga continueranno con l’apertura a Sestri Ponente di un altro superstore […] Il taglio del nastro di oggi è stato preceduto ieri da una cena nello store. Padrona di casa Marina Caprotti, con la madre Giuliana Albera, presidente onorario, Francesco Moncada di Paternò, consigliere con deleghe allo sviluppo di Esselunga. Al loro fianco Bucci, Toti e il prefetto Renato Franceschelli.

 

esselunga di san benigno genova. esselunga di san benigno genova.

La nuova costruzione ha un «cannocchiale visivo», una finestra al secondo piano, da dove si vede la Lanterna, l’antico faro di Genova, secondo il progetto degli architetti Fabio Nonis e Maurizio Canepa. L’impegno del gruppo sul territorio ha poi dato vita alla realizzazione di aree verdi per oltre mille metri quadrati più uno scenografico giardino pensile di altri mille metri quadrati sul tetto. […]

esselunga di via piave genova esselunga di via piave genova bernardo caprotti falce e carrello bernardo caprotti falce e carrello bernardo caprotti esselunga bernardo caprotti esselunga esselunga di san benigno genova esselunga di san benigno genova BERNARDO CAPROTTI BERNARDO CAPROTTI esselunga di san benigno genova esselunga di san benigno genova ESSELUNGA GENOVA 1 ESSELUNGA GENOVA 1 ESSELUNGA GENOVA 1 ESSELUNGA GENOVA 1 esselunga di via piave genova. esselunga di via piave genova. esselunga di via piave genova esselunga di via piave genova esselunga di san benigno genova. esselunga di san benigno genova.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...