LAVORARE MENO, LAVORARE TUTTI – UN GRUPPO DI PARLAMENTARI BRITANNICI CHIEDE AL GOVERNO DI CONSIDERARE UN ACCORCIAMENTO DELLA SETTIMANA LAVORATIVA A QUATTRO GIORNI – PER AFFRONTARE MEGLIO LA CRISI E NON FAR PERDERE IL POSTO A MIGLIAIA DI PERSONE, DICONO, BASTEREBBE FARLE LAVORARE DI MENO…

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Luca Lippera per www.repubblica.it

 

 

recessione coronavirus recessione coronavirus

Per affrontare la crisi economica causata dal Coronavirus e non far perdere il posto a migliaia di persone si potrebbe pensare di far lavorare di meno i cittadini. Un gruppo di parlamentari britannici di vari partiti - Labour, Scottish National Party e Green Party - hanno inviato una lettera al governo invitandolo a considerare una settimana lavorativa di quattro giorni nel Regno Unito post Covid-19.

boris johnson boris johnson

 

Lo scrive il  quotidiano Guardian. In particolare la richiesta è di create una commissione per esplorare tale possibilità, un'opzione che è già al vaglio in Scozia nell'ambito della sua Post-Covid-19 Futures Commission.

 

Nella lettera si sottolinea che si è fatto ricorso a meno ore di lavoro in più momenti nella storia come strumento in risposta ad una crisi economica. E' quasi scontato che una settimana con quattro giorni lavorativi comporterebbe una riduzione del reddito per gli occupati.

boris johnson sulla scogliera di dover - fotomontaggio del financial times boris johnson sulla scogliera di dover - fotomontaggio del financial times coronavirus fabbrica coronavirus fabbrica fabbrica coronavirus fabbrica coronavirus coronavirus fabbrica 3 coronavirus fabbrica 3 coronavirus fabbrica coronavirus fabbrica CORONAVIRUS - SCIOPERI SPONTANEI NELLE FABBRICHE ANCORA APERTE CORONAVIRUS - SCIOPERI SPONTANEI NELLE FABBRICHE ANCORA APERTE coronavirus fabbrica coronavirus fabbrica coronavirus fabbrica1 coronavirus fabbrica1 coronavirus fabbrica2 coronavirus fabbrica2

 

Condividi questo articolo

business

AUTOSTRADE, VINCITORI E VINTI – SORGI: “CONTE HA GUIDATO IL PARTITO DELL'ESTROMISSIONE IMMEDIATA DEI BENETTON E HA DOVUTO ACCETTARE UN COMPROMESSO FINALE CHE VEDE I CONCESSIONARI VENETI ANCORA A BORDO. AMMACCATI, CERTO, MA A BORDO - DI MAIO HA SPINTO CONTE SULLA LINEA “REVOCA E BASTA” MENTRE TRATTAVA DIETRO LE QUINTE SULLA MEDIAZIONE FINALE. ADESSO PUÒ SCARICARE SUL PREMIER IL PESO DEL FALLIMENTO DELLA LINEA DURA - MATTARELLA HA AGITO NELL'OMBRA, SILENZIOSO COME SEMPRE, UNICO CREDIBILE INTERLOCUTORE DI UNA MERKEL PREOCCUPATA PER GLI INVESTITORI TEDESCHI”

CHE VERGOGNA QUESTA EUROPA CHE BACCHETTA I GOVERNI, VINCOLA I CITTADINI E NON RIESCE A FARE PAGARE LE TASSE ALLE MULTINAZIONALI - I MECCANISMI FISCALI OLANDESI E IRLANDESI NON SONO STATI SMONTATI DALL’ARCIGNA VESTAGER: PER LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA, LA COMMISSIONE UE NON È STATA CONVINCENTE NEL DIMOSTRARE L’ELUSIONE FISCALE, VISTA LA DEMATERIALIZZAZIONE DELL'ECONOMIA DIGITALE - UN PUNTO DI VISTA CHE, IN PASSATO, ERA RIUSCITO ANCHE A “DEMATERIALIZZARE” L'IVA NEL COMMERCIO ELETTRONICO...