GIRO DI VITE - L’ENNESIMA BOTTA ALLA GIÀ PROVATA INDUSTRIA ITALIANA ARRIVA DALLA GERMANIA - REINHOLD WUERTH, IL MAGGIORE PRODUTTORE AL MONDO DI VITI E BULLONI, HA ANNUNCIATO CHE LA SUA AZIENDA HA BLOCCATO LE FORNITURE A 60 MILA IMPRESE ITALIANE CHE SONO IN RITARDO CON I PAGAMENTI - “STO AFFRONTANDO PROBLEMI INSOSTENIBILI. IL MIO GIRO D´AFFARI IN ITALIA, SPAGNA E PORTOGALLO SI È PRATICAMENTE RIDOTTO QUASI A ZERO”...

Condividi questo articolo


Andrea Tarquini per "la Repubblica"

Reinhold WuerthReinhold Wuerth

Tra Italia e Germania ci mancava anche questa: sullo sfondo della crisi dell´euro e delle difficoltà finanziarie di molte aziende italiane (specie piccole e medie) la guerra dei bulloni oppone Berlino a Roma. Non è uno scherzo, né un gioco di parole col memorabile film francese "La guerra dei bottoni", storia di bande di bambini in guerra decenni fa. No, la guerra dei bulloni italo-tedesca è un problema molto serio, e in poche ore può causare serie difficoltà al nostro vitale comparto manufatturiero, proprio in un momento di eurocrisi e recessione.

reinhold wurthreinhold wurth

Che cosa sta succedendo? Semplice: che Herr Reinhold Wuerth, il re mondiale del bullone e delle viti, ha annunciato che la sua azienda - a conduzione familiare ma big global player del suo settore, che produce ovunque, anche da noi - ha annunciato a Handelsblatt che non fornirà niente più viti, bulloni né alcun altra componente meccanica di montaggio per l´Italia, finché le ben sessantamila aziende del "Bel paese" sue clienti non pagheranno le fatture arretrate.

Niente più produzione né consegne ai clienti italiani, dice l´anziano ma vivacissimo Herr Wuerth, uno dei più famosi e stimati imprenditori vecchio stile del mondo. Attenzione: lui non appartiene al partito trasversale euroscettico che ne ha abbastanza dell´euro e mugugna ogni giorno per i costi del salvataggio dei paesi in difficoltà. No, Herr Wuerth sa bene che anche l´Italia è un pagatore netto, e si dichiara con forza convinto che sia interesse tedesco pagare comunque, anche costi più salati del previsto, pur di mantenere nell´eurozona l´Europa meridionale.

VIBRANT CURIOSITY LO YACHT DI REINHOLD WURTHVIBRANT CURIOSITY LO YACHT DI REINHOLD WURTH

Però, dice Herr Wuerth a Handelsblatt, «sto affrontando problemi insostenibili. Il mio giro d´affari in Italia, Spagna e Portogallo si è praticamente ridotto quasi a zero» perché laggiù mancano i soldi e i clienti non sono in grado di pagare. E lui, fornitori di materie prime e operai protetti dal più forte sindacato del mondo, deve continuare a pagarli puntuale come un orologio svizzero, o giapponese. «In Italia abbiamo bloccato le forniture a 60 mila clienti, riceveranno nuova merce soltanto quando avranno pagato le vecchie fatture», ammonisce.

MATERIALI PER FERRAMENTA WURTHMATERIALI PER FERRAMENTA WURTH

Insomma la crisi rende duri anche gli imprenditori tedeschi più europeisti. E crea sia a loro, sia ai nostri imprenditori manufatturieri, problemi pericolosissimi. In Italia e quasi ovunque in Europa, senza viti e bulloni Wuerth non monti nulla o quasi. I tre paesi mediterranei, spiega Herr Wuerth, mi sono già costati finora due punti di fatturato. Il giro d´affari è aumentato di oltre il 4,5 per cento, senza quei pagamenti mancati sarebbe cresciuto del 7, precisa.

«Se vogliamo vivere in libertà e in pace», aggiunge, «vale la pena di introdurre a livello europeo o dell´eurozona un meccanismo di compensazione finanziaria alla tedesca». Analogo cioè a quello che nel federalismo tedesco impone ai Bundeslaender più ricchi di aiutare quelli più poveri versando loro parte delle entrate tributarie. Il volo delle vendite in Cina e India, egli sottolinea, non compensa il calo in Europa «dove realizziamo il 70 per cento del fatturato».

 

 

Condividi questo articolo

business

IL FONDO NON DIMENTICA - BLACKSTONE METTE IL VETO SUL COINVOLGIMENTO DELL’AVVOCATO SERGIO EREDE NELL’OPERAZIONE ATLANTIA: “CON LUI NON LAVORIAMO” - PER L’OPA (CON SUCCESSIVO DELISTING PER EVITARE L’ASSALTO DI FLORENTINO PEREZ) I BENETTON SI SONO AFFIDATI AL NOTO AVVOCATO MA IL FONDO AMERICANO SI E’ MESSO DI TRAVERSO - MOTIVO? NON HA DIMENTICATO IL RUOLO DI EREDE, AL FIANCO DI URBANO CAIRO, NELLA BATTAGLIA CONTRO BLACKSTONE (CON TANTO DI ACCUSE DI “USURA”) PER LA CONTESTATA VENDITA DELLA SEDE DEL “CORRIERE” DI VIA SOLFERINO

IL “MR. WOLF” DEGLI OLIGARCHI RUSSI – BABAK DASTMALTSCHI È IL CAPO DEL DESK RUSSIA DI CREDIT SUISSE: È A LUI CHE SI RIVOLGONO I MILIARDARI DI MOSCA PER PORTARE LE PROPRIE RICCHEZZE IN SVIZZERA, MA ANCHE PER FACILITARE I LORO AFFARI – E LA BANCA SVIZZERA RINGRAZIA: È ARRIVATA A GESTIRE FINO A 60 MILIARDI DI DOLLARI DI PATRIMONI RUSSI, CHE HANNO FRUTTATO ALLE CASSE DELL’ISTITUTO 5-600 MILIONI ALL’ANNO – USMANOV, ABRAMOVICH, DERIPASKA: CHI SONO GLI OLIGARCHI CHE HANNO RICHIESTO I SUOI SERVIGI…

MOSCA A UN PASSO DAL DEFAULT – GLI STATI UNITI NON HANNO RINNOVATO UNA LICENZA CHE PERMETTEVA ALLA RUSSIA DI ONORARE IL PROPRIO DEBITO, NONOSTANTE LE SANZIONI: ORA IL CRAC È INEVITABILE. E I CREDITORI SI ATTACCANO! – IL CREMLINO PARLA DI DEFAULT “ARTIFICIALE” E FA FINTA CHE VADA TUTTO BENE, MA LA BANCA CENTRALE SI MUOVE E TAGLIA I TASSI DAL 14 ALL'11% – IL MINISTRO DELLE FINANZE, SILUANOV: "PAGHEREMO IN RUBLI - CHE JE FREGA, CONTINUANO A INCASSARE UN MILIARDO DI DOLLARI AL GIORNO DA GAS E PETROLIO, E IL TOTALE DEL DEBITO ESTERO IN SCADENZA È DI 20 MILIARDI…