“CI SONO MOLTEPLICI INDIZI SULL’ESISTENZA DI UN PATRIMONIO IMMENSO IN CAPO A GIANNI AGNELLI” – NEL 2013 LA PROCURA DI MILANO DAVA PER CERTO CHE UNA PARTE DELL’EREDITÀ DELL’AVVOCATO FOSSE FINITA OFFSHORE: “LE DIMENSIONI E LA DISLOCAZIONE TERRITORIALE NON SONO MAI STATI DEFINITI” – ORA QUELLE CARTE SONO FINITE NELLE MANI DEI PM DI TORINO, CHE HANNO APERTO UNA NUOVA INDAGINE. ALLORA A BLOCCARE TUTTO FU LA MANCATA COLLABORAZIONE DI SVIZZERA E LIECHTENSTEIN IN SEDE DI ROGATORIA. QUESTA VOLTA COME FINIRÀ?

-

Condividi questo articolo


MARGHERITA AGNELLI JOHN ELKANN - ILLUSTRAZIONE DEL FATTO QUOTIDIANO MARGHERITA AGNELLI JOHN ELKANN - ILLUSTRAZIONE DEL FATTO QUOTIDIANO

(ANSA) - "Molteplici indizi portano a ritenere come verosimile l'esistenza di un patrimonio immenso in capo al defunto Gianni Agnelli, le cui dimensioni e la cui dislocazione territoriale non sono mai stati compiutamente definiti". Scrivevano questo nel 2013 i magistrati della procura di Milano al termine di un procedimento su uno dei numerosi filoni giudiziaria aperti intorno all'eredità dell'Avvocato: il documento (si tratta di una richiesta di archiviazione per sei persone indagate a vario titolo) è uno dei quelli letti dai pm di Torino dopo l'esposto presentato nel dicembre del 2022 da Margherita Agnelli, figlia dell'ex presidente della Fiat, che ha originato una nuova indagine.

 

MARGHERITA AGNELLI MARGHERITA AGNELLI

Margherita sostiene da anni che una parte dell'eredità paterna, detenuta all'estero, le fu nascosta. Gli inquirenti milanesi svolsero degli accertamenti per cercare di capire se le iniziative giudiziarie della donna fossero giustificate e conclusero che non si trattava di "pretese avventate". A bloccare le indagini fu, in parte, la mancata collaborazione delle autorità giudiziarie di Zurigo e del Liechtenstein in sede di rogatoria "sulla base dell'assunto, non del tutto condivisibile, che le richieste avevano esclusiva finalità fiscale".

MARGHERITA AGNELLI - JOHN ELKANN - EDOARDO AGNELLI - MARELLA CARACCIOLO - GIANNI AGNELLI MARGHERITA AGNELLI - JOHN ELKANN - EDOARDO AGNELLI - MARELLA CARACCIOLO - GIANNI AGNELLI giovanni agnelli giovanni agnelli JOHN ELKANN E MARGHERITA AGNELLI JOHN ELKANN E MARGHERITA AGNELLI JOHN ELKANN CON LA MADRE MARGHERITA AGNELLI AL SUO MATRIMONIO CON LAVINIA BORROMEO JOHN ELKANN CON LA MADRE MARGHERITA AGNELLI AL SUO MATRIMONIO CON LAVINIA BORROMEO MARGHERITA AGNELLI 2 MARGHERITA AGNELLI 2 MARGHERITA AGNELLI MARGHERITA AGNELLI margherita agnelli a gstaad margherita agnelli a gstaad

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…